Teatro pergolesi di Jesi

Amore, gelosia, tradimento, follia: ritratti di donna

OPERA ANCONA JESI

STAGIONE LIRICA 2016

 

Dal 23 settembre al 17 dicembre un’unica STAGIONE LIRICA 2016 del Teatro delle Muse “Franco Corelli” di Ancona e del Teatro di Tradizione “G.B. Pergolesi” di Jesi. Sei spettacoli d’opera e due concerti, tra grande repertorio e rarità musicali con Lucia di Lammermoor di Donizetti, Tosca di Puccini, La Traviata di Verdi, Adelson e Salvini di Bellini, il dittico Cavalleria rusticana di Mascagni e Pagliacci di Leoncavallo, La scuola de’ Gelosi di Salieri, l’oratorio Ester, liberatrice del popolo Ebreo di Stradella ed il concerto “Per la ritrovata salute di Ofelia. Mozart vs Salieri”.

Un’unica, grande, STAGIONE LIRICA 2016 dal 23 settembre al 17 dicembre è la proposta di “OPERA ANCONA JESI” promossa ed organizzata dalla Fondazione Teatro delle Muse e dalla Fondazione Pergolesi Spontini con la direzione artistica di Vincenzo De Vivo. Il programma che unisce gli appuntamenti della Stagione Lirica 2016 del Teatro delle Muse di Ancona e della 49ª Stagione Lirica di Tradizione del Teatro G.B. Pergolesi di Jesi, propone titoli del grande repertorio e preziose rarità musicali, sotto il comune tema “Amore, gelosia, tradimento, follia: ritratti di donna”.

Sui due palcoscenici, la stagione si dipana creando richiami tra un’opera e l’altra: sei spettacoli d’opera e due concerti segnano il percorso nel passato - con un’arcata lunga più di tre secoli - dalla Roma seicentesca di Stradella alla Roma di Tosca, alle soglie del Novecento, passando dalla Vienna di Salieri e Mozart, sostando a Milano, Napoli, Venezia, le capitali italiane del melodramma romantico. Nella musica di epoche e luoghi lontani, si delineano i ritratti di donne protagoniste e oggetto di vicende che mutano profondamente la loro interiorità, segnandone il destino. Autorevoli presenze direttoriali e registi di fama internazionale assicurano un alto livello delle produzioni, di cui cinque nuove.

Numerosi gli eventi intorno alle opere liriche che animeranno Ancona e Jesi per tutto l’autunno, nell’ambito di un cartellone integrato caratterizzato da una immagine unica, agevolazioni di biglietteria, attività di promozione coordinate, strategie condivise e momenti di incontro per un pubblico di appassionati e per cittadini curiosi.

La Stagione Lirica 2016 “Opera Ancona Jesi” è stata presentata oggi, martedì 7 giugno 2016, nel corso di una conferenza stampa presso la Regione Marche, alla presenza degli assessori alla Cultura Paolo Marasca (Ancona) e Luca Butini (Jesi), di Velia Papa direttore delle Fondazione Teatro delle Muse, di William Graziosi amministratore delegato della Fondazione Pergolesi Spontini, di Vincenzo De Vivo direttore artistico della Fondazione Teatro delle Muse e della Fondazione Pergolesi Spontini.

ll cartellone di “Opera Ancona Jesi” si apre al Teatro delle Muse “Franco Corelli” di Ancona con due titoli d’opera tra i più amati dal pubblico, Lucia di Lammermoor e Tosca, in due nuovi allestimenti curati dalla Fondazione Teatro delle Muse.

Venerdì 14 ottobre alle ore 20,30 e domenica 16 ottobre alle ore 16 appuntamento con Tosca di Giacomo Puccini, un nuovo allestimento della Fondazione Teatro delle Muse con la direzione di Guillaume Tournaire, la regia di Pete Brooks, le scene ed i costumi di Laura Hopkins, video di Simon Wainwright e luci di Andrew Croft. Nella compagnia di canto, il soprano rumeno Cellia Costea è Floria Tosca, Antonello Palombi è Mario Cavaradossi, Alberto Gazale è il Barone Scarpia, Alessandro Spina interpreta Cesare Angelotti, Davide Bartolucci è il Sagrestano.

Per entrambe le produzioni sono impegnati l’Orchestra Sinfonica “G. Rossini” e il Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini”.

Segue, al Teatro G.B. Pergolesi di Jesi, La traviata di Giuseppe Verdi, venerdì 21 ottobre alle ore 20,30 con replica domenica 23 ottobre alle ore 16 ed un’anteprima giovani mercoledì 19 ottobre alle ore 16 riservata ai partecipanti del progetto “Ragazzi… all’opera”. L’opera è diretta da Pietro Rizzo, nell’allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini, con la regia Henning Brockhaus, la ricostruzione scenografica da un’idea di Josef Svoboda a cura di Benito Leonori e i costumi di Giancarlo Colis. Nella compagnia di canto, Violetta Valery è Cristina Pasaroiu, Alfredo Germont è interpretato da Vincenzo Costanzo, Giorgio Germont è Roberto De Candia.

Il cartellone lirico di Jesi prosegue venerdì 11 novembre alle ore 20,30 e domenica 13 novembre alle ore 16 (anteprima giovani mercoledì 9 novembre ore 16) con la prima opera di Vincenzo Bellini, il dramma per musica in tre atti Adelson e Salvini, in un nuovo allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini in coproduzione con Teatro Massimo “V. Bellini” di Catania. Direttore è lo spagnolo José Miguel Perez Sierra, la regia è di Roberto Recchia, le scene di Benito Leonori, i costumi di Patricia Toffolutti. Protagonista nel ruolo dell’orfana Nelly è Cecilia Molinari, Mert Sungu canta Salvini, Rodion Pogossov è Lord Adelson, Baurzhan Anderzhanov è Struley.  L’opera è offerta nella versione originale, scritta dal giovanissimo compositore al termine dei suoi studi di conservatorio, con i dialoghi parlati ed il ruolo del basso buffo cantato in napoletano.

Venerdì 2 dicembre alle ore 20,30 e domenica 4 dicembre alle ore 16 conanteprima giovani mercoledì 30 novembre alle ore 16, va in scena il dittico Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni e Pagliacci di Ruggero Leoncavallo, in una nuova produzione della Fondazione Pergolesi Spontini in coproduzione con Opéra-Théâtre de Metz Métropole e Opéra de Toulon. Daniel Gil de Tejada fa il suo debutto direttorale in Italia; la regia è di Paul-Émile Fourny, le scene sono curate da Benito Leonori e i costumi da Giovanna Fiorentini. Nella compagnia di canto di “Cavalleria rusticana” Santuzza è Norma Fantini, Turiddu è Alin Stoica, Alfio è interpretato da Fabian Veloz, e Lucia da Giovanna Lanza. Per “Pagliacci”, Nedda è Maria Teresa Leva, Canio è Ilia Govzich, Tonio è Fabian Veloz, Silvio è Dionisios Sourbis.

Le tre produzioni si avvalgono dell’Orchestra Sinfonica “G. Rossini” e del Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini”

Quarto titolo d’opera a Jesi è il dramma giocoso in due atti La scuola de’ gelosi di Antonio Salieri, dramma giocoso in due atti su libretto di Caterino Mazzolà, nella versione viennese rimaneggiata da Lorenzo Da Ponte, in programma venerdì 16 dicembre alle ore 20,30 con replica domenica 18 dicembre alle ore 16 e anteprima giovani mercoledì 14 dicembre alle ore 16. L’opera, con la direzione di Giovanni Battista Rigon sul podio de I Virtuosi Italiani, la regia di Italo Nunziata, le scene e costumi diAndrea Belli e Valeria Donata Bettella, vede in scena un cast di giovani interpreti con i Solisti dell’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino. Si tratta di un nuovo allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini in coproduzione con Teatro Marrucino di Chieti, Accademia del Maggio Musicale Fiorentino, e in collaborazione con Teatro Salieri di Legnago, Teatro Comunale di Vicenza, Teatro Ristori di Verona.

Chiudono la Stagione Lirica ”Opera Ancona Jesi” due preziosi concerti.

Sabato 19 novembre alle ore 21 al Teatro Pergolesi di Jesi l’appuntamento è con Ester, liberatrice del popolo Ebreo, oratorio in due parti a cinque voci, su testo di Lelio Orsini e musiche di Alessandro Stradella. Andrea De Carlo dirige l’Ensemble del Conservatorio “A. Casella” de L’Aquila, nell’ambito del progetto “Stradella’s Project” nato dalla collaborazione tra Conservatorio “A. Casella” de L’Aquila, Fondazione Pergolesi Spontini, Centro di Musica Antica Pietà de’ Turchini, Associazione Musicale Estense, Festival Alessandro Stradella, Accademia di Belle Arti di Roma, Accademia d’Arte Lirica di Osimo, Oratorio del Gonfalone di Roma.

Sabato 17 dicembre alle ore 21, al Teatro Moriconi di Jesi, I Virtuosi Italiani diretti da Alberto Martini, ed il soprano Valeria Esposito sono i protagonisti del concerto “Per la recuperata salute di Ofelia. Mozart vs Salieri”. In programma, le pagine della cantata Per la recuperata salute di Ofelia riscoperte qualche mese fa nella Biblioteca di Praga, con musiche di Wolfgang Amadeus Mozart e Antonio Salieri scritte per una grande interprete mozartiana, Nancy Storace, incluse in una nuova composizione del compositore aquilano Marco Taralli, in prima esecuzione assoluta, che intona il testo di Lorenzo Da Ponte. Il concerto è dedicato alla memoria del giornalista Alberto Pierucci, spettatore appassionato ed amico del Teatro.

Da mercoledì 15 giugno (rinnovo abbonamenti) e da giovedì 21 luglio (nuovi abbonamenti) sarà possibile acquistare gli abbonamenti della Stagione Lirica “Opera Ancona Jesi” 2016 presso le Biglietterie del Teatro delle Muse e del Teatro Pergolesi.

Oltre ai consueti abbonamenti alla stagione lirica di Ancona (2 titoli d’opera da euro 26 a euro 115) e di Jesi (4 titoli d’opera da euro 80 a euro 208), il pubblico potrà acquistare un abbonamento unico e integrato “Opera Ancona Jesi” (6 titoli d’opera da euro 130 a euro 311).

Ogni abbonato riceverà, inoltre, come lo scorso anno, l’OPERA CARD per poter usufruire di agevolazioni sui singoli spettacoli.

Dal 12 settembre, con l’avvio della vendita dei singoli biglietti, sarà disponibile anche il carnet a posto libero che comprende 3 opere e 1 concerto (pacchetti da euro 81 a euro 194).

Presso le due biglietterie, inoltre, sarà possibile prenotare un servizio di trasporto organizzato da teatro a teatro (servizio a pagamento con costo variabile in base al numero dei partecipanti).

La Stagione Lirica della Fondazione Teatro delle Muse di Ancona è sostenuta dai Soci Fondatori Comune di Ancona, Fondazione Cariverona / Con il contributo di Ministero dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Marche Camera di Commercio / Con il contributo speciale di Cariverona / Con il sostegno di Associazione Palchettisti del Teatro delle Muse / in collaborazione con Marche Teatro / Main partner UBI Banca Popolare di Ancona, Angelini, Prometeo Estra / Partner tecnico Bruno e Mauda Galdenzi Hairstylist, Profumerie Galeazzi / Media partner Radio Arancia.

La 49ª Stagione Lirica di Tradizione del Teatro G.B. Pergolesi di Jesi, è organizzata dalla Fondazione Pergolesi Spontini con il sostegno di Ministero dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo, e della Regione Marche / Soci Fondatori Comune di Jesi, Comune di Maiolati Spontini / Partecipanti Aderenti Comune di Monsano, Comune di Montecarotto, Comune di San Marcello / Partecipante Sostenitore Camera di Commercio di Ancona / Fondatori Sostenitori Art Venture: Gruppo Pieralisi, Leo Burnett, Moncaro, New Holland-Gruppo Fiat, Starcom Italia / Sponsor tecnico Santarelli & Partners / Sponsor principale Banca Marche


INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

 

Biglietteria Teatro delle Muse

Via della Loggia – 60121 Ancona
tel. 071 52525
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.teatrodellemuse.org

 

Biglietteria Teatro G.B. Pergolesi

Piazza della Repubblica, 9 – 60035 Jesi (AN)
tel. 0731 206888 – fax 0731 224105

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.fondazionepergolesispontini.com

www.operanconajesi.it


 

 Opera Ancona Jesi 2016

Amore, gelosia, tradimento, follia:

ritratti di donna

Opera Ancona Jesi è il cartellone di un territorio che da sempre ama il Melodramma e s’identifica con personaggi che appartengono all’immaginario collettivo, prima ancora che alla storia della Musica: i musicisti – primo tra tutti Pergolesi, genius loci del Teatro jesino – e le grandi voci – primo tra tutti Corelli, a cui Ancona ha voluto dedicare il ricostruito Teatro delle Muse – nati in una terra particolarmente feconda di artisti.

Sui due palcoscenici, la stagione si dipana creando richiami tra un’opera e l’altra: sei spettacoli d’opera e due concerti segnano il percorso nel passato - con un’arcata lunga più di tre secoli - dalla Roma seicentesca di Stradella alla Roma di Tosca, alle soglie del Novecento, passando dalla Vienna di Salieri e Mozart, sostando a Milano, Napoli, Venezia, le capitali italiane del melodramma romantico.

Ritratti di donna si delineano nella musica di epoche e luoghi lontani: Lucia, Tosca, Violetta, Santuzza, Nedda sono protagoniste e oggetto di vicende che mutano profondamente la loro interiorità, segnandone il destino. Ester cambia il destino del suo popolo. La belliniana Nelly è la vera protagonista della prima opera del compositore catanese, oggetto d’amore di Lord Adelson come del pittore Salvini.

E sono le donne – la contessa Bandiera ed Ernestina – a far girare il meccanismo de La Scuola de’ gelosi, la raffinata opera comica di Salieri, il cui libretto fu rimaneggiato a Vienna da Lorenzo da Ponte, all’epoca della sua collaborazione con Mozart: ed è cosa nota la gelosia del compositore nei confronti della bella Ferrarese, cantante italiana che non disdegnava le attenzioni del librettista. Una grande interprete mozartiana – Nancy Storace - ha il merito di aver ispirato insieme Mozart e Salieri: le pagine della cantata Per la recuperata salute di Ofelia, riscoperte qualche mese fa nella Biblioteca di Praga, scritte dai due compositori, con quelle musicate dallo sconosciuto Cornetti, saranno incluse in una nuova intonazione del testo di Da Ponte, commissionata a Marco Taralli.

Alle donne, dunque, è dedicata questa stagione.

Autorevoli presenze direttoriali e registi di fama internazionale assicurano un alto livello delle produzioni, di cui cinque nuove.

Tre di essi sono italiani, tutti con una lusinghiera carriera internazionale: Giuseppe Grazioli dirige Lucia di Lammermoor, Pietro Rizzo Traviata, Giovanni Battista Rigon La scuola de’ gelosi. Due gli spagnoli, entrambi giovani: Josè Miguel Perez Sierra è una presenza consolidata in Italia, dal Rossini Opera Festival al San Carlo e al Verdi di Trieste; Daniel Gil de Tejada dirige per la prima volta nel nostro paese, dopo il suo debutto al Liceo di Barcellona. Un ritorno prestigioso è quello di Guillaume Tournaire, il direttore svizzero che nelle passate stagioni più volte è salito sul podio a Venezia, Ancona e Macerata: a lui è affidata Tosca. I concerti vedono la presenza di due esperti della musica barocca, Andrea De Carlo – a cui dobbiamo la ricoperta di diversi capolavori di Stradella – e Alberto Martini.

Lucia è firmata dal giovane regista Federico Bertolani, al suo terzo Donizetti, dopo il successo di Stuarda e Tasso, che conta sulla collaborazione con un artista come Lucio Diana, autore di scene e costumi. Fa il suo debutto nella lirica con Tosca l’inglese Pete Brooks - che nella scorsa stagione di prosa ad Ancona diresse un applaudito The train, in equilibrio tra recitazione e visual art – insieme con Laura Hopkins, scenografa-costumista con esperienze autorevoli nel mondo dell’opera (suo è il Così fan tutte all’English National Opera londinese). Roberto Recchia – che inaugurò il Pergolesi Spontini Festival 2005 con un indimenticabile Petit train de plaisir nel deposito delle locomotive di Falconara - firma Adelson e Salvini., realizzato in coproduzione con il Teatro Massimo Bellini di Catania.

La Traviata è offerta dell’ormai classico spettacolo di Henning Brockhaus con le scene di Josef Svoboda. E’ frutto della coproduzione con l’Opèra de Metz il dittico Cavalleria Rusticana e Pagliacci, con la regia di Paul-Emile Fourny e le scene di Benito Leonori. Chiude la stagione Italo Nunziata, regista dell’opera di Salieri, nel nuovo allestimento in collaborazione con Legnago, Belluno, Vicenza e il Maggio Musicale Fiorentino.

Sul versante delle voci femminili la raffinata esperienza di Cellia Costea, Floria Tosca, e di Norma Fantini – per la prima volta nel ruolo di Santuzza – si riflette nella freschezza di Zuzana Markova nella sua prima Lucia italiana, Cristina Pasaroiu che presenta in Italia la sua Violetta, Maria Teresa Leva - al suo debutto in Pagliacci - e Cecilia Molinari, giovanissima scoperta rossiniana al suo primo Bellini.

Il palcoscenico anconetano non dimentica la fascinazione della voce maschile, poiché il mito di Corelli impone l’attenzione alle voci tenorili: Francesco Demuro - che si sta affermando nei grandi teatri, dalla Scala a Parigi a San Francisco, come autentico interprete della vocalità italiana - canta Edgardo; Antonello Palombi, reduce dal suo debutto al Metropolitan e dal traguardo del suo primo Otello, è Cavaradossi.

Tutta giovane e internazionale è la schiera tenorile sulle scene jesine: l’italiano Vincenzo Costanzo (Alfredo), il turco Mert Süngu (Salvini), il rumeno Alin Stoica che debutta in Italia come Turiddu, il russo Ilia Govzich che canta il suo primo Canio.

Nei ruoli baritonali brillano cantanti di grande notorietà: i baritoni Giorgio Caoduro, Alberto Gazale, Fabian Veloz – forti della loro esperienza nei teatri internazionali, e le giovani rivelazioni Rodion Pogossov e Dionisios Sourbis. Tra i bassi spiccano Baurzhan Anderzhanov e Ugo Guagliardo.

Vincenzo De Vivo

Direttore artistico

Opera Ancona Jesi

Stagione Lirica 2016


OPERA ANCONA JESI

STAGIONE LIRICA 2016

Amore, gelosia, tradimento, follia:

RITRATTI DI DONNA

ANCONA

TEATRO DELLE MUSE “FRANCO CORELLI”

STAGIONE LIRICA 2016

 

Venerdì 23 settembre, ore 20.30

Domenica 25 settembre, ore 16

Teatro delle Muse “Franco Corelli”

LUCIA DI LAMMERMOOR

Dramma tragico in tre atti

Libretto di Salvatore Cammarano

dal romanzo The Bride of Lammermoor di Walter Scott

Musica di Gaetano Donizetti

Prima rappresentazione: Napoli, Teatro San Carlo, 26 settembre 1835

Direttore Giuseppe Grazioli

Regia Federico Bertolani

scene e costumi Lucio Diana

personaggi e interpreti principali

Lord Enrico Ashton Giorgio Caoduro

LuciaZsusana Markova

Sir Edgardo di Ravenswood Francesco Demuro

Raimondo Bidebent Ugo Guagliardo

Lord Arturo BucklawSehoon Moon

Orchestra Sinfonica “G. Rossini”

Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini”

Nuovo Allestimento della Fondazione Teatro delle Muse

 

Venerdi 14 ottobre, ore 20.30

Domenica 16 ottobre, ore 16

Teatro delle Muse “Franco Corelli”

TOSCA

Opera lirica in tre atti

Libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica

Musica di Giacomo Puccini

Prima rappresentazione: Roma, Teatro Costanzi, 14 gennaio 1900

Direttore Guillaume Tournaire

Regia Pete Brooks

Scene e costumi Laura Hopkins

Video Simon Wainwright

Luci Andrew Croft

personaggi e interpreti principali

Floria Tosca Cellia Costea

Mario Cavaradossi Antonello Palombi

Il Barone Scarpia Alberto Gazale

Cesare Angelotti Alessandro Spina

Il Sagrestano Davide Bartolucci

Orchestra Sinfonica “G. Rossini”

Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini”

Nuovo Allestimento della Fondazione Teatro delle Muse

 

JESI

TEATRO G.B. PERGOLESI

49^ STAGIONE LIRICA DI TRADIZIONE

 

Mercoledì 19 ottobre 2016, ore 16 (anteprima giovani)

Venerdì 21 ottobre 2016, ore 20,30

Domenica 23 ottobre 2016, ore 16

Teatro G.B. Pergolesi

LA TRAVIATA

Melodramma in tre atti

Libretto di Francesco Maria Piave dal dramma La dame aux camélias di Alexandre Dumas figlio

Musica di Giuseppe Verdi

Prima rappresentazione: 6 marzo 1853, Venezia, Teatro La Fenice

personaggi e interpreti principali

Violetta Valery Cristina Pasaroiu

Alfredo Germont Vincenzo Costanzo

Giorgio Germont Roberto De Candia

direttore Pietro Rizzo

regia Henning Brockhaus

ricostruzione scenografica da un’idea di Josef Svobo da Benito Leonori

costumi Giancarlo Colis

Orchestra Sinfonica “G. Rossini”

Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini”

Allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi

 

Mercoledì 9 novembre 2016, ore 16(anteprima giovani)

Venerdì 11 novembre 2016, ore 20,30

Domenica 13 novembre 2016, ore 16

Teatro G.B. Pergolesi

ADELSON E SALVINI

Dramma per musica in tre atti adattato da un libretto di Andrea Leone Tottola

Basato sul romanzo di François-Thomas-Marie de Baculard d'Arnaud, Épreuves du Sentiment (1772)

Musica di Vincenzo Bellini

Prima rappresentazione: 12 febbraio 1825, Napoli, Teatrino del Conservatorio di San Sebastiano

personaggi e interpreti principali

Nelly, orfana Cecilia Molinari

Salvini, amico di Adelson Mert Sungu

Lord Adelson Rodion Pogossov

Struley, nobile proscrittoBaurzhan Anderzhanov

direttoreJosé Miguel Perez Sierra

regia Roberto Recchia

sceneBenito Leonori

costumi Patricia Toffolutti

Orchestra Sinfonica “G. Rossini”

Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini”

Nuovo Allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini

in coproduzione con Teatro Massimo “V. Bellini” di Catania

 

Mercoledì 30 novembre 2016, ore 16 (anteprima giovani)

Venerdì 2 dicembre 2016, ore 20,30

Domenica 4 dicembre 2016, ore 16

Teatro G.B. Pergolesi

CAVALLERIA RUSTICANA

Melodramma in un atto

Libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci

tratto dal dramma omonimo (1884) di Giovanni Verga

Musica di Pietro Mascagni

Prima rappresentazione: Roma, Teatro Costanzi, 17 maggio 1890

personaggi e interpreti principali

Santuzza Norma Fantini

Turiddu Alin Stoica

AlfioFabian Veloz

Lucia Giovanna Lanza

PAGLIACCI

Dramma in un prologo e due atti

Libretto di Ruggero Leoncavallo

musica di Ruggero Leoncavallo

Prima rappresentazione: 21 maggio 1892, Milano, Teatro dal Verme

personaggi e interpreti principali

Nedda Maria Teresa Leva

Canio Ilia Govzich

Tonio Fabian Veloz

Silvio Dionisios Sourbis

direttore Daniel Gil de Tejada

regia Paul-Émile Fourny

sceneBenito Leonori

costumi Giovanna Fiorentini

Orchestra Sinfonica “G. Rossini”

Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini”

Nuova produzione

in coproduzione con Opéra-Théâtre de Metz Métropole e Opéra de Toulon

 

Mercoledì 14 dicembre 2016, ore 16 (anteprima giovani)

Venerdì 16 dicembre 2016, ore 20,30

Domenica 18 dicembre 2016, ore 16

Teatro G.B. Pergolesi

LA SCUOLA DE’ GELOSI

Dramma giocoso in due atti

Libretto di Caterino Mazzolà rivisitato da Lorenzo Da Ponte

Musica di Antonio Salieri

Prima rappresentazione di tale versione: 22 aprile 1783, Vienna, Burgtheater (Teatro Imperiale)

direttoreGiovanni Battista Rigon

regia Italo Nunziata

scene e costumi Andrea Belli e Valeria Donata Bettella

personaggi e interpreti principali

Solisti dell’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino

I Virtuosi Italiani

Nuovo allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini

in coproduzione con Teatro Marrucino di Chieti, Accademia del Maggio Musicale Fiorentino

in collaborazione con Teatro Salieri di Legnago, Teatro Comunale di Vicenza, Teatro Ristori di Verona

 

Concerto

Sabato 19 novembre 2016, ore 21

Teatro Moriconi

ESTER, LIBERATRICE DEL POPOLO EBREO

Oratorio in due parti a cinque voci, su testo di Lelio Orsini (tratto dal Libro di Ester)

Musica di Alessandro Stradella

Prima esecuzione: Roma tra il 1670 ed il 1673

Ensemble del Conservatorio “A. Casella” de L’Aquila

direttoreAndrea De Carlo

Stradella’s Project

collaborazione tra Conservatorio “A. Casella” de L'Aquila, Fondazione Pergolesi Spontini, Centro di Musica Antica Pietà de’ Turchini, Associazione Musicale Estense, Festival Alessandro Stradella, Accademia di Belle Arti di Roma, Accademia d’Arte Lirica di Osimo, Oratorio del Gonfalone di Roma

 

Concerto

Sabato 17 dicembre 2016, ore 21

Teatro Moriconi

PER LA RITROVATA SALUTE DI OFELIA

MOZART VS SALIERI

Musica di Wolfgang Amadeus Mozart, Antonio Salieri, Marco Taralli

I Virtuosi Italiani

direttoreAlberto Martini

soprano Valeria Esposito