L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

francesco lanzillotta

Lanzillotta, Fumagalli, Mozart, Beethoven e la Toscanini

 

Tutti per Uno, la serie di tre concerti sinfonici inserita all’interno della rassegna Nuove Atmosfere che vede protagoniste le prime parti della Filarmonica Arturo Toscanini, inizia giovedì 22 dicembre alle ore 20.30. Il concerto avrà come sempre sede all’Auditorium Paganini e presenterà un interessante programma dedicato a due dei massimi compositori di tutti i tempi, Mozart e Beethoven. Come è tradizione per la programmazione della rassegna, essa sceglie di non proporre brani di grandissima popolarità, preferendo opere di notevole interesse e bellezza ma spesso considerate minori rispetto alla produzione dei grandi della musica.

Il programma sarà aperto dal Concerto per fagotto e orchestra in si bemolle maggiore K.191, opera che il diciottenne Mozart compose a Salisburgo nella tarda primavera del 1774, pare su richiesta di un ricco e nobile dilettante di Monaco. Si tratta dell’unico concerto che egli scrisse per questo strumento e che unisce la piacevolezza galante dell’epoca, indubbiamente parte non secondaria della commissione, con la traccia visibile di quella profonda maturazione espressiva – soprattutto in ambito sinfonico - che stava trasformando il ragazzo prodigio nel genio che oggi conosciamo. Solista del concerto sarà Davide Fumagalli, primo fagotto della Filarmonica Toscanini dall’aprile 2015. Diplomato a Como, perfezionatosi all’Accademia della Scala e a Fiesole, ha fatto parte dell’Orchestra Cherubini diretta da Riccardo Muti e, dal 2007, è stato primo fagotto presso alcune delle maggiori orchestra italiane, dalla Filarmonica della Scala all’Opera di Roma, dal Teatro di San Carlo al Regio, suonando con direttori quali Masur, Nagano, Noseda, Temirkanov, Dudamel. Ha inciso per Sony ed EMI.

Di non minore interesse la seconda parte del programma, incentrato sull’Ottava Sinfonia in fa maggiore op.93 di Ludwig van Beethoven, opera che ha storicamente pagato il prezzo di essere temporalmente collocata prima e dopo degli autentici capolavori musicali quali la Quinta, la Sesta, la Settima e la Nona Sinfonia. Scritta nel 1812 ma presentata due anni dopo, la “Piccola Sinfonia” – come lo stesso Beethoven la definì – fu per molti osservatori un inspiegabile passo indietro, sia per l’esplicito rimando all’epoca classica nella sua costruzione formale (più di Haydn che di Mozart) sia per la lunghezza sia per la scelta dei movimenti (un Minuetto, l’assenza di un tempo lento). In realtà si tratta di un omaggio a quell’epoca e non di una copia, seppur di qualità, del passato ed il non aver colto subito l’ironia ed il momento parodistico ha trascinato sino a noi un giudizio che è stato solo recentemente rivisto.

Francesco Lanzillotta, alla sua terza stagione come direttore principale della Filarmonica, reduce dal successo personale ottenuto dirigendo Traviata a Reggio Emilia (con repliche nei teatri lombardi nei primi mesi del 2017), sarà a maggio ad Essen con Elisir d’Amore e a luglio a Montpellier con La notte di un nevrastenico di Nino Rota.

I biglietti sono già in vendita presso la biglietteria del Teatro Regio di Parma (Strada Garibaldi 16, tel. 0521-203999, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) che sarà aperta dal martedì al sabato dalle 10.30 alle 13.30 e dalle 17 alle 19. Il programma della stagione è disponibile sul sito www.fondazionetoscanini.it, presso i punti informativi della città e l’ufficio relazioni con il pubblico della Fondazione Toscanini (tel. 0521-200145, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) al quale ci si può rivolgere per ogni informazione. Il costo del biglietto va da 25 a 5 euro. Sono previste riduzioni per spettatori di età superiore ai 65 anni e inferiore ai 30, nonché per gli enti e istituzioni convenzionate con la Fondazione Toscanini. Restano in vigore anche le tariffe promozionali per gli studenti del Conservatorio Boito e del Liceo Musicale Bertolucci. Nei giorni dei concerti la biglietteria dell’Auditorium Paganini (0521-200145) aprirà alle ore 19.

Inoltre, Hera Comm riserva al titolare dell’abbonamento a Nuove Atmosfere una proposta esclusiva per la fornitura di luce e gas. Sottoscrivendo l’offerta “Nuova Idea Hera” egli avrà un bonus di 30 € per ciascuna fornitura. Per ottenere l’agevolazione e cogliere un’offerta unica occorre diventare cliente Hera Comm. Per informazioni l’abbonato dovrà recarsi all’Hera Comm Point di Parma, in Via Affò 1, con il proprio abbonamento e la bolletta.

Nuove Atmosfere è resa possibile grazie al contributo del Ministero per i beni e le attività culturali e della Regione Emilia-Romagna, Comune di Parma, Fondazione Cariparma, Fondazione Monte Parma, Provincia di Parma. Chiesi Spa è sponsor ufficiale della stagione. CePIM spa è partner istituzionale della Fondazione Arturo Toscanini. Heracomm è partner istituzionale della Filarmonica Arturo Toscanini. Sponsor tecnici sono Peugeot Davighi F.lli e Crosconsulting.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brescia.
Registrazione n. 1/2015 del 26/01/2015
© 2015 L'ape musicale. Tutti i diritti riservati

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy

RECENSIONI  INTERVISTE NEWS 

TV RADIO e STREMING

VIDEO  TERZA PAGINA CORSI e CONCORSI 

CONTATTI

 

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.