L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Beethoven con l'Orchestra Giovanile Nazionale Tedesca  

AL TEATRO RISTORI ARRIVA L’ECCEZIONALE

ORCHESTA GIOVANILE TEDESCA

I 90 ELEMENTI DELLA

BUNDESJUGENDORCHESTER

DIRETTA DA LOTHAR ZAGROSEK

CON UNO SPECIALE PROGRAMMA

DEDICATO AL 250° ANNIVERSARIO

DELLA NASCITA DI LUDWIG VAN BEETHOVEN

TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE

L’orchestra, reduce dai trionfi alla Filarmonica di Berlino e a Bonn, presenterà un esclusivo omaggio al compositore tedesco in occasione del 250° anniversario dalla nascita eseguendo l’Ouverture del Fidelio, Tenebrae per grande orchestra del compositore svizzero Klaus Huber, il brano di Sergej Maingardt commissionato dal Deutscher Musikrat proprio per le celebrazioni beethoveniane in prima esecuzione italiana e la monumentale Quinta Sinfonia

Il primo appuntamento del 2020 della rassegna Concertistica del Teatro Ristori, in programma sabato 18 gennaio alle 20.30, vedrà protagonista l’acclamata Orchestra Giovanile Nazionale Tedesca, Das Bundesjugendorchester, con una formazione di oltre 90 musicisti, guidata da uno dei direttori d’orchestra più rinomati, vincitore del Kritikerpreis 2009 dalla German Critics Association, Lothar Zagrosek, con uno speciale appuntamento per celebrare il 250° anniversario della nascita di uno dei maggiori compositori mai esistiti, primo compositore moderno, Ludwig Van Beethoven.

Il programma della serata sarà completamente dedicato alla celebrazione del compositore tedesco: l’orchestra presenterà un esclusivo omaggio a Beethoven in occasione del 250° anniversario della nascita, con l’Ouverture del Fidelio e la monumentale Quinta Sinfonia. Ma non mancherà anche un excursus nella contemporaneità con Tenebrae per grande orchestra del compositore svizzero Klaus Huber, vincitore del premio Beethoven nel 1970, e il brano di Sergej Maingardt commissionato dal Deutscher Musikrat proprio per le celebrazioni beethoveniane, in prima esecuzione italiana, dopo la prima assoluta a Bonn dell’11 gennaio scorso. Il compositore ha utilizzato anche l’elettronica per diffondere in tutto il Teatro un colore particolare. Un programma quindi di grande impatto e forza, in cui convono tradizione, innovazione e ricerca.

ARTISTI

Das Bundesjugendorchester – Orchestra Giovanile Nazionale Tedesca

La Bundesjugendorchester è la più importante orchestra giovanile tedesca, fondata nel 1969 dal Consiglio della Musica Tedesco e formata dai migliori musicisti del paese di un’età compresa tra i 14 e 19 anni. Oltre a Sir Simon Rattle, altri eminenti direttori quali Herbert von Karajan, Kurt Masur, Gustavo Dudamel e Kirill Petrenko hanno diretto l’orchestra; solisti del calibro di Christian Tetzlaff, Tabea Zimmermann e Fazil Say, oltre a musicisti rock quali Sting e Peter Maffay, hanno collaborato con questa formazione. Nel 2016 l’orchestra – insieme al direttore Alexander Shelley e a Campino del gruppo “Die Toten Hosen” – è stata insignita del premio Echo Klassik nella categoria “Classici per ragazzi”. Nel 2013 i Berliner Philharmoniker hanno assunto un ruolo guida ufficiale per l’orchestra, che è invitata ogni anno al Festival di Pasqua di Baden-Baden per concerti diretti da Sir Simon Rattle, il quale ha scritto: «È con enorme piacere incontrare questa meravigliosa nuova generazione di colleghi! Penso che il futuro delle orchestre sia in buone mani con loro…». I giovani musicisti vengono selezionati da una giuria di professionisti. Grazie a diverse sessioni intensive di lavoro, i ragazzi preparano brani orchestrali significativi di tutte le epoche; musica contemporanea e prime assolute di nuove composizioni sono parte integrante del loro repertorio.

La Bundesjugendorchester intraprende tournée in Europa, Asia, Africa, Nord e Sud America. Ha partecipato a significativi progetti storici, tra i quali la celebrazione del 50mo anniversario della Berlin Airlift con Kurt Masur a New York e a concerti a Johannesburg e Cape Town come parte delle attività culturali che hanno preceduto i giochi del Campionato del Mondo di Calcio nel 2010. L’orchestra ha aperto l’Anno Tedesco a Mexico City nel 2016 e nel 2017 ha compiuto un tour con il Balletto Giovanile Nazionale Tedesco, per la seconda volta, con il programma “Summit Meeting – Reformation”.

Lothar Zagrosek

Insignito del premio Kritikerpreis 2009 dalla “German Critics Association”, Lothar Zagrosek, ha iniziato a studiare direzione d’orchestra sotto la guida di Hans Swarovsky, Istvàn Kertész, Bruno Maderna e Herbert von Karajan. Diventa presto direttore musicale a Solingen, punto di partenza di una carriera che lo vedrà nominato direttore musicale di molte istituzioni, alcune tra le più importanti a livello internazionale. Tra queste ricordiamo il suo incarico alla Österreichischen Radiosinfonieorchesters di Vienna, all’Opera di Parigi (1986-1989), periodo durante il quale è stato anche direttore ospite della BBC Symphony Orchestra. Dal 1990 al 1992 è stato direttore musicale della Leipzig Opera, dal 1995 è primo direttore ospite e consulente artistico della Junge Deutsche Philharmonie. Dal 1997 al 2006 è stato Direttore Musicale alla Stuttgart State Opera, vincitrice durante questa direzione del premio “Istituzione musicale dell’anno” così allo stesso tempo Lothar Zagrosek è stato nominato “Direttore dell’anno” per ben due volte. Dalla stagione 2006/2007 è direttore della Konzerthausorchester di Berlino. Tra gli altri teatri ed istituzioni musicali con cui Lothar Zagrosek ha collaborato citiamo: l’Hamburgische Staatsoper, Bayerische Staatsoper di Monaco, Deutsche Oper a Berlino, Semperoper di Dresda, il Théâtre de la Monnaie a Bruxelles, la London Royal Opera House Covent Garden.

Lothar Zagrosek ha poi lavorato con le più rinomate orchestre del mondo tra cui: Berliner e Münchner Philharmoniker, la Gewandhausorchester Leipzig, la Wiener Symphoniker, l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, l’Orchestre National de France, la London Philharmonic Orchestra, l’Orchestre Symphonique de Montreal e la NHK Symphony Orchestra Tokyo. Ha partecipato quindi a prestigiosi festival quali: Glyndebourne Festival, Wiener Festwochen, Berliner Festwochen, London Proms, Munich Opera Festival e il Salzburg Festival oltre ad essere ospite abituale di festival di musica contemporanea a Donaueschingen, Berlino, Bruxelless e Parigi. Appassionato di insegnamento musicale e fortemente impegnato per il sostegno ai giovani talenti, è principale sostenitore di “Offensive for Cultural Education” a Berlino, membro onorario della giuria per il concorso internazionale per direttori di orchestra “Hochschulwettbewerb Dirigieren” 2008 e presidente dell’Artistic Advisory Council per il Forum della Direzione Orchestrale della Deutscher Musikrat. Ricordiamo inoltre che nel 2006 si è aggiudicato il premio “Hessischer Kulturpreis” a Francoforte. Tra gli impegni recenti ricordiamo concerti con la Royal Concertgebouw Orchestra ad Amsterdam e con l’Atlanta Symphony Orchestra.

Lothar Zagrosek vanta un’estesa discografia che comprende le incisioni di Al Gran Sole Carico D’Amore di Luigi Nono e Das Mädchen mit den Schwefelhölzern di Lachenmann, Dantons Tod di Gottfried von Einem, Saint François d’Assise di Olivier Messiaen (con Dietrich Fischer-Dieskau) e l’opera omnia per coro e orchestra di Paul Hindemith. Inoltre ha lavorato a numerose incisioni per Decca per la serie “Entartete Musik”, tra queste di Ernst Krenek Jonny spielt auf, di Viktor Ullmann Der Kaiser von Atlantis, di Hanns Eislers la Deutsche Sinfonie (con la Gewandhausorchester Leipzig), Der Gewaltige Hahnrei di Berthold Goldschmidt, Die Vögel di Walter Braunfels oltre che Verlobung im Traum di Hans Krasa. Ha inoltre diretto la famosa produzione della Tetralogia di Wagner alla Stuttgart State Opera, incisa da Naxos e registrata da EuroArts. Molte tra queste incisioni hanno vinto importanti premi internazionali, come l’Edison Prize, il Cannes Classical Award e il Deutsche Schallplattenpreis oltre alle nomine per il Grammy.

Ha inaugurato a Bologna, con un concerto antologico “Schoenberg Experience”, la rassegna dedicata al grande musicista. Ha riscosso enorme successo per la sua lettura de Die Schoepfung al Teatro Filarmonico di Verona e de L’intolleranza 1960 al Teatro La Fenice di Venezia, dove è stato nuovamente ospite per inaugurare la stagione 2011-2012 con Lou Salomé. Più recentemente ha diretto Parsifal a Seul, Kàt’a Kabanovà ad Amburgo; Don Giovanni a Francoforte; Elektra al Teatro Comunale di Bologna e a Reggio Emilia.

Per maggiori informazioni vi invitiamo a visitare la pagina dedicata alla Stagione Concertistica del Teatro Ristori: http://www.teatroristori.org/stagione/concertistica/

 


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.