L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

.

 

 

 

 

Pratt e Barcellona, regina e imperatore

Rai5, giovedì 02/08/2018 - 21:15

Rai5, sabato 04/08/2018 - 10:52

Rai5, domenica 05/08/2018 - 17:55

Per maggiori informazioni -> Rai5, omaggio a Rossini nel mese di agosto

È dedicato a Gioachino Rossini nel 150esimo anniversario della scomparsa e al Rossini Opera Festival di Pesaro il ciclo operistico che Rai Cultura propone nel mese di agosto su Rai5, il giovedì in prima serata. Il primo appuntamento, giovedì 2 agosto alle 21.15, è con Adelaide di Borgogna, dramma per musica eseguito per la prima volta al Teatro Argentina di Roma nel 1817. La produzione è quella andata in scena a Pesaro nel 2011, con la direzione musicale di Dmitri Jurowski e la regia di Pier’Alli. Protagonisti sul palco sono alcune delle più rinomate voci rossiniane di oggi come il mezzosoprano Daniela Barcellona nel ruolo en travesti di Ottone, il soprano Jessica Pratt nel ruolo del titolo, e il basso Nicola Ulivieri come Berengario. Completano il cast Bogdan Mihai, Jeannette Fischer, Francesca Pierpaoli, Clemente Antonio Daliotti. L'Orchestra e il Coro sono quelli del Teatro Comunale di Bologna. Lo spettacolo è interamente curato da Pier’Alli, regista da sempre all’avanguardia nell’utilizzo delle tecnologie multimediali: l’accostamento tra video e movimenti scenici crea, come dice lo stesso regista, “una scenografia virtuale, una scrittura mosaico tale da contribuire sia alla dinamica immediata delle situazioni sia ad una esplorazione linguistica oltre il loro aspetto meramente testuale, in un gioco caleidoscopico tra senso reale e metafora, tra concetto ed illusionismo spettacolare. Questa scrittura diventa un nuovo plot drammaturgico che, inseguendo i sottili umori rossiniani, amplifica gli input del testo, lo disgrega in una molteplicità di riflessi, lo fa vivere come su una scacchiera in una contestualità di micro eventi, in cui l’iperrealismo, così inerente al mezzo cinematografico, gioca un ruolo fondamentale, coniugandolo paradossalmente con la stilizzazione belcantistica”.