L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

La voce di Mirella Freni apre A riveder le stelle

A RIVEDER LE STELLE”

IL 7 DICEMBRE SU RAI 1 E RAI RADIO 3

Leggi anche:

Milano, annullata Lucia di Lammermoor alla Scala
Milano, il 7 dicembre in diretta tv
Interviste, Lisette Oropesa
Milano, il teatro italiano A riveder le stelle il 7 dicembre
Milano, Anteprima under30 di A riveder le stelle in streaming il 4 dicembre

Non saranno 24 bensì 25 le grandi voci che il pubblico potrà ascoltare il 7 dicembre nella Serata “A riveder le stelle” - con la direzione di Riccardo Chailly e la regia di Davide Livermore - che sarà trasmessa da Rai Cultura su Rai 1 e su Radio 3 dalle ore 17 e sarà poi disponibile su Raiplay. Nel video di introduzione alla Serata si ascolterà infatti la voce di Mirella Freni nella romanza “Io son l’umile ancella” da Adriana Lecouvreur di Cilea.

È sempre vivo l’affetto del pubblico scaligero per questa grande artista, che in trentaquattro anni di presenza al Piermarini - dal 1962 al 1996 - è stata protagonista di alcuni degli spettacoli che hanno costruito l’identità del Teatro, incluse sette inaugurazioni di stagione. Il suo proverbiale rigore, la musicalità innata ma forgiata nello studio e nel rispetto della partitura ne hanno fatto un’interprete amata dai direttori d’orchestra quanto dal pubblico.

Nel 1962 Antonino Votto la dirige al debutto come Nannetta in Falstaff. Nel 1963 è Herbert von Karajan a volerla come Mimì ne La bohème con la regia di Franco Zeffirelli; sul podio di questa produzione si avvicendano nel corso degli anni Nino Sanzogno, Georges Prêtre, Carlos Kleiber e Gianandrea Gavazzeni, che guida la Freni anche nei territori del Verismo con L’amico Fritz, Adriana Lecouvreur, Fedora. Kleiber la riporta al 7 dicembre nel ‘76 con lo storico Otello con Plácido Domingo. Centrale nella storia dell’interpretazione al Teatro alla Scala è il suo rapporto con Claudio Abbado, che la dirige in Simon Boccanegra, Le nozze di Figaro, Don Carlo e Requiem, ma restano memorabili anche le inaugurazioni verdiane con Falstaff diretto da Lorin Maazel e Ernani diretto da Riccardo Muti; Seiji Ozawa la dirige invece in Evgenij Onegin.

Straordinari i sodalizi con i colleghi: primi tra tutti Luciano Pavarotti e Nicolai Ghiaurov, ma con lei dividono regolarmente il palcoscenico Plácido Domingo, Gianni Raimondi, Rolando Panerai, Piero Cappuccilli, Elena Obraztsova e moltissimi altri. L’ultima apparizione di Mirella Freni sul palcoscenico della Scala avviene il 14 giugno 1996, in una recita di Fedora con Plácido Domingo.

Nel 2015 il Teatro ha festeggiato l’ottantesimo compleanno dell’amata artista con una serata condotta da Elvio Giudici e Alberto Mattioli, in cui la sala si è riempita ancora una volta di un pubblico pieno di gioia e di gratitudine.

Milano, 30 novembre 2020


Registrati e ricevi gli aggiornamenti

Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.