L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Debutta il Balletto di Milano con Cenerentola

domenica 18 gennaio alle 16

sul palco del Teatro Municipale

Il balletto coreografato da Giorgio Madia

è il secondo appuntamento con la Stagione di Danza 2014-2015

della Fondazione Teatri di Piacenza

realizzata in collaborazione con Aterdanza

Prosegue domenica prossima 18 gennaio alle 16 con il Balletto di Milanola Stagione di Danza 2014-2015 del Teatro Municipale realizzata dalla Fondazione Teatri di Piacenzain collaborazione con Aterdanza. In scena la straordinaria versione coreografica di Giorgio Madia, vincitrice del Gold Critics Award (2007) e del Premio Bucchi (2011), del balletto ispirato alla celebre fiaba di Charles Perrault cui resta fedele anche se l'ambientazione si sposta negli anni cinquanta con riferimenti ai cliches del periodo.

La partitura, diversamente da quanto accade nei balletti tratti dalle opere, qui si compone avvalendosi trasversalmente del catalogo rossiniano, prende in prestito brani cameristici, dalle Sonate per archi alle composizioni per tastiera, per gli a solo e i pas de deux creando una sorta di cornice concentrica attorno ai personaggi principali.

Una scelta dettata dal fatto che quando Gioachino Rossini ed il librettista Jacopo Ferretti conversero la fiaba Cendrillon nel soggetto per una nuova opera da dare in scena (soltanto un mese dopo) al teatro Valle di Roma, decisero di rinunciare all’elemento sovrannaturale dell’archetipo letterario a favore di un tratto del tutto realistico e comico dei personaggi, peculiare al genere dell’opera buffa. Tuttavia il segno essenziale di un balletto è certamente il fiabesco, il fantastico. Un cambio di destinazione d’uso che rende pertanto necessaria l’estrapolazione unicamente di alcune parti della Cenerentola rossiniana quali l’Ouverture, il Temporale, la canzone Unavolta c’era un re e il coro O figlie amabili di Don Magnifico.

Ma il materiale musicale più adeguato ed efficace al recupero dell’elemento magico della fiaba si ritrova nelle composizioni create da Rossini proprio per attirare l’attenzione, per generare lo stupore dello spettatore distratto e ad altro affaccendato quale era il frequentatore del teatro italiano del primo Ottocento; quelle in cui il genio pesarese sperimenta nuove sonorita creandosi uno stile inconfondibile: le Ouverture.

Le «Sinfonie avanti l’opera» de La gazza ladra, Il signorBruschino, Guglielmo Tell, Il barbiere di Siviglia, L’italiana in Algeri, con la loro brillantezza, l’acrobazia virtuosistica, gli effetti comici e parodistici dell’orchestrazione, vestono infatti perfettamente una coreografia che ci restituisce quell’ambientazione immaginaria fatta di fate, carrozze, cavalli e scarpette di Perraultiana memoria, in cui alla genialità dei mezzi espressivi musicali fa eco la stupefacente invenzione coreografica di Giorgio Madia, concorrendo a comporre i frammenti di un pastiche musicale che trasforma la pièce larmoyante in un balletto celebrativo della magica creatività tout court della poetica rossiniana.

Per info e biglietti è possibile rivolgersi alla biglietteria del Teatro Municipale di Piacenza, in via Verdi 41, al numero di telefono 0523.492251 o al fax 0523.320365 o all'indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. 


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.