L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

nabucco a firenze

Torna Verdi secondo Palumbo e Muscato

Il Nabucco di Giuseppe Verdi all’ Opera di Firenze-Maggio Musicale Fiorentino,

dal 20 dicembre alle ore 20 e poi l 22, il 24 (ore 15.30) e il 27.

Dopo il grande successo di  Semiramide e Bohéme,  dopo aver dovuto aggiungere una recita di Le notti delle streghe al teatro Goldoni, “boom”  al botteghino anche per il titolo verdiano oramai già quasi “tutto esaurito” .

La prima sarà trasmessa in diretta su Rai-Radio3.

Torna al Maggio Musicale Fiorentino l’allestimento di Nabucco firmato dalla direzione di Renato Palumbo, la regia di Leo Muscato e le scene di Tiziano Santi che fu rappresentato l’ultima volta nel gennaio del 2014.  Per questa riproposta a ridosso del Natale si è registrato un grandissimo successo al botteghino tanto che sia la prima del 20 dicembre e la quarta e ultima del 27 sono esaurite. Restano poche disponibilità di poltrone in platea per il 22 e per recita della vigilia, il 24 alle ore 1530. Gallerie tutte esaurite.

Il maestro Pierangelo Conte, coordinatore artistico dell’Opera di Firenze-Maggio Musicale Fiorentino, dice: “La programmazione operistica del Maggio dall’apertura di stagione fino ad ora, ha proposto al pubblico tre titoli molto importanti, tre capolavori del nostro melodramma, la Semiramide di Rossini, La bohéme di Puccini e adesso il Nabucco di Verdi.  Sia per il titolo rossiniano che per l’amatissima Bohéme il pubblico ha premiato le nostre proposte affollando il teatro in ogni ordine di posti e questo si sta confermando anche per Nabucco per il quale siamo vicini al tutto esaurito per le quattro recite.  E a questo proposito devo anche ricordare che anche Le notti delle streghe in scena al Goldoni ha fatto registrare sempre gli esauriti e per rispondere al pubblico abbiamo aggiunto anche una recita a quelle previste.

Sono contento che dopo uno spettacolo metafisico e essenziale come la Semiramide del grande Luca Ronconi, i costumi colorati e di fine ottocento inseriti una scena con una struttura aperta che lasciava spazio all’immaginazione della Bohéme con la regia di Mariani,  ora col Nabucco si torni a un allestimento più classico e improntato al criterio dell’essenzialità pulita ed elegante. Il maestro Renato Palumbo è un punto di riferimento per l’interpretazione del primo Verdi e d è uno dei direttori più accreditati in questo repertorio.  Palumbo ha plasmato l’orchestra sull’estetica del primo Verdi con accompagnamenti “croccanti” e ricchi di energia: l’ascolto ci regalerà una cura del dettaglio superlativa sia per l’Orchestra che per il Coro. La celeberrima pagina che il coro è chiamato a interpretare è interpretata come indicava Verdi, senza enfasi, senza trionfalismi; è una sommessa preghiera, intima e come tale è eseguita. Palumbo ottiene dal Coro che è come sempre istruito da Lorenzo Fratini, e dall’Orchestra dei pianissimi sfidantissimi”.

Il Nabucco è soprattutto una specie di monumento nazionale – dice il regista Leo Muscato -  grazie al suo legame con il Risorgimento e al desiderio di ribellione verso ogni forma di oppressione. È l’opera del “Va’ pensiero”, il coro che lamenta la perdita della propria patria, che dà voce a un popolo oppresso, deportato

e ridotto in schiavitù”. “Per la regia – continua Muscato – abbiamo pensato di bandire ogni monumentalità decorativa:  lo spazio è una grande scatola che ci permette di raccontare, a seconda delle esigenze, due mondi molto diversi l’uno dall’altro. Quello degli ebrei è decisamente scuro, rischiarato dal fuoco, segno del divino. Quello Babilonese, invece, ostenta ricchezza, ma lo fa in maniera spartana, con dei muri che trasudano oro, e che si caratterizzano per certe durezze esaltate dagli angoli retti che li compongono;  ogni avvenimento è condensato nell’arco di pochi attimi, abbiamo fatto di tutto per dare allo spettacolo un sapore più cinematografico; sono fiducioso che anche per questa edizione tutto ciò si trasformi in emozione per il pubblico”.

Quando Giuseppe Verdi incontra Bartolomeo Merelli, impresario del Teatro alla Scala, non vuole saperne di comporre una nuova opera: è distrutto dal dolore della morte del figlio e della moglie e si è convinto di essere un pessimo musicista per il fiasco della sua prima opera, Oberto conte di San Bonifacio. Merelli, un arruffone che truffa regolarmente i compositori sui compensi, riesce a infilare nella tasca del pastrano di Verdi il libretto per una nuova opera, il Nabuccodonosor, la cui commissione è stata rifiutata da Carl Otto Nicolai. Giunto a casa, Verdi, arrabbiato, getta via il libretto con l'intenzione di distruggerlo, ma questo si apre sui versi del Va’ pensiero scritto da Solera: è l'ispirazione che cercava. E il Va’ pensiero è diventato come l’emblema di questa opera, una delle pagine corali più celebri e più amate di tutto il repertorio operistico e il Coro del Maggio ne fa uno dei suoi biglietti da visita più smaglianti e ammirati.

NABUCCO

di Giuseppe Verdi

Dramma lirico in quattro parti di Temistocle Solera

Edizione: Edwin Kalmus & Co., Inc., Boca Raton, Florida

Direttore Renato Palumbo

Regia Leo Muscato - Assistente regista João Carvalho Aboim

Scene Tiziano Santi - Assistente scenografo Alessia Colosso

Costumi Silvia Aymonino - Assistente costumista Virginia Gentili

Luci Alessandro Verazzi

Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino

Maestro del Coro Lorenzo Fratini

Allestimento del Teatro Lirico di Cagliari

Direttore dell’Organizzazione della Produzione

e Servizi musicali Giovanni Verona

Direttore dell’allestimento scenico Saverio Santoliquido

Abigaille

Susanna Branchini

Nabucco

Dimitri Platanias

Ismaele

Paolo Antognetti

Zaccaria

Riccardo Zanellato

Fenena

Anna Malavasi

Il gran sacerdote di Belo

Luciano Leoni

Anna

Elena Borin

Abdallo

Stefano Consolini

OPERA DI FIRENZE

Martedì 20 dicembre 2016, ore 20.00

Giovedì 22 dicembre, ore 20.00

Sabato 24 dicembre, ore 15.30

Martedì 27 dicembre, ore 20.00


Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brescia.
Registrazione n. 1/2015 del 26/01/2015
© 2015 L'ape musicale. Tutti i diritti riservati

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy

RECENSIONI  INTERVISTE NEWS 

TV RADIO e STREMING

VIDEO  TERZA PAGINA CORSI e CONCORSI 

CONTATTI

 

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.