L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

.

 

 

 

 

Il Rach3 a Nuove Atmosfere con Pace e Chauhan

Doppio appuntamento venerdì 23 e sabato 24 al Paganini (ore 20.30)

Il Terzo Concerto per pianoforte e orchestra di Rachmaninov, che è divenuto celebre come “Rach 3” dopo un film fortunato (Shine del 1996), è stato definito come uno dei più impegnativi concerti del repertorio contemporaneo, forse il più difficile in assoluto. Questo affascinante concerto tardo-romantico deve infatti parte della sua fama alla sua grande difficoltà esecutiva, che richiede al solista una solidissima tecnica virtuosistica e molta resistenza. E’ infatti un brano di notevole lunghezza, che non presenta un singolo punto di insostenibile difficoltà tecnica, ma nel quale il solista suona praticamente sempre, con un insieme continuo di grandi difficoltà. E’ un concerto da virtuoso che i grandi pianisti hanno affrontato in modo bivalente: portato alla fama da Horowitz e inciso centinaia di volte, non è mai stato affrontato da giganti come Richter, Brendel, Zimerman e Benedetti Michelangeli, probabilmente per le caratteristiche, anche fisiche, imposte all’esecutore da Rachmaninov stesso. Nella seconda parte del concerto Chauhan dirigerà invece la Decima Sinfonia op.93 di Šostakovič, uno dei più punti elevati dell’autore russo, che la completò nel 1953 e l’affidò all’esecuzione di Mravinskij e della sua Filarmonica di Leningrado.

I concerti sono in calendario venerdì 23 (Turno Verde) e sabato 24 (Turno Rosso), sempre alle 20.30.

Alpesh Chauhan, direttore principale della Filarmonica Toscanini dal settembre 2017, oggi ventottenne, è rapidamente cresciuto a notorietà internazionale grazie all’intuizione che mette nella musica, apprezzata dalle orchestre e dal pubblico, e al suo naturale rapporto con i musicisti, cosa che gli ha già permesso di stabilire collaborazioni con alcune delle maggiori orchestre inglesi ed europee. Nella stagione in corso ha già diretto la Royal Philharmonic Orchestra, la Philharmonia (con Elena Urioste), la City of Birmingham Symphony Orchestra (con Nicola Benedetti), la BBC Symphony Orxchestra e nel giugno prossimo debutterà con la Royal Liverpool Philharmonic Orchestra. Nato come violoncellista, è passato giovanissimo alla direzione d’orchestra, diventando poi assistente di Andris Nelsons a Birmngham, città dove è nato e dove ha iniziato a studiare, passando poi al Royal Northern College of Music di Manchester.

Enrico Pace, nato a Rimini, ha studiato con Franco Scala al Conservatorio di Pesaro, dove si é diplomato anche in composizione e direzione d'orchestra. Si è perfezionato all'Accademia Pianistica Internazionale "Incontri col Maestro” di Imola. Suo prezioso mentore in seguito è stato il didatta belga Jacques de Tiège. Dopo la vittoria del primo premio al Concorso Internazionale Franz Liszt di Utrecht nel 1989, Enrico Pace si è esibito in tutta Europa in rinomate sale da concerto: Concertgebouw di Amsterdam, Teatro alla Scala di Milano, Herkulessaal di Monaco di Baviera, Philharmonie di Berlino. E’ stato invitato a suonare in numerosi Festival internazionali, tra cui Lucerna, Salisburgo, Edimburgo, La Roque d’Anthéron, Rheingau e il Festival Pianistico di Brescia e Bergamo. Molto apprezzato come solista, si esibisce con orchestre prestigiose, come la Concertgebouw, la Filarmonica di Monaco, la BBC Philharmonic, l'Orchestra Nazionale di Santa Cecilia, la MDR-Sinfonieorchester di Lipsia, la Camerata Salzburg, l’Orchestra Filarmonica di Varsavia.

I biglietti sono in vendita presso la biglietteria all’interno del Centro di Produzione Musicale (CPM) Arturo Toscanini, Viale Barilla 27/A. Ulteriori informazioni possono essere richieste telefonando allo 0521/391339 o scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Essa è aperta dal martedì al venerdì dalle 10.30 alle 13.00; il giovedì e venerdì anche dalle 14.00 alle 17.00. La biglietteria dell’Auditorium Paganini (0521-391379) apre solo nei giorni di concerto 60 minuti prima dell’orario d’inizio. I prezzi dei biglietti vanno dai 30 ai 15 euro a seconda del settore e della data prescelta. Riduzioni sono presenti per gli spettatori over65 e under30, per chi la Fidelity Card Toscanini, è socio o dipendente di un ente convenzionato (ad esempio il FAI o Heracomm) o di un CRAL locale. Gli allievi del conservatorio Boito e del Liceo Musicale Bertolucci hanno l’accesso a 5 € in ogni settore. Il biglietto under 14 resta fissato a 5 €. Si ricorda che il cambio turno, al costo di € 3, deve essere richiesto almeno il giorno precedente quello di validità dell’abbonamento (ad esempio entro il giorno 23 per il concerto del 24).

Nuove Atmosfere è resa possibile grazie al contributo del Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo, Regione Emilia-Romagna, Comune di Parma, Fondazione Cariparma, Fondazione Monte Parma, Provincia di Parma. Chiesi Spa è sponsor ufficiale della stagione. CePIM spa è partner istituzionale della Filarmonica Arturo Toscanini. Heracomm è partner istituzionale della Fondazione Arturo Toscanini. Assicoop Parma e Dallara sono Amici promotori. Sponsor tecnici sono Peugeot Davighi F.lli e Crosconsulting.

Vienna, Die Frau ohne Schatten, 06/06/2019

Trionfo straussiano alla Staatsoper

 di Francesco Lora

Milano, Diploma della Scuola di ballo della Scala, 08/06/2019

Festa per venti neodiplomati scaligeri

 di Michele Olivieri

Brescia, Festa dell'Opera, 08/06/2019

La cosa più bella

 di Roberta Pedrotti

Torino, La giara/ Cavalleria rusticana, 13/06/2019

Un’inedita, bella coppia

 di Alberto Ponti

Firenze, concerto Barenboim / Mehta, 02/06/2019

Un altro stile esotico

di Francesco Lora

CD, Beethoven for two

Due chitarre per Beethoven

 di Roberta Pedrotti

CD, Cominati suona Debussy

Meccanica poetica

 di Roberta Pedrotti

Vienna, Manon, 05/06/2019

Flórez, Des Grieux in scena

di Francesco Lora