L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

.

 

 

 

 

Indice articoli

Dittico siciliano fra opera e danza 

STAGIONE D’OPERA E DI BALLETTO • “LA GIARA” E “CAVALLERIA RUSTICANA”: UN NUOVO DITTICO MEDITERRANEO DIRETTO DA ANDREA BATTISTONI

Dal 12 al 22 giugno, per 9 recite, il Teatro Regio presenta un dittico tutto mediterraneo: la prima assoluta della creazione coreografica La giara, di Roberto Zappalà, tratta da Pirandello e su musiche di Alfredo Casella, protagonista la Compagnia Zappalà Danza. Nella stessa serata Cavalleria rusticana, il capolavoro di Pietro Mascagni in un nuovo allestimento con la regia di Gabriele Lavia.

Regia, coreografia, scene e luci de LA GIARA sono di Roberto Zappalà, la drammaturgia è di Nello Calabrò, i costumi di Veronica Cornacchini e Roberto Zappalà. L’Orchestra del Regio è diretta da Andrea Battistoni. Nata nel 1990 a Catania, la Compagnia Zappalà Danza è oggi riconosciuta dalla critica europea come una delle più interessanti realtà della danza contemporanea italiana. La nuova produzione de La giara è di Scenario Pubblico Compagnia Zappalà Danza - Centro Nazionale di Produzione della Danza.

CAVALLERIA RUSTICANA è un melodramma in un atto andato in scena per la prima volta nel 1890 al Teatro Costanzi di Roma. Il nuovo allestimento vede la regia diGabriele Lavia, attore e drammaturgo di rinomato prestigio, e le scene e i costumi firmati da Paolo Ventura, fotografo, artista e scenografo che ha rivoluzionato la fotografia contemporanea. La cruenta storia tra Santuzza, Turiddu e Alfio, nata dalla penna di Giovanni Verga, è interpretata al Regio da tre fuoriclasse dell’opera lirica:Daniela Barcellona (Santuzza), Marco Berti (Turiddu) e Marco Vratogna (Alfio). Completano il cast Elisabetta Fiorillo (Lucia) e Clarissa Leonardi (Lola). Nelle recite del 13, 15, 19 e 21 giugno i ruoli principali saranno ricoperti da Cristina Melis (Santuzza), Francesco Anile (Turiddu) e Gëzim Myshketa (Alfio). Sul podio dell’Orchestra e Coro del Teatro Regio sale il direttore Andrea Battistoni. Maestro del coro è Andrea Secchi.

INTORNO AL DITTICO• UNA CONFERENZA E UN INCONTRO PER PRESENTARE “LA GIARA” E “CAVALLERIA RUSTICANA”

Mercoledì 5 giugno ore 17.30 al Piccolo Regio Puccini, per “Le conferenze del Regio”, il musicologo e pianista Marco Targa cura la presentazione de La giara e diCavalleria rusticana, in un incontro dal titolo: Folclore inventato e verismo in Casella e Mascagni. L’ingresso è libero.

Sabato 8 giugno alle ore 15, per Sabato all’Opera, i due titoli saranno presentati e approfonditi in un incontro che prevede anche la visita guidata al teatro e la visione di parte di una prova dello spettacolo. Ingresso € 8; prenotazioni al numero 011.8815.209.

I CONCERTI• IL GRANDE VLADIMIR ASHKENAZY DIRIGE ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO REGIO: IN PROGRAMMA DEBUSSY, RAVEL E ŠOSTAKOVIČ

Sabato 1 giugno alle ore 20.30 il grande direttore d’orchestra nonché pianista Vladimir Ashkenazy sul podio dell’Orchestra e Coro del Teatro Regio, chiude la Stagione de I Concerti. Figura storica del pianismo russo, soltanto a metà carriera Ashkenazy ha iniziato a dedicarsi alla direzione d’orchestra, ricoprendo la carica di Direttore principale della Royal Philharmonic Orchestra, della Deutsches Symphonie-Orchester Berlin, dell’Orchestra Filarmonica Ceca, della NHK Symphony Orchestra di Tokyo e della Sydney Symphony Orchestra.

Apre il programma della serata Sirènes, per coro femminile e orchestra, dai Nocturnes di Claude Debussy. La pagina è di straordinario effetto impressionistico. Segue, di Maurice Ravel, la Suite per orchestra n. 2 dalla “sinfonia coreografica” Daphnis et Chloé, immenso affresco sinfonico dalla tavolozza orchestrale varia e virtuosistica. Chiude il programma una delle partiture più amate di Ashkenazy: la Sinfonia n. 10 op. 93 di Dmitrij Šostakovič. Partitura del dopo-Stalin, è stata spesso letta come una denuncia della personalità del dittatore. Fedele alla forma classica, questa sinfonia è caratterizzata da un linguaggio tormentato e ricco di chiaroscuri. Il Coro del Regio è istruito da Andrea Secchi.

IL REGIO IN PIEMONTE• CONCERTI A SAN FRANCESCO AL CAMPO, CARMAGNOLA E A ROSTA

Per Il Regio itinerante, rassegna di concerti in Regione eseguiti da formazioni di Artisti del Teatro Regio, giovedì 20 giugno ore 21 a San Francesco al Campo, presso la Palestra “Fratelli Peressotti”, suona il quintetto di ottoni Pentabrass; lo stesso complesso venerdì 28 giugno ore 21.30 si esibisce a Rosta, nella piazza della Stazione. Domenica 23 giugno ore 21, nel Cortile del Castello di Carmagnola, gli American Graffiti sono i protagonisti del concerto-spettacolo “Smoke Gets in Your Eyes”. Tutti i concerti sono a ingresso libero.

PROSSIMAMENTE• A LUGLIO “PORGY AND BESS”, CAPOLAVORO MUSICALE DI GEORGE GERSHWIN, PER LA PRIMA VOLTA AL REGIO

In attesa della rappresentazione dell’ultimo titolo in programma per la Stagione 2018-2019, Porgy and Bess, che andrà in scena dal 2 al 7 luglio, l’opera di George Gershwin verrà presentata mercoledì 26 giugno alle ore 17.30 in una conferenza dal titolo Gershwin, un americano all’opera, a cura di Giovanni Bietti (ingresso libero). Sabato 29 giugno ore 15, per Sabato all’Opera, Porgy and Bess verrà affrontata in un approfondito incontro che prevede anche una visita guidata al teatro e la visione di parte di una prova dello spettacolo. Ingresso € 8; prenotazioni al numero 011.8815.209.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: www.teatroregio.torino.it.


 

Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal