L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   
  • Salisburgo, Gala di canto, 24/08/2014

    Gli amici di Elīna

    di Luis Gutierrez

  • Salisburgo, Concerto Villazon Bolton, 24/08/2014

    Matinée Classica

    di Luis Gutierrez

  • S.Lorenzo in Campo, Premio Tiberini, 19/08/2014

    O felice coppia!

    di Giovanni Andrea Sechi

  • Pesaro, Recital Ewa Podleś , 20/08/2014

    Il mito di Ewa

    di Roberta Pedrotti

  • Buenos Aires, Recital Joyce DiDonato, 18/08/2014

    Joyce, o della perfezione

    di Gustavo Gabriel Otero

  • Pesaro, Giovan Battista Velluti, 17/08/2014

    Un virtuoso per Aureliano

    di Roberta Pedrotti

  • Martina Franca, Festival della Valle d’Itria, 25-27/07/2014

    Quarant’anni di giovinezza per Martina Franca

    di Francesco Lora

  • Verona, Galà Verdi Domingo, 17/07/2014

    La tempesta del cuor

    di Andrea R. G. Pedrotti

  • Custoza, XXI premio Giuseppe Lugo, 25/06/2014

    Francesco Meli, il tenore

    di Francesco Bertini

  • Parma, La rivincita dei tre baritoni, 26/06/2014

    L'inafferrabile leggerezza dell'arte

    di Roberta Pedrotti

  • Lumezzane, Serata Giacinto Prandelli, 14/06/2014

    Un secolo d'arte e passione

    redazione

    Lumezzane, città del bresciano nota soprattutto per l'attività industriale, afferma con orgoglio anche la sua vocazione artistica ricordando ogni anno, nell'anniversario della scomparsa, il tenore Giacinto Prandelli, che vi nacque nel 1914. Quest'anno la serata ha visto protagonisti, oltra alla memoria dell'artista, le voci, applauditissime, di Teresa Iervolino, Giorgio Misseri, Benedetta Bagnara e Riccardo Certi.

    LUMEZZANE, 14 giugno 2014 – Per il quarto anno consecutivo, il Teatro Comunale Odeon di Lumezzane (BS) ospita una serata speciale, dedicata alla memoria del tenore Giacinto Prandelli, nato nella stessa città nel 1914 e destinato a diventare uno degli artisti più raffinati del suo tempo, ammirato da Toscanini, che lo scelse per inaugurare la Scala ricostruita dopo la guerra, cantò con Callas e Tebaldi, con Giulini, De Sabata e Karajan, con Visconti e Rossellini, condivise il palcoscenico con Vittorio Gassman e Ingrid Bergman, cantò Mozart, Donizetti, Verdi, Puccini, fu prediletto da Cilea, Giordano e Alfano, si dedicò all'opera a lui contemporanea, primo interprete, fra l'altro, del Peter Grimes di Britten in Italia. Nel 2011, a un anno dalla scomparsa, Prandelli fu celebrato con un Galà lirico intercalato da brani pianistici e proiezioni di frammenti d'interviste e registrazioni d'epoca; in seguito si è scelto come filo conduttore della serata la riduzione di un'opera (Madama Butterfly nel 2013, La traviata nel 2013) in cui giovani interpreti si sono trovati a interagire con incisioni della voce dello stesso tenore lumezzanese. Nell'occasione del quarto anniversario della morte e del centenario della nascita, si è deciso di affiancare al concerto vero e proprio uno spazio dedicato alla memoria di Giacinto Prandelli come uomo, del suo rapporto con la terra d'origine e sull'ambiente nel quale il suo talento si è sviluppato e manifestato prima di affermarsi nel mondo. Roberta Pedrotti, direttrice artistica dell'evento [leggi la sua testimonianza], ha salutato il pubblico e ringraziato la precedente amministrazione comunale per il lavoro svolto insieme fino a quel momento, dando quindi il benvenuto al neoeletto sindaco Matteo Zani, che ha così inaugurato ufficialmente il suo mandato e dato inizio alla serata. [youtube https://www.youtube.com/watch?v=wZV6Em0R0kQ] Alcune toccanti e spiritose testimonianze video della signora Anna Maria, moglie del Maestro e presente in sala, sono state incorniciate dagli interventi del giornalista lumezzanese Egidio Bonomi, che conobbe personalmente Prandelli e ha illustrato alcune significative fotografie d'epoca che ritraevano anche il giovanissimo tenore impegnato in gruppi musicali o teatrali, e della stessa Pedrotti, che ha tracciato un ritratto artistico di Giacinto, delineandone brevemente caratteristiche e carriera, e ha introdotto le due parti del concerto vero e proprio. Ha aperto il programma musicale, accompagnato al pianoforte da Kuniko Kumagai, il tenore Giorgio Misseri con la cavatina di Tebaldo dai Capuleti e i Montecchi di Bellini; a lui toccherà poi anche chiudere la scaletta ufficiale con la pirotecnica "Pour mon âme" dalla Fille du régiment. È stata poi la volta di un'altra voce belcantista emergente, Teresa Iervolino, che ha offerto come biglietto da visita "Una voce poco fa" dal Barbiere di Siviglia rossiniano, dipanando poi, nella seconda parte, la seduzione di Dalila con "Mon coeur s'ouvre à ta voix", dall'opera di Saint-Saëns. A cesura fra i due tempi del concerto, il finale del secondo atto di Rigoletto, da "Tutte le feste al tempio" a "Sì vendetta", con il soprano Benedetta Bagnara e il basso baritono Riccardo Certi. Per celebrare l'unica opera che Giacinto Prandelli cantò (con Carlo Tagliabue) nel teatro della sua città, Certi tornerà dopo l'intervallo con "Cortigiani, vil razza dannata", mentre alla Bagnara spetterà l'accorato addio della Wally di Catalani "Ebben ne andrò lontana". Il calore della sala è stato premiato e vieppiù acceso da due fuori programma a quattro voci: Lehàr, con "Tace il labbro", in omaggio alla passione per l'operetta coltivato dall'adolescenza dalla signora Anna Maria Prandelli, e ancora Verdi, con "Bella figlia dell'amore". Un vivo ed emozionato succeso di pubblico hanno coronato la serata, curata nella regia da Sara Poli, che ha supervisionato anche al montaggio dei contributi video. E proprio in video ha fatto la sua comparsa anche la voce di Giacinto Prandelli, con la sua storica "Che gelida manina" accompagnata dallo scorrere toccante di immagini pubbliche e private.

  • Salisburgo, Giornata rossiniana, 08/06/2014

    Pentecoste a Salisburgo, i concerti di Rossini

    di Francesco Lora

  • Palermo, Concerto Amarù Kütson, 30/05/2014

    L’arte di Chiara Amarù

    di Giuseppe Guggino

  • Firenze, recital Anderson, 25/05/2014

    Voce di luce, June Anderson a Firenze

    di Francesco Lora

  • Milano, recital Rolando Villazon, 25/05/2014

    La musica quale lingua dell’anima

    di Andrea R. G. Pedrotti

  • Roma, Recital Mariella Devia, 30/04/2014

    La regina del Belcanto

    di Stefano Ceccarelli

  • Palermo, concerto Bostridge Balke, 03/05/2014

    La riscossa dei cadetti

    di Giuseppe Guggino

  • Salisburgo, I concerti del Festival di Pasqua, 19-21/04/2014

    Dresda a Salisburgo, concerti per Richard Strauss

    di Francesco Lora

  • Palermo, concerto Ranzani, 27/04/2014

    La consacrazione del canto

    di Giuseppe Guggino

  • Lugo, Bianchi Rossini e Verdi, 15/04/2014

    Nato per l'opera buffa, Tu lo sai bene

    di Roberta Pedrotti

Registrati e ricevi gli aggiornamenti

Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.