L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

.

 

 

 

 

Musica assoluta per Bologna Modern #3

 

Bologna Modern #3 – Festival per le musiche contemporanee

MUSICA ASSOLUTA: I QUINDICI QUARTETTI PER ARCHI DI DMITRIJ ŠOSTAKOVIČ

Mercoledì 17 ottobre 2018
Cinema Lumière – ore 20.30
Proiezione del film “VIOLA SONATA” di Alexander Sokurov

ingresso gratuito

Giovedì 18 ottobre 2018
Oratorio di San Filippo Neri – ore 20.30
MUSICA ASSOLUTA I: QUARTETTO DÀIDALOS
Musiche di Dmitrij Sostakovic

 

Nell’ambito della terza edizione di Bologna Modern – Festival per le musiche contemporanee, ideato e organizzato in collaborazione con il Teatro Comunale di Bologna, Musica Insieme presenta Musica assoluta, l’esecuzione integrale dei quindici quartetti per archi di Dmitrij Sostakovic in cinque concerti, tutti corredati dalla proiezione di fotogrammi e immagini di eccezionale valore, come quelli conservati nell’Archivio “Dmitrij Dmitrievič Sostakovic” di Mosca. Due gli appuntamenti inaugurali del ciclo. Si comincia con la proiezione gratuita del documentario Viola Sonata di Alexander Sokurov, in programma per mercoledì 17 ottobre alle ore 20.30 al Cinema Lumière, grazie alla collaborazione con la Cineteca di Bologna. Si prosegue giovedì 18 ottobre all’Oratorio San Filippo Neri (Via Manzoni 5, sipario alle 20.30)con l’esecuzione dei primi tre Quartetti del grande compositore russo, a cura del Quartetto Dàidalos; il concerto sarà presentato da un’autorità assoluta della musicologia qual è Piero Rattalino, che ha firmato anche le note di sala per questo progetto speciale.

A introdurre la figura di Dmitrij Sostakovic presso il pubblico sarà quindi Viola sonata, pellicola del 1981 per la regia di Alexander Sokurov, regista prolifico e osteggiato dalla censura sovietica (condividendo in ciò un destino comune a molti artisti russi del Novecento). Complici ricchissimi estratti delle opere di Sostakovic (dall’opera Il naso alla Sinfonia Leningrado, alla Sonata per viola, pubblicata postuma, che dà il titolo al film), Sokurov coglie l’artista nella sua quotidianità familiare come nei rovesci professionali seguiti alla censura staliniana, attingendo a spezzoni di cinegiornali sull’assedio di Leningrado, cui s’incrociano le trionfalistiche parate del regime. Il risultato è l’affresco di un’epoca e di una vita.

Al Dàidalos Musica Insieme affiderà poi i primi tre Quartetti di Dmitrij Sostakovic, pagine inaugurali di un capitolo fondamentale della musica novecentesca. Composti fra il 1938 e il 1974, sono proprio i quindici Quartetti per archi l’opera più significativa nella ricchissima produzione di Sostakovic, in grado di raccontare una storia che va dalla Seconda Guerra Mondiale ai primi segni di disgelo fra i blocchi atlantico e sovietico. Se la “primavera” quartettistica del 1938 si apre per Sostakovic nel segno della serenità, è presto rovesciata dagli orrori della guerra, e il Secondo Quartetto, datato 1944, giunge subito dopo l’affresco epico della Sinfonia Leningrado ed il tragico Trio op. 67. Nel 1946, si rasserena per un attimo il mondo e con esso la Stimmung compositiva del Terzo Quartetto, che celebra la pace e la speranza in un nuovo inizio.           

I concerti organizzati da Musica Insieme per Bologna Modern #3 si realizzano grazie al fondamentale contributo di PELLICONI & C. SPA
Biglietti in vendita da 12 a 15 euro. Riduzioni per abbonati Musica Insieme e Teatro Comunale, titolari Card Musei Metropolitani e Bologna Jazz Card, studenti e Under 30.

 

MUSICA INSIEME
Bologna Modern #3 – Festival per le musiche contemporanee

Mercoledì 17 ottobre 2018
Cinema Lumière – ore 20.30

Proiezione del film “VIOLA SONATA” di Alexander Sokurov

Giovedì 18 ottobre 2018
Oratorio di San Filippo Neri – ore 20.30

QUARTETTO DÀIDALOS
in
MUSICA ASSOLUTA: I QUINDICI QUARTETTI PER ARCHI DI DMITRIJ SOSTAKOVIC

DMITRIJ SOSTAKOVIC
Quartetto n. 1 in do maggiore op. 49
Quartetto n. 2 in la maggiore-minore op. 68
Quartetto n. 3 in fa maggiore op. 73

QUARTETTO DÀIDALOS   
Anna Molinari
violino
Stefano Raccagni violino     
Lorenzo Lombardo viola     
Lucia Molinari violoncello    
Il Quartetto d'archi Dàidalos nasce a Novara nell'ottobre 2014 dal desiderio di quattro amici di fare musica da camera. Pur formato da giovani strumentisti (i componenti hanno un’età compresa tra i 18 e i 20 anni), il Quartetto Dàidalos ha già al proprio attivo un cospicuo numero di concerti in molte città italiane, tra cui Milano (Casa Verdi e Villa Necchi per la Società del Quartetto), Messina (Filarmonica Laudamo), Genova (Associazione Amici di Paganini, Palazzo Rosso) e Cremona (Teatro Ponchielli, Auditorium Arvedi). Vincitore di una borsa di studio dell'Associazione Piero Farulli (“La Pépinière del Quartetto d'Archi”) e della Gioventù Musicale d’Italia. Il Quartetto si è esibito per prestigiose società ed associazioni concertistiche, tra cui il Paganini Genova Festival, l’Associazione Musica con le Ali, la Società del Quartetto di Milano. L'ensemble è stato inoltre selezionato per il progetto Le Dimore del Quartetto, grazie al quale si esibisce regolarmente in concerto per l’Associazione Dimore Storiche italiane. Dal Settembre 2015 il Quartetto Dàidalos è allievo del Quartetto di Cremona presso l'Accademia di Alto Perfezionamento Walter Stauffer di Cremona, esibendosi in tre edizioni del concerto “Omaggio a Cremona” presso il Teatro Ponchielli.

DMITRIJ SOSTAKOVIC (1906 – 1975)       
Dmitrij Sostakovic
, nato a San Pietroburgo nel 1906 e spentosi a Mosca nel 1975, ebbe la ventura di testimoniare un capitolo fondamentale della storia russa, attraversandola e raccontandola come uomo e musicista. Universalmente riconosciuto come uno dei massimi artisti del Novecento, lascia una produzione ricchissima e multiforme, dalla sinfonica, al teatro, al cinema (firmò fra l’altro ben 36 colonne sonore). Ma l’opera più significativa, sia per il livello artistico che per il valore di testimonianza di un’epoca, sono senza dubbio i suoi quindici quartetti per archi, autentici capolavori del genere, composti fra il 1938 e il 1974, e in grado quindi di raccontare uno spaccato di storia mondiale che va dal periodo bellico alla Guerra Fredda, ai primi segni di disgelo fra i blocchi atlantico e sovietico.


 

Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal