L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

.

 

 

 

 

Marc Albrecht dirige Bruckner

Il Direttore dell’Opera di Amsterdam, già acclamato alla Scala in Die Frau ohne Schatten e Hänsel und Gretel oltre che in diversi concerti sinfonici, sostituisce Christoph von Dohnányi.

In programma il Te Deum e la Sinfonia n. 4.

Sarà Marc Albrecht a dirigere Coro e Orchestra del Teatro alla Scala mercoledì 13, giovedì 14 e domenica 17 febbraio in un programma interamente dedicato a Bruckner. Albrecht, Direttore stabile dell’Opera di Amsterdam, sostituisce Christoph von Dohnányi con una variazione sul programma: sarà infatti eseguita la Sinfonia n. 4 in luogo della prevista Sinfonia n. 9, mentre è confermata l’esecuzione del Te Deum con i solisti Tamara Wilson (soprano), Judit Kutasi (mezzosoprano), Peter Sonn (tenore), Sebastian Pilgrim (basso) e il Coro del Teatro alla Scala diretto da Bruno Casoni.

Marc Albrecht ha debuttato alla Scala nel 2012 con un’edizione particolarmente felice de Die Frau ohne Schatten di Strauss (Guy Cherqui parlava di “una direzione che colpisce per chiarezza e leggibilità, che mostra un lavoro particolarmente preciso con l’orchestra e sottintende prove esemplari”, mentre Carla Moreni scriveva : “Albrecht convince per il dominio a larga campata della partitura. Un incanto”) ed è tornato alla testa dei complessi dell’Accademia per Hänsel und Gretel di Humperdinck nel 2017 (“…trova nel direttore Marc Albrecht e nei complessi dell’Accademia interpreti impeccabili” scriveva Enrico Girardi; “a dirigerli c’era l’antico allievo di Claudio Abbado e grandissimo direttore dell’Opera di Amsterdam…” notava Elvio Giudici). Albrecht è stato inoltre ospite della Filarmonica della Scala nel 2013 e nel 2015.

Marc Albrecht

Marc Albrecht è uno dei direttori più interessanti dell’attuale scena lirica e concertistica. La sua attività si concentra principalmente sul suo ruolo di Direttore principale dell’Opera nazionale olandese ad Amsterdam, l’Opera House of the Year in Europa 2016, nonché della Netherlands Philharmonic Orchestra e dell’Olanda Chamber Orchestra. I suoi impegni come Direttore ospite per la Stagione 2018/19 lo porteranno alla Royal Opera House di Londra, all’Hessisches Staatstheater e all’Opera di San Francisco.

Sebbene sia molto richiesto a livello internazionale come direttore del repertorio tardo romantico tedesco e austriaco, da Wagner a Strauss a Zemlinsky, Schreker e Korngold, la sua attività di estende con successo da Mozart alla musica contemporanea. Il critico di Die Welt Manuel Brug ha citato La leggenda della città invisibile di Kitež di Rimsky-Korsakov diretta da Albrecht nel 2012 come "una serata operistica esemplare". Così Der Tagesspiegel ha anche commentato nel 2018 Das Wunder der Heliane di Korngold alla Deutsche Oper di Berlino: “Marc Albrecht è un korngoldiano convincente. [...] Nessuno può farsi paladino come lui alla Deutsche Oper per una rarità così elaborata, affettuosa e di qualità”.

La formazione musicale di Marc Albrecht è iniziata mentre era ancora a scuola. Come figlio di George Alexander Albrecht, il direttore musicale di lunga data del Niedersächsisches Staatstheater di Hannover, ha acquisito una profonda conoscenza del lavoro del direttore fin dalla tenera età. Suonava il trombone nell’orchestra, ma il pianoforte divenne il suo strumento preferito. Appare ancora di tanto in tanto come musicista da camera in concerti con i suoi colleghi d’orchestra.

L’approccio alla musica da camera caratterizza anche il suo lavoro con le orchestre. Albrecht ama il grande formato orchestrale ed è in grado di sfruttare le quasi infinite possibilità sonore dell’orchestra come pochi altri. Nello stesso tempo, tuttavia, cerca sempre di rendere la trama sinfonica trasparente come la musica da camera. Anche nelle sinfonie densamente orchestrate di Bruckner e Mahler, riesce sorprendentemente a rendere chiara la struttura permettendo alla musica di respirare, nonostante il suono opulento. L’approccio analitico e l’intensità emotiva vanno di pari passo con Marc Albrecht. Studia approfonditamente ogni lavoro che dirige, per poter fare musica liberamente e con tutto il cuore una volta in sala da concerto. Non è né un musicista cerebrale né intuitivo, ma una felice combinazione di entrambi.È stato chiaramente influenzato in tal senso dal suo mentore Claudio Abbado.

Dopo i suoi studi a Vienna e le sue prime posizioni come maestro ripetitore a Vienna e Amburgo, è stato assistente di Abbado, contribuendo alla nascita del Mahler Jugendorchester, che ha diretto per cinque anni. Successivamente è stato nominato Direttore principale della Sächsische Staatsoper di Dresda e nel 1995, all’età di 30 anni, è diventato uno dei più giovani direttori musicali della Germania allo Staatstheater di Darmstadt.

Nel 2006 Marc Albrecht ha assunto la carica di Direttore artistico e direttore d’orchestra dell'Orchestre Philharmonique di Strasburgo, per poi recarsi ad Amsterdam nel 2011, dove ancora una volta l’opera è diventata il fulcro del suo lavoro. Ha diretto opere come Die Zauberflöte e Don Giovanni di Mozart, Fidelio di Beethoven, Macbeth di Verdi, Die Meistersingervon Nürnberg di Wagner, Elektra di Strauss, Der Schatzgräber di Schreker, Il giocatore di Prokof'ev e la prima assoluta di Orest di Manfred Trojahn. Nel settembre 2014, una pietra miliare della sua carriera è stata la prima versione scenica dei Gurrelieder di Schönberg, con Pierre Audi come regista.

Come direttore ospite ha presentato opere di compositori diversissimi come Berlioz e Messiaen, Stravinsky e Martinů, B.A. Zimmermann e Zemlinsky, Berg, Henze e Wagner alla Deutsche Oper di Berlino, a Bruxelles, Parigi e Barcellona, ​​al Covent Garden, al Festival di Salisburgo e, dal 2003 al 2006, al Festival di Bayreuth.

In generale, Marc Albrecht ama collaborare con registi non convenzionali; ha diretto progetti di successo con Katie Mitchell e Christof Loy, Claus Guth, Herbert Fritsch e Krzystzof Warlikowski.

Inoltre, ha diretto orchestre sinfoniche come i Berliner Philharmoniker, il Koninlijk Concertgebouworkest, i Münchner Philharmoniker, l’Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia, l’Orchestre National de France, la NHK Symphony Orchestra Tokyo, la City of Birmingham Symphony Orchestra e le orchestre di Cleveland, Dallas, Stoccolma, Oslo, Torino e Rotterdam.

Le registrazioni su CD di Marc Albrecht con la Netherlands Philharmonic Orchestra (incluse opere di Korngold, Ravel, Dukas, Köchlin, Berg, Schumann, Dvořák, Mahler, Strauss, Brahms / Schönberg) sono state pubblicate sull’etichetta Pentatone, e le registrazioni live delle sue produzioni all’Opera Nazionale olandese sono disponibili su Challenge Records. La sua registrazione più recente è di un album straussiano che include Ein Heldenleben e Burleske, pubblicato sull’etichetta Pentatone nell’autunno del 2018.

Stagione Sinfonica 2018/2019

Mercoledì 13 (turno A), giovedì 14 (turno B), domenica 17 (turno C) febbraio 2019 ~ ore 20

CORO E ORCHESTRA DEL TEATRO ALLA SCALA

Direttore

MARC ALBRECHT

Anton Bruckner

Sinfonia n. 4 in mi bem. magg. „Romantische“

(versione 1878/80)

Te Deum in do magg

Tamara Wilson, soprano

Judit Kutasi, mezzosoprano

Peter Sonn, tenore

Sebastian Pilgrim, basso

Maestro del Coro

Bruno Casoni

Prezzi: da 85 a 6,50 euro più prevendita

Infotel 02 72 00 37 44

www.teatroallascala.org


 

Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal