L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Alena Dantcheva

Quegli equivoci fra sorelle innamorate

 

L'opera Gli equivoci nel sembiante di Alessandro Scarlatti va in scena al festival barocco Purtimiro il 21 dicembre alle 20,30 al Teatro Rossini di Lugo, repliche 23 e 27. In buca il complesso barocco Concerto Italiano diretto da Rinaldo Alessandrini.

La regia è di Jacopo Spirei.

Il programma di sala

LUGO (RA) – Ci sono due giovanissime sorelle, Lisetta e Clori, che amano entrambe Eurillo. E fin qui ci sta. Poi arriva un secondo uomo, il giovane Armindo, che ama Clori. Per conquistarla approfitta di un equivoco con Eurillo, senza sapere che in realtà, Eurillo è suo fratello gemello. Sembra la trama di una soap opera televisiva che ricorda quella del Così fan tutte. In realtà è quella di un autentico gioiello del teatro d'opera, “Gli equivoci nel sembiante”, commedia in tre atti del grande compositore barocco Alessandro Scarlatti (1660-1725), padre dell'altrettanto grande Domenico Scarlatti.

È il sesto appuntamento (e nuova produzione) del neonato festival Purtimiro, che va in scena mercoledì 21 dicembre alle 20,30 al Teatro Rossini di Lugo con la regia di Jacopo Spirei e la direzione di Rinaldo Alessandrini, sul podio del celebre complesso barocco con strumenti originali Concerto Italiano (repliche 23 e 27 dicembre ore 20,30). Interpreti il soprano Monica Piccinini (Lisetta), il mezzosoprano Alena Dantcheva (Clori), il tenore Valerio Contaldo (Armindo) e il tenore Raffaele Giordani (Eurillo).

Roma, 1679. L'opera – chissà perché? – è proibita nei luoghi pubblici. Un compositore diciottenne, Alessandro Scarlatti, magro e affilato, proveniente da Palermo, da alcuni mesi perfeziona l'arte del contrappunto alla grande scuola di Giacomo Carissimi: ha già scritto Arminio, un pasticcio operistico che ha debuttato a Londra con un certo successo. Intercetta un simpatico libretto basato sui bisticci amorosi fra due coppie, scritto da un prelato, tal Domenico Filippo Contini. Non si lascia sfuggire l'occasione, è bravo e sveglio, ed ecco debuttare nel teatro privato della famiglia Contini l'opera in tre atti Gli equivoci del sembiante, un autentico capolavoro operistico da camera. È solo il secondo di altri circa sessanta titoli di una delle più fertili carriere della storia dell'opera. Il lavoro piace a tutti, anche alla Regina di Svezia che lo intercetta e lo raccomanda a mezza Europa. Il successo di Scarlatti deflagra.

“Due coppie di amanti giovani senza guida, sperduti nel bosco dei sentimenti, iniziano a sperimentare l’amore, quasi fosse una commedia di Marivaux”, spiega il regista Jacopo Spirei.

“È certamente il clou dell'intero festival Purtimiro – ribatte Rinaldo Alessandrini - perché Alessandro Scarlatti è stato il più grande operista a cavallo tra Sei e Settecento e nella fattispecie Gli equivoci nel sembiante il suo primo grande successo che inaugurò una delle più fertili carriere di compositore per il teatro in musica”.

Biglietti 9-32 euro, info 0545 38542, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., biglietteria online: www.vivaticket.it

 


Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brescia.
Registrazione n. 1/2015 del 26/01/2015
© 2015 L'ape musicale. Tutti i diritti riservati

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy

RECENSIONI  INTERVISTE NEWS 

TV RADIO e STREMING

VIDEO  TERZA PAGINA CORSI e CONCORSI 

CONTATTI

 

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.