L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Giorgio Federico Ghedini a cinquant'anni dalla morte

Conservatorio Statale Giuseppe Verdi di Torino

Anno accademico 2015-16

Serate musicali - Prima parte

Ghedini: dallo spirito torinese alle suggestioni europee

Venerdì 22 gennaio 2016

Biblioteca e Salone del Conservatorio

     

Per ricordare, in occasione del 50° anniversario della morte, la figura del compositore Giorgio Federico Ghedini (1892-1965), uno dei grandi esponenti della musica italiana nella prima metà del ‘900, il Conservatorio Statale di musica “Giuseppe Verdi” di Torino ha programmato nella propria stagione di eventi 2015-2016 una Giornata di studio e una Serata musicale interamente dedicate all’opera del Maestro. 

Prevista per il 22 gennaio 2016, la manifestazione - Ghedini: dallo spirito torinese alle suggestioni europee - si aprirà alle 14.30 nella Biblioteca del Conservatorio, con una tavola rotonda cui parteciperanno relatori provenienti da vari Conservatori italiani: gli interventi riguarderanno i rapporti del musicista, cuneese di nascita, con Torino (Gigliola Bianchini), Bologna (Annarosa Vannoni) e Novara (Giuseppe Viarengo); alcune caratteristiche del linguaggio musicale ghediniano, in composizioni per pianoforte e per pianoforte e violino (Giulia Giachin), per coro (Alessandro Ruo Rui) e per il teatro (Andrea Lanza, che rievocherà la collaborazione di Ghedini con Tullio Pinelli); l’atteggiamento di Ghedini verso la poesia (Gigliola Bianchini), la vicinanza a Gianandrea Gavazzeni (Lucio Cuomo) e approfondimenti sul Concerto dell’Albatro (Attilio Piovano). 

Seguirà alle 21.00 nel Salone del Conservatorio una Serata musicale, in cui allievi dei corsi superiori (delle Scuole di organo di Gianluca Cagnani, di pianoforte di Claudio Voghera, Daniela Carapelli e Marina Scalafiotti, di canto di Silvana Silbano, di accompagnamento pianistico di Fulvio Galanti, di violino di Piergiorgio Rosso e Sergio Lamberto e di musica da camera di Carlo Bertola) eseguiranno brani ghediniani poco noti e talora inediti, appartenenti al periodo ‘torinese’ del compositore e conservati nella Biblioteca del Conservatorio di Torino.

La progettazione musicologica e artistica dell’evento è stata realizzata da Gigliola Bianchini, bibliotecaria, e da Giulia Giachin, docente di Storia della musica presso la nostra Istituzione.

Visualizza e/o scarica il depliant con tutti i dettagli di questa e altre iniziative del Conservatorio


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.