L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

All'opera con Emma Dante

Un ciclo operistico con il comune denominatore di Emma Dante alla regia, ma anche Puccini con Daniela Dessì, la danza, i consueti concerti pomeridiani, un omaggio a Katia Ricciarelli, prime serate con Riccardo Muti, Ezio Bosso Antonio Pappano e Stefano Bollani. Ecco la settimana musicale di Rai5

Domenica 17 gennaio

DANZA

Omaggio al balletto

P. I. Čajkovskij, Il lago dei cigni (2004)

Con Svetlana Zakharova e Roberto Bolle

ore 10:00

Bellezza, eleganza, passione, padronanza tecnica. A gennaio il balletto è protagonista su Rai5 con cinque appuntamenti dedicati a celebri balletti e grandi interpreti, in onda tutte le domeniche alle 10.00. Si prosegue domenica 17 gennaio con “Il lago dei cigni” messo in scena nel 2004 al Teatro degli Arcimboldi, con la direzione musicale di David Garforth. Sul palco due star assolute della danza internazionale: Roberto Bolle e Svetlana Zakharova, nei panni di Siegfried e Odette/Odile.  La coreografia è firmata da Vladimir Bourmeister, lontano discendente di Cajkovskij, che la realizzò nel 1953 basandosi sulla partitura originale del balletto. Le scene e i costumi sono di Roberta Guidi di Bagno, mentre la regia televisiva è di Tina Protasoni.

Nelle domeniche successive sarà proposto “Notre-dame de Paris”, andato in scena nel 2013 al Teatro alla Scala con le coreografie di Roland Petit. Con Roberto Bolle nel ruolo di Quasimodo e Natal’ja Osipova in quello di Esmeralda. Sul podio il Maestro Paul Connelly. Regia tv di Patrizia Carmine. Il ciclo si chiuderà con “Don Chisciotte” di Ludwig Minkus, nella versione coreografica di Rudolf Nureyev in scena nel 2014 al Teatro alla Scala. Con Natalia Osipova enl ruolo di Kitri e Leonid Sarafanov in quello di Basilio. Sul podio il Maestro Alexander Titov. Regia televisiva di Patrizia Carmine.

CONCERTO

Daniele Gatti dirige l'Orchestra Rai

ore 18:56

Accosta pagine “estreme” di due compositori coevi, che si stimavano enormemente a vicenda come Wagner e Bruckner il concerto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretto da Daniele Gatti 

In programma il Preludio dal Terzo Atto e l’Incantesimo del Venerdì Santo dal Parsifal di Richard Wagner, seguiti dalla Sinfonia n. 9 in re minore di Anton Bruckner. Parsifal e la Nona sono rispettivamente l’ultimo dramma musicale e l’ultima sinfonia creati dai due compositori. Il primo è stato composto tra il 1877 e il 1882 ed è andato in scena il 26 luglio di quell’anno al Festival di Bayreuth. La Nona Sinfonia è stata iniziata da Bruckner nel 1887 ed è rimasta incompiuta, mancante del quarto movimento, a causa della morte del compositore, sopraggiunta l’11 ottobre del 1896.

“Il Parsifal e la Nona di Bruckner sono due opere profondamente intrise di religiosità – dice Gatti – entrambe contengono sia l’elemento della lotta terrena per trovare una sorta di redenzione, sia l’incanto di una serenità che è come un’ascesa al Paradiso. Ho diretto questo programma con il Concertgebouw di Amsterdam, anche in tournée alla Carnegie Hall di New York. Lo propongo adesso per la prima volta in Italia come ideale prosecuzione del concerto che ha segnato il mio debutto con l’Orchestra della Rai, nel gennaio scorso, nel quale avevo interpretato un’altra pagina poderosa ed estrema cona la Nona Sinfonia di Gustav Mahler”.

Daniele Gatti torna sul podio dell’Orchestra Rai dopo i tre concerti del ciclo primaverile che l’hanno visto protagonista tra giugno e luglio, e dopo la serata d’apertura dei “Concerti d'autunno” dello scorso settembre. È Direttore musicale dell’Opera di Roma e dell’Orchestra Mozart, ed è Consulente artistico della Mahler Chamber Orchestra. Ha ricoperto incarichi presso orchestre come quella del Concertgebouw di Amsterdam, dell’Accademia di Santa Cecilia, presso la Royal Philharmonic Orchestra e la Royal Opera House di Londra. I Berliner e i Wiener Philharmoniker, la Staatskapelle di Dresda, la Symphonieorchestrer des Bayerisches Rundfunk e la Filarmonica della Scala sono alcune delle istituzioni sinfoniche che dirige regolarmente. 

Musica da camera con vista

La Francia

ore 20:08

Un progetto dedicato al quartetto per promuovere e diffondere il grande repertorio quartettistico e i suoi interpreti, affiancando all’esecuzione dei brani l’illustrazione delle loro caratteristiche. È la serie di lezioni-concerto “Musica da camera con vista”, in onda su Rai5. Al centro della prima lezione la Francia: nell’ottocentesco Teatro sociale di Luzzara, col Quartetto Mitja (Giorgiana Strazzullo, violino, Pasquale Allegretti Gravina, violino, Carmine Caniani, viola, Veronica Fabbri Valenzuela, violoncello) vengono analizzati due Quartetti di Debussy (1893) e Ravel (1903). La lezione evidenzia i modi personalissimi e del tutto originali con cui i compositori interpretano il dialogo con la tradizione Mitteleuropea: il clima è più rilassato, la logica più imprevedibile, forte è l’evocazione di atmosfere esotiche di Spagna e Andalusia.

CONCERTO

Muti suona Haydn alla Reggia di Caserta (2020)

Ore 21.15

C'è la splendida cornice del Teatrino di Corte della Reggia di Caserta a far da sfondo al concerto diretto dal Maestro Riccardo Muti alla testa della sua Orchestra Giovanile Cherubini, che Rai Cultura propone in prima visione Tv domenica 17 gennaio alle 21.15 su Rai5. In programma Die sieben letzten Worte unseres Erlösers am Kreuze, ossia Le ultime sette parole di Cristo in croce, il lavoro scritto da Franz Joseph Haydn nel 1786 su richiesta del canonico di Cadice come composizione da eseguire durante le cerimonie del Venerdì Santo. Sette brani in tempo lento che riflettono sulle ultime frasi pronunciate da Cristo prima di morire, preceduti da un'introduzione solenne e da una chiusura in tempo rapido, che racconta il terremoto, lo squarciarsi del velo del tempio, l'apertura dei sepolcri e gli altri sconvolgimenti seguiti al trapasso di Gesù, secondo il Vangelo di Matteo. Il filosofo Massimo Cacciari, autore insieme allo stesso Riccardo Muti di un libro sui riflessi nell'arte e nella musica delle ultime parole di Cristo, introduce il concerto analizzando il significato più profondo della partitura.

Lunedì 18 gennaio

OPERA

G. Bizet, Carmen

ore 10:00

Dal Teatro alla Scala Carmen di Bizet, spettacolo inaugurale della stagione 2009/10 e debutto di Emma Dante nella regia d’opera. Sul podio il M° Daniel Barenboim, protagonisti sul palco Jonas Kaufmann, Erwin Schrotte e Anita Rachvelishvili. Regia tv di Lorena Sardi.

Omaggio a Katia Ricciarelli

17.20 Incontro con Katia Ricciarelli (1978)

18.11 Prima della Prima – La bohème (2019)

Nel giorno del 75° compleanno, Rai Cultura festeggia Katia Ricciarelli con un doppio appuntamento in onda lunedì 18 gennaio dalle 17.45 su Rai5. Si comincia con l’intervista del 1978 in cui Raoul Grassilli incontra il soprano che ripercorre l'inizio della sua carriera di cantante e rievoca il concorso in Rai che le schiuse le porte del successo. L'artista esegue brani di Rossini, Verdi, Fauré, Ravel, Cherubini e Puccini. Pianista Luciano Silvestri. Regia Massimo Scaglione.

A seguire, Rai5 propone la puntata di “Prima della Prima” che racconta il dietro le quinte della messa in scena della Bohème nella suggestiva cornice della piazza di Orte nel luglio 2019, dedicata ai 50 anni di carriera di Katia Ricciarelli. Il programma ha seguito l'evento per raccontare l'impegno del concorso Lirica sul Tevere per portare la lirica tra la gente.

Martedì 19 gennaio

OPERA

G. Puccini, La bohème

ore 10:00

Dal Gran Teatro Giacomo Puccini di Torre del Lago, La Bohème di Giacomo Puccini, con Daniela Dessì, Alida Berti, Fabio Armiliato, Alessandro Luongo. Orchestra e Coro del Festival Puccini, Direttore Valerio Galli, Scene Luciano Ricceri, Costumi Cristina Da Rold, luci Valerio Alfieri. Regia Ettore Scola.

CONCERTO

Brahms, von Weber, Dvorak

ore 16:45

L'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da T.Netopil, violinista B.Belkin esegue: BRAHMS, Concerto in re magg. per violino e orchestra - VON WEBER, Oberon, Ouverture - DVORAK, L'arcolaio d'oro.

Mercoledì 20 gennaio

OPERA

S. Prokof'ev, Ognenny angel (L'angelo di fuoco)

ore 10:00

Un’allucinazione sulfurea fra isteria, demoni ed esorcismi: è L’angelo di fuoco di Prokof’ev, proposto nell’allestimento firmato da Emma Dante e diretto da Alejo Pérez, in scena al Teatro dell’Opera di Roma. Tra i protagonisti Ewa Vesin Leigh Melrose Anna Victorova Mairam Sokolova. Regia tv di Carlo Gallucci.

Petruska

Il quarto enigma di Turandot

ore 16:37

È il direttore d’orchestra Riccardo Chailly il protagonista della puntata di "Petruska" dal titolo “Il quarto enigma di Turandot”. Michele dall’Ongaro lo incontra alla Scala, teatro di cui è Direttore principale, dopo aver analizzato l’ultimo capolavoro di Puccini rimasto incompiuto.

CONCERTO

Grazie Claudio!

ore 21:15

Omaggio ad Abbado con la partecipazione straordinaria di Silvio Orlando

Un concerto per rendere a omaggio un grandissimo direttore d’orchestra e, insieme, a uno straordinario musicista: a sette anni dalla scomparsa del Maestro Claudio Abbado, Rai Cultura propone il concerto “Grazie Claudio!”, prodotto da Mozart14 nel 2019 e diretto da Ezio Bosso, in onda mercoledì 20 gennaio alle 21.15 su Rai5. Il programma prevede l’Ouverture da “Il barbiere di Siviglia” i Rossini, “Pierino e il lupo”, favola musicale per bambini di Prokofiev con l voce narrante di Silvio Orlando; la Sinfonia n.7 in La Maggiore di Beethoven; e l’Ouverture da “Le nozze di Figaro” di Mozart.

Il concerto, tenutosi il 20 gennaio 2019 al Teatro Auditorium Manzoni di Bologna, è stato organizzato come saluto e ringraziamento da parte di Mozart14 e di Ezio Bosso al Maestro Claudio Abbado scomparso lo stesso giorno del 2014. Per l'occasione, è stata creata un'orchestra straordinaria composta da molti tra i più importanti musicisti europei che in passato hanno collaborato con Abbado e che provengono dalle migliori orchestre italiane ed europee come la Chamber Orchestra of Europe, la Mahler Chamber Orchestra, l'Orchestra del Teatro alla Scala e il Maggio Musicale Fiorentino, l'Orchestra Mozart, l'Orchestra Verdi, la Royal Concertgebouw Orchestra, i Berliner Philharmoniker e la Lucerne Festival Orchestra.

Alcuni di questi musicisti hanno conosciuto e lavorato con Claudio Abbado fin da giovanissimi, avendo suonato nella Ecyo – European Comunity Youth Orchestra – oggi Euyo e nella Gustav Mahler Jugendorchester. Tra i musicisti che hanno aderito entusiasticamente all'iniziativa Keith Pascoe, Luca Franzetti, Iseut Chuat, Jaques Zoon, Jörg Winkler, Jonathan Williams, Giorgio Galvan, Lucio Corenzi e molti altri. I proventi del concerto sono stati devoluti a Mozart14 per sostenere e portare avanti le attività di musica nel sociale che l'Associazione ha ereditato da Claudio Abbado.

Giovedì 21 gennaio

OPERA

F. Poulenc, La voix humaine

Dal Teatro Comunale di Bologna La voix humaine, tragédie lyrique di Poulenc tratta dalla piéce omonima di Jean Cocteau. Protagonista Anna Caterina Antonacci. L'allestimento è firmato da Emma Dante, sul podio il M° Michele Mariotti. Regia televisiva di Arnalda Canali. 

P. Mascagni, Cavalleria rusticana

Dal Teatro Comunale di Bologna Cavalleria rusticana di Mascagni, con Marco Berti, Carmen Topciu e Gezim Myshketa. L'allestimento è firmato da Emma Dante, sul podio il M° Michele Mariotti. Regia tv di Arnalda Canali.

CONCERTO

Musica da camera con Uto Ughi

ore 16:45

Violinista UTO UGHI con la partecipazione del pianista TULLIO MACOGGI WOLFGANG AMADEUS MOZART Adagio K261 - Rondò K373 - PABLO DE SARASATE Zingaresca - ERNEST BLOCH Nigun (da BAAL SHEM) - FERDINAND RIES Moto perpetuo.

CONCERTO

Pappano e Bollani con Santa Cecilia (2020)

ore 21:15

Regia tv Elisabetta Foti

Accademia Nazionale di Santa Cecilia 20/21

Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Antonio Pappano direttore 

Stefano Bollani pianoforte 

Carlo Maria ParazzoliAndrea ObisoAlberto MinaDavid Romano, violini solisti nel concerto di Vivaldi 

G. Gabrieli  Canzon per sonar primi toni  

G. Gabrieli  Canzon duodecimi toni  

A. Vivaldi Concerto per quattro violini  

I. Stravinskij  Pulcinella Suite 

W. A. Mozart Concerto per pianoforte e orchestra n.23 K 488 

Musica da camera con vista

Il quartetto tardo-romantico

ore 22:45

Un progetto dedicato al quartetto per promuovere e diffondere il grande repertorio quartettistico e i suoi interpreti, affiancando all’esecuzione dei brani l’illustrazione delle loro caratteristiche. È la serie di lezioni-concerto “Musica da camera con vista”, in onda fino al 28 gennaio ogni giovedì in seconda serata su Rai5. Al centro della seconda lezione, in onda giovedì 21 gennaio alle 22.45, il quartetto tardo-romantico: dalla millenaria Chiesa di Santa Maria dell’Oliveto il QuartettOcmantova, composto da Luca Braga, violino, Pierantonio Cazzulani, violino, Klaus Manfrini, viola, Paolo Perucchetti, violoncello, affronta il tardo-romanticismo mitteleuropeo (proprio la tradizione da cui Debussy e Ravel vollero differenziarsi) con il I mov. del Quartetto n. 2 di Brahms (1873) che ripensa gli elementi del quartetto viennese classico, dal dialogo tra gli strumenti alla continua trasformazione di materiali musicali riconoscibili. 

Venerdì 22 gennaio

OPERA

G. Rossini, La Cenerentola

ore 10:00

Dal Teatro dell'Opera di Roma La Cenerentola di Rossini, spettacolo firmato dalla regista Emma Dante, con la direzione musicale di Alejo Pérez. Nel cast Serena Malfi, Juan Francisco Gatell, Vito Priante, Alessandro Corbelli, Damiana Mizzi, Annunziata Vestri, Ugo Guagliardo. Regia televisiva a cura di Francesca Nesler.

CONCERTO

Le musiche di Nino Rota a Santa Cecilia

ore 16:37

Dall'Auditorium Parco della Musica di Roma NINO ROTA: Il Gattopardo suite. Direttore NICOLA LUISOTTI. Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia

Sabato 23 gennaio

Sabato classica

Omaggio a Uto Ughi

ore 8:25 e 19:32

Beethoven Concerto in Re Maggiore

Per lo spazio “Sabato classica”, in onda sabato 23 gennaio alle 19.45 su Rai5, Rai Cultura festeggia Uto Ughi che il 21 gennaio compie 77 anni con il Concerto in Re Maggiore op. 61 per violino e orchestra, eseguito dal maestro nel 1978 alla Sala Grande del Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Direttore Zdenek Macal, solista Uto Ughi. Con l’Orchestra Sinfonica di Milano della Rai.

Petruska

ore 8:50 e 19:56

Jordi Savall e la follia

È il virtuoso della viola da gamba e filologo musicale spagnolo Jordi Savall il protagonista della puntata di Petruska. Michele dall'Ongaro scopre insieme a lui il tema della follia, che ricorre in musica fin dal XVI secolo. - 2016

Concerto

Mozart: Quartetto in mi bemolle maggiore K614

ore 19:03

Dall'Accademia Filarmonica Romana Wolfgang Amadeus Mozart: Quintetto in mi bemolle maggiore K 614. Quartetto Stradivari Mariana Sirbu, violino Cristina Dancila, violino Luigi Alberto Bianchi, viola Massimo Paris, viola Mihai Dancila.

DANZA

P. I. Čajkovskij, Il lago dei cigni (2004)

Con Svetlana Zakharova e Roberto Bolle

ore 10:23

“Il lago dei cigni” messo in scena nel 2004 al Teatro degli Arcimboldi, con la direzione musicale di David Garforth, vede sul palco due star assolute della danza internazionale: Roberto Bolle e Svetlana Zakharova, nei panni di Siegfried e Odette/Odile.  La coreografia è firmata da Vladimir Bourmeister, lontano discendente di Cajkovskij, che la realizzò nel 1953 basandosi sulla partitura originale del balletto. Le scene e i costumi sono di Roberta Guidi di Bagno, mentre la regia televisiva è di Tina Protasoni.

Spazio “Contemporanea”

PRIMA VISIONE

Rumori del ‘900

Un programma dedicato alla musica moderna e contemporanea con una proposta di brani eseguiti dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai nei suoi vari concerti, dal 1994 a oggi. È la serie di Rai Cultura “Rumori del ‘900”, con la regia di Elisabetta Foti, che nel nuovo appuntamento, in onda sabato 23 gennaio alle 23.30 su Rai5, propone Luciano Berio - Sinfonia per otto voci e orchestra, direttore John Axelrod; Béla Bartók - Concerto per viola e orchestra, direttore George Pehlivanian, solista Luca Ranieri.

 

 


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.