L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Written on Skin al Teatro Goldoni

L’ORCHESTRA RAI INAUGURA A VENEZIA LA BIENNALE MUSICA 2019

Affidata alla bacchetta di Clemens Schuldt la versione in forma di concerto di Written on skin di George Benjamin

premiato con il Leone d’Oro alla carriera

Venerdì 27 settembre al Teatro Goldoni di Venezia

Trasmissione in differita su Radio3 alle ore 23

Acclamata come un capolavoro del nuovo teatro musicale fin dalla sua prima rappresentazione nel 2012 al Festival d’Aix-en-Provence, con la regia di Katie Mitchell, ha ottenuto un successo planetario con più di cento rappresentazioni, sei diversi allestimenti e una registrazione in dvd realizzata alla Royal Opera House di Londra nel 2013. Il suo autore, allievo di Olivier Messiaen e Alexander Goehr, è universalmente riconosciuto fra i compositori britannici più importanti del nostro tempo. È l’opera in tre parti Written on Skin di George Benjamin, su libretto di Martin Crimp, che inaugura il 63. Festival Internazionale di Musica Contemporanea, organizzato dalla Biennale di Venezia, venerdì 27 settembre alle 20 al Teatro Goldoni del capoluogo veneto. L’esecuzione in forma di concerto – preceduta dalla cerimonia di consegna del Leone d’Oro alla carriera 2019 a George Benjamin e trasmessa in differita su Radio3 alle ore 23 – è affidata all’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, considerata da sempre tra le formazioni di riferimento nel repertorio contemporaneo, come dimostra anche l’annuale rassegna Rai NuovaMusica che si tiene a Torino. Sul podio è chiamato Clemens Schuldt, Direttore principale dell’Orchestra da Camera di Monaco di Baviera dal 2016. Protagonista sul palco un quintetto di voci di prestigio quali il baritono Christopher Purves (The Protector), il soprano Georgia Jarman (Agnès), il controtenore James Hall (Angel 1/The Boy), il mezzosoprano Victoria Simmonds (Angel 2/Marie) e il tenore Robert Murray (Angel 3/John).

Amore, erotismo, potere e morte si intrecciano in quest’opera ispirata alla leggenda occitana del trovatore catalano Guillem de Cabestanh, Le cœur mangé, poi ripresa nel Decameron da Boccaccio e nel saggio De l’amour da Stendhal. Una storia atroce di “cardiofagia” che nelle mani di Benjamin e Crimp si trasforma in un apologo senza tempo sul potere della scrittura, stilizzato magistralmente grazie a un susseguirsi di raffinatissimi colori orchestrali e di ingegnose invenzioni timbriche. Nella Provenza del XIII secolo un feudatario ricco e potente (The Protector) chiede ad un giovane artista (The Boy) di scrivere un libro miniato che celebri le proprie imprese. Di lui si innamora la moglie dell’uomo (Agnès), che lo obbliga a raffigurare sulla pergamena – ma anche “sulla pelle” dell’amata, come suggerisce l’ambivalenza del titolo – la loro relazione adulterina. Il marito comprende il tradimento, uccide l’artista e ne fa mangiare il cuore ad Agnès che, appresa la macabra verità, si toglie la vita. 


Registrati e ricevi gli aggiornamenti

Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.