L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Viaggio in Ungheria istrionico e popolare

VIAGGIO IN UNGHERIA ISTRIONICO E POPOLARE

NEL 9° CONCERTO DELLA STAGIONE SINFONICA 2020

DI FONDAZIONE ARENA AL TEATRO FILARMONICO

Concerto disponibile in streaming da venerdì 30 ottobre alle 20.00

sulla nuova webtv di Fondazione Arena al link http://arena.it/tv

e sulle piattaforme Facebook e Youtube

Ultimo fine settimana di ottobre in puro stile magiaro trasmesso in streaming sui canali di Fondazione Arena: l’Orchestra dell’Arena guidata dal pianista e direttore Vittorio Bresciani propone un viaggio in terra d’Ungheria con i suoi due compositori più importanti, Béla Bartók e Zoltán Kodály, tra danze ispirate al folklore e ai ritmi irregolari della musica popolare magiara, per concludere con le rapsodie dell’istrionico Franz Liszt. Il concerto è stato patrocinato dall’Ambasciata di Ungheria.

In ottemperanza alle disposizioni del nuovo DPCM e nell’impossibilità di aprire al pubblico il concerto, Fondazione Arena ha prontamente attivato la modalità dello streaming per rendere ugualmente accessibile questo imperdibile appuntamento; in un momento costellato di incertezze e difficoltà, il linguaggio universale della musica e i suoi valori vogliono dare a tutti un messaggio di speranza.

Da venerdì 30 ottobre alle 20.00 sarà quindi possibile assistere al concerto collegandosi gratuitamente alla nuova webtv di Fondazione Arena (il link http://arena.it/tv sarà attivato venerdì) e sulle piattaforme Facebook e Youtube.

Torna sul podio del Filarmonico Vittorio Bresciani, più volte alla guida dei complessi artistici veronesi in particolar modo nella resa dell’integrale esecuzione dei lavori sinfonici del compositore Franz Liszt (1811-1886), virtuoso del pianoforte e sperimentatore di timbri, generi e forme.

Bresciani, che è anche acclamato solista in recital lisztiani, dirige le spettacolari trascrizioni orchestrali di ben tre Rapsodie ungheresi composte originariamente per pianoforte. Queste composizioni, presentate nella trascrizione dello stesso Liszt e di Ferenc Doppler, sono inserite a conclusione di un programma interamente ungherese, con opere dei due principali autori (nonché studiosi e divulgatori) della propria terra: Zoltán Kodály (1882-1967) e Béla Bartók (1881-1945).

Del primo compositore sono proposte le rare Danze di Marosszék: il nome di questo brano, una suite ininterrotta che varia un tema per quattro volte, alternandolo con altrettanti intermezzi originali, viene da un distretto della Transilvania celebre per le sue danze già dal Seicento. Kodály vi pensò a lungo, sempre per importanti occasioni, e rimandando per potervi lavorare più dettagliatamente. L’opera nacque nel 1927 per pianoforte e solo tre anni dopo fu personalmente orchestrata dall’autore, con leggere variazioni ed un nuovo impianto tonale.

Nel cuore del concerto sta un intimo e raffinato dialogo tra solista ed orchestra, ancora più intimo se affidato al timbro caldo della viola, strumento cui molti compositori hanno affidato pagine indimenticabili proprio nel crepuscolo della propria produzione artistica. Béla Bartók infatti non riuscì a terminare questo suo Concerto per viola e orchestra, che fu completato e pubblicato dall’allievo Tibor Serly ed eseguito per la prima volta a Minneapolis nel 1949, sotto la direzione di Antal Dorati e con solista William Primrose, dedicatario dell’estrema opera di Bartók. Tra i due vivaci movimenti estremi nella classica struttura del Concerto, spicca un Adagio religioso considerato dalla critica come una delle più profonde ed ispirate confessioni del compositore. Il ruolo solistico e concertante della viola è affidato a Giuseppe Mari, che dal 2013 ricopre il ruolo di prima parte nell’orchestra areniana oltre a numerose collaborazioni con prestigiose orchestre e presso importanti Festival.

Come accennato, il programma si conclude con il virtuosismo dello “tzigano cosmopolita” Franz Liszt, il quale realizzò diverse Rapsodie ungheresi ispirandosi liberamente a temi, ritmi e soprattutto tinte orchestrali della propria terra d’origine. Si tratta di una raccolta di diciannove brani per pianoforte ispirati ai moti patriottici ungheresi del 1848; sei rapsodie sono state poi riadattate per orchestra dallo stesso autore e da Ferenc Doppler. Nel concerto vengono proposte la danza scatenata della n. 3, l’elegiaca n. 5 e la variopinta n. 4.

La Stagione Artistica del Teatro Filarmonico rappresenta, da anni, un momento molto atteso e aperto ad un vasto pubblico di appassionati, non solo veronesi. Sostenerla per Banco BPM, partner della stagione per l'undicesimo anno consecutivo, significa dare continuità alle proprie radici solidaristiche, promuovere la cultura in tutte le sue espressioni e al contempo unirsi al fermento di una città, Verona, parte integrante di Banco BPM.

Informazioni

 www.arena.it

Biglietteria Arena di Verona

Via Dietro Anfiteatro 6/b, 37121 Verona

Tel. 045 596517 - Fax 045 8013287 - Call center 045 8005151 - Punti di prevendita Geticket

Orari

da lunedì a venerdì 10:30-16:00

sabato 09:15-12:45

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.arena.it

Stagione sinfonica 2020

9° Concerto

Zoltán Kodály | Kecskemét 1882 – Budapest 1967

Danze di Marosszék

Béla Bartók | Nagyszentmiklós 1881 - New York 1945

Concerto per viola e orchestra Sz. 120

Moderato - Adagio religioso - Allegro vivace

(ed. Serly)

Franz Liszt | Raiding 1811 - Bayreuth 1886

Rapsodia ungherese n. 3 in re maggiore

Rapsodia ungherese n. 5 in mi minore

Rapsodia ungherese n. 4 in re minore

(orchestrazione Liszt-Doppler)

Vittorio Bresciani, Direttore

Giuseppe Mari, Viola

Orchestra dell’Arena di Verona

Con il patrocinio dell’Ambasciata di Ungheria


Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brescia.
Registrazione n. 1/2015 del 26/01/2015
© 2015 L'ape musicale. Tutti i diritti riservati

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy

RECENSIONI  INTERVISTE NEWS 

TV RADIO e STREMING

VIDEO  TERZA PAGINA CORSI e CONCORSI 

CONTATTI

 

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.