L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

.

 

 

 

 

Il Quartetto Eos a Note in Biblioteca

 

A “Note in Biblioteca” della IUC il più promettente gruppo da camera italiano,

il Quartetto Eos, formato da quattro giovanissimi romani,

consacrato quest’anno dall’attribuzione dell’ambitissimo Premio Farulli

Il Quartetto Eos - vincitore quest’anno del premio “Farulli” per il miglior giovane ensemble, nell’ambito del prestigioso Premo “Abbiati” assegnato dall’associazione dei critici musicali italiani -suona venerdì 30 novembre alle 20.30 presso la Biblioteca “Ennio Flaiano” (Via Monte Ruggero 39, Roma 06 4546 0431) per la rassegna “Note in Biblioteca ” organizzata dalla IUC.Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti. Sono in programma Haydn e Beethoven, i due grandi rappresentanti della scuola viennese, che tra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento portarono lo stile classico al suo apogeo.

Di Franz Joseph Haydn è in programma ilQuartetto in si bemolle maggiore op. 76 n. 4, che è stato composto nel 1799 e rappresenta, non solo cronologicamente, un culmine della musica del secolo dell’Illuminismo. Questo Quartetto in particolare è noto come “L’aurora”: questo titolo è suggerito dal tema ascendente e cantabile del violino proprio all’inizio del concerto, che con un’efficacia quasi pittorica raffigura il sorgere del sole e l’irradiarsi della luce.  In quello stesso 1799 Ludwig van Beethoven stava lavorando ai suoi primi quartetti, tra cui il più celebre è ilQuartetto in do minore Op 18 n. 4, ora in programma: è uno dei capolavori degli anni giovanili di Beethoven, in cui già si manifestano le atmosfere patetiche e drammatiche tipiche del suo stile maturo.

Il Quartetto Eos si è costituito nel 2016 all’interno del Conservatorio Santa Cecilia di Roma in seguito all’incontro di quattro giovani musicisti nati tra il 1996 e il 2000. Nonostante la recente formazione, ha suonato per importanti istituzioni musicali e in sale prestigiose, come Società del Quartetto di Milano, Teatro Donizetti di Bergamo, Sala Accademica del Conservatorio di Santa Cecilia e Palazzo Spada a Roma, Sala degli Specchi del Teatro Garibaldi a Caserta, festival “Musica in Collina” e festival “Luci della ribalta”. È stato selezionato per far parte del progetto “Le Dimore del Quartetto” ed è stato ammesso al corso di alto perfezionamento per Quartetto d’Archi nella classe del Quartetto di Cremona presso l’Accademia Walter Stauffer. È formato da Elia Chiesa e Giacomo Del Papa (violini), Alessandro Acqui (viola) e Silvia Ancarani (violoncello).

Silvia D’Anzelmo, specializzanda in Musicologia presso l’Università “Sapienza” di Roma, introduce all’ascolto delle musiche in programma.


 

Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal