L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Parma e non solo

Ancora una settimana dedicata al Teatro Regio di Parma, con registrazioni storiche (Rigoletto con Peter Glossop) e recenti (la prima versione di Macbeth andata in scena al Festival Verdi 2018). In programma anche numerosi concerti e un documentario sulla ripresa dell'attività musicale in Italia dopo il lockdown.

Domenica 27 settembre 2020

DOCUMENTI

PRIMA VISIONE

In scena – MiTo 2020

Rai5, domenica 27 settembre 2020, ore 9:00

Per il MITO-SettembreMusica, festival di musica classica che si svolge ogni anno a Milano e a Torino, Rai Cultura presenta il documentario “In scena – MiTo 2020” in onda venerdì 25 settembre alle 22.15 su Rai5. Il documentario ripercorre l’edizione 2020 della manifestazione, dal titolo “Spiriti”, e sonda, in questo anno così drammatico, il tema della relazione tra musica e spirito, grazie alla voce di alcuni protagonisti e agli estratti dei concerti più significativi.

Domenica all’opera

Ciclo Opera e Cinema: Carlo Verdone

Il barbiere di Siviglia (1992)

“Il barbiere di Siviglia” di Gioachino Rossini, con la regia teatrale di Carlo Verdone e le scene del Premio Oscar Dante Ferretti, conclude il ciclo di appuntamenti che Rai Cultura ha dedicato a opere liriche dirette da grandi nomi del cinema. L’appuntamento, in onda domenica 27 settembre alle 10.00 su Rai5, propone lo spettacolo andato in scena nel 1992 al Teatro dell’Opera di Roma con la direzione musicale di Piero Bellugi. Protagonisti sul palco Ramón Vargas, Alfonso Antoniozzi, Sonia Ganassi, Bruno Pola, Simone Alaimo, Fernanda Costa. Regia tv di Luciana Ceci Mascolo.

CONCERTO

Concerto d’estate Vienna 2020

Rai5, domenica 27 settembre ore 19:05

L’Orchestra Filarmonica di Vienna, il tenore Jonas Kaufmann e il direttore d'orchestra Valery Gergiev sono i protagonisti dello straordinario evento musicale nei giardini della Reggia di Schönbrunn a Vienna che Rai Cultura propone in prima tv giovedì 24 settembre alle 21.15 su Rai5 (repliche sabato 26 e domenica 27). In programma musiche di Jules Massenet, Emmerich Kálmán e Giacomo Puccini.

La Vienna Philharmonic Orchestra esegue questo concerto estivo nell'atmosfera unica dei giardini del castello di Schönbrunn dal 2004. Negli anni, la direzione del concerto è stata affidata a nomi come Bobby McFerrin (2004), Zubin Mehta (2005 e 2015), Plácido Domingo (2006), Valery Gergiev (2007, 2011 e 2018), Georges Prêtre (2008), Daniel Barenboim (2009), Franz Welser-Möst (2010), Gustavo Dudamel (2012), Lorin Maazel (2013), Christoph Eschenbach (2014 e 2017) e Semyon Bychkov (2016). Il concerto è trasmesso in oltre 80 paesi in tutto il mondo.

DOCUMENTI

PRIMA VISIONE

Prima della prima - Festival dei Due Mondi 2020

Rai5, domenica 27 settembre ore 20:40

Prima della Prima racconta la 63a edizione del Festival dei Due Mondi di Spoleto, svoltasi ad agosto 2020. Un'edizione speciale che vede protagonisti Pier Luigi Pizzi, Emma Dante, Isabella Ferrari, Beatrice Rana, Monica Bellucci, Roberto Capucci, Luca Zingaretti, Riccardo Muti. Regia Tv Barbara Napolitano.

La 63a edizione del Festival dei Due Mondi di Spoleto si è svolta dal 20 al 23 e dal 27 al 30 agosto. Si tratta di un’edizione speciale del Festival, nato e prodotto in un clima che tiene naturalmente conto dell’emergenza sanitaria. In questa puntata si alterneranno le voci ed il racconto dei protagonisti degli spettacoli, alle riprese del dietro le quinte, delle prove e della realizzazione in scena. Pier Luigi Pizzi mette in scena l’Orfeo di Monteverdi in piazza Duomo; al Teatro Romano “I Messaggeri” di Emma Dante; Isabella Ferrari interpreta tre voci femminili nel Melologo di Silvia Colasanti; Beatrice Rana si esibisce per il pubblico di Spoleto in un eccezionale concerto di pianoforte; Monica Bellucci in “MARIA CALLAS Lettere e Memorie”; in Piazza Duomo, LE CREATURE DI PROMETEO|LE CREATURE DI CAPUCCI ovvero la musica di Beethoven incontra la moda italiana di Roberto Capucci; Luca Zingaretti legge LA SIRENA dal racconto Lighea di Giuseppe Tomasi di Lampedusa; la manifestazione si chiude con il tradizionale CONCERTO FINALE in Piazza Duomo, Riccardo Muti dirige l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini. Produttrice esecutiva Simona Bazzi, regia di Barbara Napolitano.

Lunedì 28 settembre

OPERA

G. Verdi Rigoletto

lunedì 28 settembre, ore 10:00

Dal Teatro Regio di Parma Rigoletto di Verdi nello storico allestimento del 1965 firmato da Filippo Crivelli con la direzione musicale di Luciano Rosada.

Protagonisti sul palco Gianni Iaia, Peter Glossop, Margherita Rinaldi, Giovanni Foiani, Seta Palulian, Lina Rossi, Enrico Fissore, Bruno Tessari, Vittorio Pandano, Bruno Grella, Angela Cortese, Ferruccio Fava. Regia tv di Cesare Barlacchi

CONCERTO

OSN - Concerto OsnBychkov/ Bruckner

lunedì 28 settembre, ore 17.15 circa

Dall’Auditorium Toscanini di Torino Anton Bruckner Sinfonia n. 8 in do minore (versione 1890) (revisione di Leopold Nowak) Allegro moderato Scherzo. Allegro moderato Trio. Adagio Adagio. Lento solenne, ma senza strascicare Finale. Solenne, non presto. Semyon Bychkov Direttore.

Martedì 29 settembre

OPERA

G. Verdi I vespri siciliani

martedì 29 settembre 2020, ore 10:00

Dal Teatro "Giuseppe Verdi" di Busseto I vespri siciliani di Giuseppe Verdi. La regia è affidata a Pier Luigi Pizzi, che cura anche le scene e i costumi. Sul palco

Renzo Zulian, Amarilli Nizza, Orlin Anastassov, Vladimir Stoyanov. Sul podio il maestro Stefano Ranzani. Regia televisiva di Fausto Dall'Olio.

CONCERTO

Concerto musica da camera Uto Ughi

Martedì 29 settembre ore 17.30 circa

CONCERTO DI MUSICA DA CAMERA Violinista UTO UGHI con la partecipazione del pianista TULLIO MACOGGI WOLFGANG AMADEUS MOZART Adagio K261 - Rondò K373 - PABLO DE SARASATE Zingaresca - ERNEST BLOCH Nigun (da BAAL SHEM) - FERDINAND RIES Moto perpetuo.

Mercoledì 30 settembre

OPERA

G. Verdi Falstaff

mercoledì 30 settembre ore 10:00

Dal Teatro Verdi di Busseto Falstaf di Giuseppe Verdi. Sul podio il M° Riccardo Muti, regista Ruggero Cappuccio. Ambrogio Maestri, Roberto Frontali, Barbara Frittoli, Anna Caterina Antonacci, Juan Diego Florez, Bernadette Manca di Nissa nei ruoli principali. Regia televisiva di Pierre Cavassilas.

DOCUMENTI

C'è MUSICA E MUSICA Rondò (PT 12)

Mercoledì 30 settembre ore 17.30 circa

RONDÒ: ultima delle dodici puntate della serie "C'è musica & musica" ideata e condotta da Luciano Berio, che attraverso l'incontro con musicisti ed autori ci porta alla scoperta dei diversi modi di interpretare e ascoltare la MUSICA; diversa per definizione, per origine e per pubblico che ne fruisce.

Prima della prima: Festival Verdi 2018

Mercoledì 30 settembre ore 18:30

Prima della prima ci porta a Parma per raccontare una nuova edizione del Festival Verdi che invade la città e la vicina Busseto a settembre. Tra le produzioni di quest'anno Le trouvère con la Regia di Bob Wilson al magnifico Teatro Farnese e Macbeth, nel nuovo allestimento di Daniele Abbado diretta da Philippe Auguin.

OPERA

G. Verdi Macbeth

La prima versione dell'opera in un allestimenti firmato da Daniele Abbado

E' lo spettacolo che ha inaugurato la diciottesima edizione del Festival Verdi di Parma e Busseto il "Macbeth" di Giuseppe Verdi che Rai Cultura propone in prima serata su Rai5 mercoledì 30 settembre alle 21.15. Registrata al Teatro Regio di Parma nel settembre 2018, l'opera è proposta nella prima versione scritta da Giuseppe Verdi per il Teatro della Pergola di Firenze nel 1847. L'allestimento è firmato da Daniele Abbado, con i costumi di Carla Teti e le luci di Angelo Linzalata. Sul podio della Filarmonica Arturo Toscanini, dell’Orchestra Giovanile della Via Emilia e del Coro del Teatro Regio di Parma istruito da Martino Faggiani, Philippe Auguin dirige la partitura nell’edizione critica a cura di David Lawton. Protagonisti sul palco specialisti del repertorio verdiano come il baritono Luca Salsi (Macbeth), il basso Michele Pertusi (Banco), il soprano Anna Pirozzi (Lady Macbeth) e il tenore Antonio Poli (Macduff). Completano il cast Matteo Mezzaro (Malcom), Gabriele Ribis (Il medico), Alexandra Zabala (La dama di Lady Macbeth) e Giovanni Bellavia (Sicario e Il domestico di Macbeth). Primo dei tre titoli shakespeariani di Verdi composto su libretto di Francesco Maria Piave con interventi di Andrea Maffei, il melodramma dà corpo e voce alle pulsioni distruttive che abitano nei recessi dell’animo umano. «È all’amore di Verdi per il teatro shakespeariano - racconta Daniele Abbado nelle sue note di regia - che si deve questa grande creazione. Nel Macbeth che andrà in scena al Festival Verdi sono partito proprio dalla ricerca delle risonanze tra le due opere e da quanto Verdi ha trasferito e a tratti rinnovato nella sua scrittura. È un progetto che vive di un doppio registro: da una parte un mondo di immagini generate da buchi neri, da una nebbia costante, immagini che questi buchi neri inevitabilmente riassorbono; dall’altra un mondo di apparizioni, allucinazioni, drammatiche e a volte quasi carnascialesche. Alla fine dell’opera, l’immagine di una natura ostile, pietrificata nell’assenza d’amore. Assenza di Dio». Regia televisiva a cura di Arnalda Canali.

Giovedì 1 ottobre

OPERA

G. Verdi La traviata

giovedì 1 ottobre, ore 10:00

Dal Teatro Verdi di Busseto La traviata di Giuseppe Verdi messa in scena da Franco Zeffirelli nel 2002. Interpreti principali sul palco sono Stefania Bonfadelli, Renato Bruson e Scott Piper. La direzione musicale è affidata a Plácido Domingo. Regia tv a cura di Fausto Dall’Olio.

CONCERTO

Schubert/Britten

Giovedì 1 ottobre ore 17.15 circa

Dall'Auditorium Niccolò Paganini di Parma Sinfonia in si minore "Incompiuta" di Schubert e Serenade per tenore, corno e archi op. 31 di Britten. Sul podio il M° Bruno Bartoletti, corno Radovan Vlatkovic, tenore Mark Milhofer. Regia tv di Francesca Nesler.

DOCUMENTI

Serge Lifar, a passi di danza verso il futuro

Parigi, inizi del XX secolo. Con un approccio radicale e coreografie rivoluzionarie, il maître de ballet Serge Lifar ridefinisce il balletto neoclassico, e il futuro della danza stesso. Lo racconta il documentario “Serge Lifar, a passi di danza verso il futuro”, in onda giovedì 1 ottobre alle 19.30 su Rai5. Parigi, città rinomata per il suo amore per l'arte, per il balletto è meglio conosciuta grazie a un immigrato russo di nome Serge Lifar. Con la sua indiscutibile presenza scenica, Lifar cominciò la sua movimentata carriera lavorando con Sergej Djagilev, fondatore dei Ballets Russes. Tuttavia, Lifar non fu solo una star sul palco, ma anche un influente coreografo e una delle figure di spicco del rinnovamento del balletto francese del XX secolo, collaborando con artisti come Jean Cocteau, Pablo Picasso e Coco Chanel. Convinto che la danza potesse esistere al di fuori della musica, Lifar implementò approcci radicali e coreografie rivoluzionarie che sarebbero arrivate a ridefinire il balletto neoclassico e persino il futuro della danza stesso. Attraverso l’accesso esclusivo agli archivi personali di questa étoile e le interviste con i ballerini e coreografi di oggi, il filmato traccia un racconto intimo della vita di Serge Lifar e illustra chi è l'uomo dietro la fama artistica e la continuità duratura del suo rivoluzionario lavoro.

DOCUMENTI

Sinfonie di rinascita 

C'è l'Italia che riparte dalla musica al centro dello speciale "Sinfonie di rinascita", che Rai Cultura propone in prima TV su Rai5 giovedì 1 ottobre alle 21.15 (repliche sabato 3 e domenica 4 ottobre) Un percorso tra luoghi e atmosfere, curato da Roberto Giannarelli, alla ricerca di un incanto da ripristinare, dopo l'emergenza che così tanto ha gravato sullo spettacolo dal vivo. Dall'apertura notte tempo del Teatro dal Verme di Milano, alle 00.01 del 15 giugno, per non perdere nemmeno un istante del rapporto diretto col proprio pubblico, passando per le più grandi arene italiane, dal Circo Massimo di Roma allo Sferisterio di Macerata o a Piazza del Plebiscito a Napoli, luoghi dove di nuovo diventa possibile raccogliere appassionati attorno ad un palco. Tra i protagonisti Antonio Pappano, Beatrice Rana, Nicola Piovani, Daniela Barcellona, Damiano Michieletto, Stefano Montanari e molti altri.

Il viaggio attraverso l'estate italiana diventa l'occasione per ragionare sulle direzioni in cui è bene lavorare per garantire un futuro alla musica e alle tante persone che di quest'arte hanno fatto un mestiere.

Venerdì 2 ottobre

OPERA

Il barbiere di Siviglia

venerdì 2 ottobre ore 10:00

Dal Teatro Regio di Parma Il barbiere di Siviglia di Rossini con la direzione del M° Andrea Battistoni e la regia di Stefano Vizioli. Protagonisti sul palco Dmitry Korchak, Luca Salsi, Bruno Praticò, Giovanni Furlanetto, Natalia Roman, Ketevan Kemoklidze, Gabriele Bolletta, Noris Borgogelli. Regia tv di Daniela Vismara

CONCERTO

Concerto Pappano Bostridge Beethoven, Britten, Verdi

Venerdì 2 ottobre ore 18.00 circa

Antonio Pappano dirige l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, che esegue la Sinfonia n. 5 in do minore op. 67 di Beethoven, di Britten Serenata per tenore, corno e archi con Alessio Allegrini (corno) e Ian Bostridge (tenore)

Sabato 3 ottobre 2020

Sabato classica

Musica da camera con vista: Il padre del quartetto

Duo Recital Nishimura - Bacchetti

Per lo spazio “Sabato classica”, in onda ogni sabato pomeriggio su Rai5, Rai Cultura propone la serie “Musica da camera con vista”, in cui il musicologo Giovanni Bietti presenta celebri pagine del repertorio per quartetto d’archi, nella cornice di prestigiose residenze storiche. Nella puntata dal titolo “Il padre del quartetto”, in onda sabato 3 ottobre alle 7:40 e alle 19.15 su Rai5, il Quartetto Noûs (Tiziano Baviera e Alberto Franchin, vl; Sara Dambruoso, vla; Tommaso Tesini, vcl) interpreta i primi due movimenti (Allegro moderato e Adagio) dal Quartetto in sol maggiore op. 77 n. 1 di Joseph Haydn, nel Teatro Romolo Valli di Reggio Emilia. Regia Antonio Marzotto.

A seguire, alle 8;10 e alle 19:45, viene proposto il concerto in prima visione del duo Naoya Nishimura (violino) e Andrea Bacchetti (pianoforte), eseguito nel giugno 2019 alla Munetsugu Hall di Nagoya (Giappone). In programma Arcangelo Corelli - Sonata in re minore per violino e basso continuo op. 5 n. 12 "La Follia"; Ludwig van Beethoven - Sonata per violino e pianoforte n. 5 in fa maggiore op. 24 "Primavera"; Manuel de Falla - Siete Canciones Populares Españolas; Maurice Ravel - Sonata per violino e pianoforte; Camille Saint-Saëns - Introduzione e Rondò Capriccioso op. 28; Niccolò Paganini - Cantabile in re maggiore op. 17; Antonio Bazzini - La Ronde des Lutins, scherzo fantastique op. 25.

DOCUMENTI

Sinfonie di rinascita 

sabato 3 ottobre ore 11:30

C'è l'Italia che riparte dalla musica al centro dello speciale "Sinfonie di rinascita", che Rai Cultura propone in prima TV su Rai5 giovedì 1 ottobre alle 21.15 (repliche sabato 3 e domenica 4 ottobre) Un percorso tra luoghi e atmosfere, curato da Roberto Giannarelli, alla ricerca di un incanto da ripristinare, dopo l'emergenza che così tanto ha gravato sullo spettacolo dal vivo. Dall'apertura notte tempo del Teatro dal Verme di Milano, alle 00.01 del 15 giugno, per non perdere nemmeno un istante del rapporto diretto col proprio pubblico, passando per le più grandi arene italiane, dal Circo Massimo di Roma allo Sferisterio di Macerata o a Piazza del Plebiscito a Napoli, luoghi dove di nuovo diventa possibile raccogliere appassionati attorno ad un palco. Tra i protagonisti Antonio Pappano, Beatrice Rana, Nicola Piovani, Daniela Barcellona, Damiano Michieletto, Stefano Montanari e molti altri.

Il viaggio attraverso l'estate italiana diventa l'occasione per ragionare sulle direzioni in cui è bene lavorare per garantire un futuro alla musica e alle tante persone che di quest'arte hanno fatto un mestiere.

Spazio “Contemporanea”

Ivan Fedele - Musica per il teatro: Thanatoséros

Per lo spazio dedicato alla musica contemporanea, Rai Cultura propone il lavoro di Ivan Fedele “Thanatoséros, scena lirica dal "Combattimento di Tancredi e Clorinda" della "Gerusalemme liberata" di Torquato Tasso, per soprano tenore e ensemble, in onda sabato 3 ottobre alle 23.45 su Rai5. In scena al Teatro Studio Borgna dell'Auditorium Parco della Musica in Roma, l’opera è una riduzione dall'originale di Giuliano Corti e Ivan Fedele. Musica di Ivan Fedele. Personaggi ed interpreti: Clorinda (Sabrina Cortese) e Tancredi (Mirko Guadagnini). Parco della Musica Contemporanea Ensemble (PMCE) diretto da Tonino Battista. Regia Daniele De Plano.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.