L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Le basi per il futuro

 di Roberta Pedrotti

Leggi la cronaca della finale del Concorso Ottavio Ziino, 08/11/2015

Si è esibita per ultima, nel concerto finale del XIV concorso lirico internazionale Ottavio Ziino, e la sensazione è stata nettissima: dopo tante potenzialità anche molto interessanti, ma spesso ancora del tutto da esprimere, maturare e affinare, ecco un'artista con una marcia in più. Giuliana Gianfaldoni gestisce bene il fiato, sa cosa significhi respirare, legare ed emettere delle vere messe di voce e mezzevoci ben calibrate. Ha esibito, cioè, la più autentica e solida base per un cammino di grande soddisfazione nel belcanto, seducendo peraltro il pubblico con un'aria come "Oh quante volte oh quante" che non tutti i soprani sanno valorizzare musicalmente ed emotivamente, un brano che sovente nei concorsi scivola come noioso compito e dovere e che invece si è rivelato la perla della serata.

Scoprire, poi, che Giuliana ha da pochissimo compiuto ventitré anni è stata un'ulteriore grata sorpresa, cui non poteva non seguire una breve intervista per conoscerla dalla sua stessa voce non solo nel canto.


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.