L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Rossini nel cuore

di Roberta Pedrotti

Giorgio Caoduro è stato il più giovane dei "magnifici tre baritoni" dell'Accademia Rossiniana 2000, che vedeva sfilare fra gli allievi anche Nicola Alaimo e Luca Salsi. Da allora la sua carriera si è sviluppata a livello internazionale come uno dei punti di riferimento nel repertorio belcantista, ma non è più tornato nel cartellone del Rossini Opera Festival se non quest'estate come Gaudenzio nel Signor Bruschino [Pesaro, Il signor Bruschino, 07/08/2021] e nel Galà rossiniano conclusivo [Pesaro, Galà Rossini, 22/08/2021]. Di recentissima uscita è anche un suo CD dedicato al Cigno di Pesaro.

Fra una recita e una prova l'abbiamo incontrato (a distanza ma non troppo: entrambi vaccinati, come del resto tutto il cast del Bruschino!) in uno dei centri conviviali della città rossiniana, Harnold's in Piazza Lazzarini, per chiacchierare un po' di vocalità, repertorio, variazioni, del lavoro con i colleghi a Pesaro e della situazione teatrale post pandemia.


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.