L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Grandi voci alla Scala

SABATO 15 FEBBRAIO RICORDO DI ROLANDO PANERAI

È dedicato a Rolando Panerai il prossimo appuntamento del ciclo “Grandi voci alla Scala”, sabato 15 febbraio alle ore 16 al Ridotto dei Palchi del Teatro alla Scala. All’incontro parteciperanno Giovanni Vitali e Piero Mioli insieme a Sabino Lenoci e Giancarlo Landini, direttore e vicedirettore della rivista ‘l’opera’ che realizzano il ciclo “Grandi voci alla Scala” in collaborazione con il Teatro. L’ingresso al Ridotto dei Palchi sarà libero fino a esaurimento dei posti.

Rolando Panerai debuttò alla Scala il 17 aprile 1952, Sommo Sacerdote di Dagon in Samson et Dalila di Saint-Saëns diretto da Victor de Sabata. Da allora, per più di vent’anni, è stato una presenza costante della scena milanese. Bella e franca voce di baritono, musicale e duttile, trovò subito utilizzo in un repertorio vasto ed eterogeneo. Dopo Madama Butterfly e La Bohème Panerai fu Masetto nel Don Giovanni del 1953 diretto da Herbert von Karajan, con il quale stabilì un sodalizio artistico durato quarant’anni. Il celebre direttore lo invitò regolarmente al Festival di Salisburgo, alla Staatsoper di Vienna e lo volle alla Scala in spettacoli divenuti mitici, come l’edizione della Lucia di Lammermoor con Giuseppe Di Stefano e Maria Callas o la storica Bohème, firmata da Zeffirelli, dove Panerai fu partner di colleghi illustri tra cui Mirella Freni, o ancora il Falstaff, dove il baritono toscano si distinse come Ford di riferimento, uno dei migliori di tutti i tempi. Alla Scala ebbe modo di collaborare con grandi direttori, tra cui Otto Ackermann, Carlo Maria Giulini, Francesco Molinari-Pradelli, Gianandrea Gavazzeni, Claudio Abbado, Bruno Bartoletti, Georges Prêtre, Lorin Maazel.

Panerai ha trovato il suo terreno d’elezione nella produzione brillante, dimostrando innegabili doti di cantante-attore che gli hanno permesso di trionfare nel Barbiere di Siviglia, nell’Elisir d’amore, nel Don Pasquale, nella Cenerentola, in Così fan tutte, nelle Nozze di Figaro, nella Cecchina ovvero la buona figliola, in Nina ossia la pazza per amore. Ma è innegabile che Panerai abbia saputo farsi valere anche nella produzione seria e mettersi in evidenza nel repertorio contemporaneo. In questo ambito andranno ricordate alcune memorabili serate scaligere, tra cui la prima assoluta locale de L’angelo di fuoco di Prokof’ev nel 1956, diretto da Nino Sonzogno con la regia di Giorgio Strehler, e la prima assoluta de Il calzare d’argento di Ildebrando Pizzetti nel 1961. Alla Scala comparve, come Ping, nella Turandot che inaugurò la Stagione il 7 dicembre 1983. Nel 2017 fu ospite in una serata dedicata a Maria Callas. L’importanza di Rolando Panerai e la sua incidenza sulla scena lirica internazionale sono messe in evidenza dalle numerose edizioni discografiche. Negli ultimi anni di attività Panerai si è molto speso per l’insegnamento e il sostegno dei giovani cantanti, confermando anche in questo ambito una personalità schietta, concreta e generosa.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.