L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Indice articoli

OM Risuona

l’Orchestra Mozart ricomincia a suonare grazie ai suoi musicisti e al crowdfunding internazionale:
un appello collettivo a sostegno della cultura e della musica, portato avanti insieme, a partire dai grandi artisti con cui l’Orchestra Mozart ha sempre collaborato

Donatori e Sponsor invitati a partecipare da febbraio 2016 a gennaio 2017

OM Risuona è il nome del nuovo progetto internazionale per la rinascita dell'Orchestra Mozart - ultima creatura di Claudio Abbado, suo fondatore e grande guida - promosso dalla Regia Accademia Filarmonica di Bologna in concomitanza con il 350° anniversario della sua fondazione e fortemente voluto dai musicisti che hanno suonato nei suoi dieci anni di storia. OM Risuona riparte dalla campagna di crowdfunding internazionale, online a partire da oggi (23 febbraio 2016) sul nuovo sito www.orchestramozart.com e sui canali social del progetto (Facebook, Instagram) e su Spotify, dove è già disponibile un canale dedicato con playlist selezionate. Il progetto, realizzato con la consulenza di Ginger, società creatrice di campagne di crowdfunding, presentato con il patrocinio del Comune di Bologna, in collaborazione con la Cineteca di Bologna e la Fondazione MAST, vede tra i media partner anche Amadeus e Repubblica.it.

OM Risuona è un simbolo forte che racchiude l'importanza di sostenere i progetti culturali che hanno fatto conoscere l’Italia nel mondo: nel 2004 all’interno della Accademia Filarmonica di Bologna nasceva l'Orchestra Mozart diretta dal grande Maestro. La Mozart ha suonato per 10 anni, piantando un seme che da allora non ha mai cessato di crescere. Nel 2014 l'Orchestra ha cessato di esibirsi, ma l'eco di ciò che è stato risuona ancora, a livello nazionale e internazionale, e nel 2016 sono proprio i suoi musicisti a proseguire il cammino tracciato.

 “Non potevamo in alcun modo rinunciare alla preziosa eredità che ci ha lasciato Claudio Abbado. Per noi è un dovere e un onore portare avanti le sue idee.” dichiarano i musicisti – in prima linea Francesco Senese, Lucas Macías Navarro, Manuel Kastl, Mattia Petrilli e Raphael Christ - che per dieci anni hanno suonato insieme, sigillando per sempre le loro carriere, sotto il segno di una esperienza unica.

Per la prima volta nella storia dell’Orchestra Mozart, i musicisti, i veri primi Ambassador, promotori e sostenitori di OM Risuona, hanno deciso di essere retribuiti tutti allo stesso modo, senza distinzioni fra prime parti dell’orchestra e musicisti di fila, disponibili per realizzare a titolo gratuito le attività a sostegno della campagna, anche nell’ottica di iniziative future della nuova Orchestra Mozart. Un tratto di unicità dell’orchestra, che rinasce con questa spinta collettiva, dove ogni musicista è importante perché partecipa e non per il posto in cui siede.

“Sarebbe un enorme sbaglio archiviare questa incredibile esperienza che ci accomuna.” dichiara Lucas Macías Navarro e prosegue: “Vogliamo far rinascere la OM e lo facciamo a partire dal nostro impegno, con l'obiettivo di coinvolgere tutti coloro che pensano che l'Italia non debba e non possa rinunciare ad una eccellenza internazionale che ha contribuito a far conoscere la musica classica nel mondo.”

La campagna di raccolta fondi durerà un anno e si concluderà nel 2017 con l’obiettivo di scalare la vetta finale: realizzare il primo grande concerto della nuova Orchestra Mozart, preferibilmente sotto la guida di uno dei direttori che già in passato avevano collaborato con l’orchestra. Sarà possibile donare e sostenere questa nuova fase dell'Orchestra attraverso il sito www.orchestramozart.com dove ogni donazione è un’esperienza ed è il donatore stesso a scegliere il percorso che lo porta all’interno del progetto. Con il proprio contributo si potrà decidere di partecipare agli attesissimi concerti, scaricare brani e video inediti dell’Orchestra, interviste ai musicisti, si potrà partecipare a laboratori tenuti dagli stessi componenti dell’orchestra o scoprire i segreti dell’Accademia Filarmonica attraverso i suoi cimeli (fra i tanti: il compito autografo di Mozart, il manoscritto originale de La Cenerentola di Rossini o gli abbozzi della Madama Butterfly di Puccini).

Sarà possibile donare tramite paypal, bonifico bancario e nelle sedi degli eventi organizzati durante la campagna. Il modello individuato è del tipo reward-based crowdfunding, che prevede delle ricompense a fronte di ogni donazione.

OM Risuona presenta un calendario di iniziative che sintetizza solo alcuni step della campagna, ma che si costruirà giorno per giorno, a livello locale, nazionale e internazionale, durante tutto l'arco del 2016, in base alle proposte e alle donazioni raccolte.

Il primo appuntamento ufficiale è stato mercoledì 9 marzo a Berlino, con un appuntamento internazionale: la proiezione del documentario L’Orchestra. Claudio Abbado e i musicisti della Mozart, di Helmut Failoni e Francesco Merini (2014, Mammut Film) presso la sede dei Berliner Philarmoniker. In occasione della proiezione, organizzata dalla filarmonica berlinese, il progetto OM Risuona verrà presentato al pubblico tedesco.

A seguire, domenica 13 marzo a Bologna, in occasione dell’apertura delle celebrazioni per il 350° anniversario della fondazione dell’Accademia Filarmonica, ci sarà l'apertura del tour internazionale dei Solisti dell’Orchestra Mozart: il concerto, che si svolgerà a Bologna presso l’Auditorium della Fondazione MAST alle ore 20.00 in collaborazione con la Fondazione stessa, propone un classico repertorio pensato per un ensemble di 13 elementi e vede al centro diverse composizioni di Bach.

Questo concerto segue la tradizione della musica da camera, che è sempre stato un aspetto importante della programmazione artistica dell’Orchestra Mozart, con i concerti dei Solisti dell’Orchestra Mozart. La tournée prosegue in Spagna il 14 marzo presso l’Alicante Sociedad de Conciertos; 16 marzo alla Bilbao Sociedad Filarmonica e il 17 marzo nel Pamplona Teatro Gayarre.
A  luglio-agosto in Piazza Maggiore a Bologna, nell'ambito della rassegna “Sotto le stelle del cinema” verrà proiettato il film L'Orchestra, in collaborazione con la Cineteca di Bologna.
A ottobre 2016 la tournée italiana della formazione di giovani talenti che compongono l'Accademia dell’Orchestra Mozart - il vivaio di giovani musicisti dell’Accademia Filarmonica -, con la partecipazione della violista Danusha Waskiewicz, prima viola dell’OM, nel ruolo di solista e direttore. La tournée è realizzata in collaborazione con il CIDIM - Comitato Nazionale Italiano Musica.

In attesa di completare il calendario con nuove e importanti iniziative - l’appello è rivolto a teatri, istituzioni, aziende che desiderano ospitare un concerto dell’Orchestra Mozart - si guarda al 2017 pensando al primo vero concerto nato dal progetto OM Risuona. Sarà questo obiettivo a sancire la buona riuscita di una campagna che va dritto al cuore di chi ama la musica e vuole cogliere una buona occasione per sostenere una causa delicata e preziosa.

OM Risuona è un progetto promosso dalla Regia Accademia Filarmonica di Bologna in occasione del 350° anniversario della sua fondazione, con il patrocinio del Comune di Bologna, in collaborazione con la Cineteca di Bologna e la consulenza di Ginger Crowdfunding.
Partner: Fondazione MAST. Media Partner: Amadeus e Repubblica.it. Music Partner: Spotify.

www.orchestramozart.com


 

DICHIARAZIONI DI SOSTEGNO

Dear Mr Azzaroni,

It is absolutely wonderful to hear about the rebirth of the Mozart Orchestra Bologna which was a creation of the late Claudio Abbado and has brought tremendous joy to concert-audiences all around the world including our own audience in Lucerne. We still treasure the musical moments we had with the Mozart Orchestra and Claudio Abbado in our hearts and I am very much looking forward to hearing from you about the further progress of this outstanding musical project.

With warmest wishes,

Yours sincerely,

Michael Haefliger

Michael Haefliger

Executive and Artistic Director Lucerne Festival

 

Con viva soddisfazione e grande gioia, ho scoperto che l'Orchestra Mozart sta preparando il proprio ritorno sulla scena internazionale. Durante il periodo che va dal novembre 2004 - quando sotto la direzione di Claudio Abbado questa brillante formazione ha debuttato al Teatro Manzoni di Bologna - fino alla drammatica giornata grigia del mese di gennaio 2014 - quando è stata comunicata la sospensione temporanea della sua attività - l'Orchestra Mozart ha svolto un ruolo estremamente importante come fedelissimo partner di Claudio nella costante ricerca della perfezione interpretativa che ha caratterizzato l'ultimo decennio della sua vita artistica.

Dal momento che anche il mio impegno con Ferrara Musica è iniziato nel novembre 2004, mi ricordo vivamente la maggior parte dei concerti dell'Orchestra Mozart a Bologna, nonché numerosi progetti realizzati a Ferrara, nel Teatro Comunale che ora è intitolato “Claudio Abbado”.

Mi auguro e spero che i musicisti-membri e gli amici dell'Orchestra Mozart riescano a far battere nuovamente il suo cuore. In questo modo, il mondo musicale sarà in grado di godere ancora e direttamente sul palco questa importantissima parte dell'eredità di Claudio.

George Edelman

Direttore Artistico Ferrara Musica

Teatro Comunale Claudio Abbado


DICHIARAZIONI TRATTE DALLE VIDEO INTERVISTE

Penso che l’OM sia un'orchestra davvero speciale. L’OM deve continuare perché è unica e speciale, perché l'atmosfera e il modo di fare musica, lo spirito, l'anima dell'orchestra sono davvero unici. È un miracolo perché in 10 anni l'orchestra si è sviluppata così tanto con residenze a Vienna, a Parigi... è davvero un'orchestra speciale perché ogni musicista sente un grande amore e una grande passione nel fare musica insieme e non ci sono molte orchestre che hanno quest’anima.
Lucas Macías Navarro

L'OM deve tornare a suonare perché mi piace pensare che è il testamento che Claudio Abbado ha lasciato alla cultura e alla musica italiana. Penso che il suono dell'OM debba avere la possibilità e il diritto di esprimersi ancora proprio perché è la voce di Claudio che ancora risuona e il suo modo di pensare la musica che hanno l'opportunità di rivivere attraverso i musicisti che l'hanno accompagnato nei suoi ultimi 10 anni di attività.
Mattia Petrilli

Penso che Abbado ci abbia insegnato qualcosa di speciale. Ci sono tanti musicisti a cui lui ha insegnato, e noi siamo stati tra i fortunati a lavorare con lui proprio nei suoi ultimi anni di vita. Ci ha insegnato ad ascoltarci, a fare musica, a provare la gioia di essere insieme, e questa è la nostra grande responsabilità. Ci è stata affidata questa eredità e dobbiamo trasmetterla agli altri. Abbiamo imparato a suonare insieme, perché l'abbiamo fatto tante volte, e penso che questo spirito sia ancora tra di noi, così come la motivazione a continuare, così potente anche nei due anni trascorsi. Penso non ci sia altro modo e credo che le persone che ci hanno sentito suonare in passato vogliano ascoltare ancora concerti davvero speciali come i nostri.
Manuel Kastl


Perché l’OM deve tornare a suonare? Per me ci sono varie ragioni. Per prima cosa c'è il modo di fare musica che è fresco, giovane, felice e meraviglioso. È un'orchestra che ha un'energia e una potenza enormi, musicisti con un grandissimo potenziale e una grande bravura nel fare musica, combinati con una grande gioia, orgoglio e quel luccichio negli occhi di tutti che rende tutto questo molto speciale. Nell'OM ci vogliamo bene e abbiamo trascorso insieme una grande parte del nostro tempo, dai 18 ai 30 anni, crescendo e condividendo momenti musicali e non davvero stupendi. Tutti noi speriamo e vogliamo davvero sentire di nuovo la sensazione di essere insieme nell'OM.
Raphael Christ


Gisella Curtolo

Gabriele Geminiani

Carlos Del Ser Guillèn

Behrang Rassekhi

Chaim Steller

Alessandro Carbonare

Mariafrancesca Latella

Giuseppe Russo

Claudia Schmidt

Josè Vicente Castello

Francesco Senese

Johane Gonzalez Seijas

 


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.