L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Le basi per il futuro

 di Roberta Pedrotti

Leggi la cronaca della finale del Concorso Ottavio Ziino, 08/11/2015

Si è esibita per ultima, nel concerto finale del XIV concorso lirico internazionale Ottavio Ziino, e la sensazione è stata nettissima: dopo tante potenzialità anche molto interessanti, ma spesso ancora del tutto da esprimere, maturare e affinare, ecco un'artista con una marcia in più. Giuliana Gianfaldoni gestisce bene il fiato, sa cosa significhi respirare, legare ed emettere delle vere messe di voce e mezzevoci ben calibrate. Ha esibito, cioè, la più autentica e solida base per un cammino di grande soddisfazione nel belcanto, seducendo peraltro il pubblico con un'aria come "Oh quante volte oh quante" che non tutti i soprani sanno valorizzare musicalmente ed emotivamente, un brano che sovente nei concorsi scivola come noioso compito e dovere e che invece si è rivelato la perla della serata.

Scoprire, poi, che Giuliana ha da pochissimo compiuto ventitré anni è stata un'ulteriore grata sorpresa, cui non poteva non seguire una breve intervista per conoscerla dalla sua stessa voce non solo nel canto.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.