L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Da Mozart a Prokof'ev

CONCERTO

Uto Ughi in ricordo di Madre Teresa

ore 8:08 e 19:09

Dalla Chiesa di Sant'Ignazio di Loyola in Roma, concerto straordinario offerto dal Maestro Uto Ughi in ricordo di Madre Teresa di Calcutta, con i Filarmonici di Roma e la Camerata Strumentale di Roma. Violino Uto Ughi su musiche di Mozart e Beethoven. 

Petruska

Incontri - Giovanni Sollima

ore 09:17 e 20:18

Giovanni Sollima, il grande violoncellista, racconta il suo rapporto con lo strumento e ripercorre i vari passi della sua formazione: un padre compositore e una famiglia di musicisti, ma anche le collaborazioni artistiche con personaggi come John Turturro, Patty Smith, Philip Glass, Peter Greenaway e Bob Wilson. - 2015 ITA

DANZA

A. Adam, Giselle

ore 10:33

Bellezza, eleganza, passione, padronanza tecnica. A gennaio il balletto è protagonista su Rai5 con cinque appuntamenti dedicati a celebri balletti e grandi interpreti: “Giselle”, balletto romantico per eccellenza, è proposta nella storica coreografia di Jean Coralli e Jules Perrot, nell’edizione dl 2005 al Teatro alla Scala. Nei ruoli principali, la coppia star della danza internazionale Roberto Bolle e Svetlana Zakharova. Sul podio David Coleman. Regia televisiva di Tina Protasoni.

Visioni

Scoprire Luigi Nono

ore 18:36

Visioni, programma di Rai 5 va in onda con uno speciale su Luigi Nono. Un omaggio ad un artista che ha fatto della musica uno strumento d'espressione e che ha ispirato la continua ricerca sul suono per molti Caminantes della musica contemporanea. Di A. Greca, P. Mordiglia, E. Avallone, A. Di Consoli. Regia Anna Tinti - con Autori A. Greca, P. Mordiglia, E. Avllone, A. Di Consoli e di M.Serri Regia Anna TInti 2020

Serata dedicata al REF 2020

21.15 Visioni – RomaEuropaFestival Contatto

22.10 Dialoge. Roma 2020 Terra Sacra

Rai Cultura dedica una serata all’ultima edizione del “Romaeuropa Festival” con un doppio appuntamento, in onda sabato 16 gennaio a partire dalle 21.15 su Rai5. Apre la serata il programma “Visioni” che offre una panoramica sulle esibizioni andate in scena quest’anno, attraverso il racconto di Fabrizio Grifasi, direttore generale e artistico della Fondazione Romaeuropa, e le voci dei più importanti artisti in scena. “Visioni” introduce lo spettacolo a seguire “Dialoge. Roma 2020 Terra Sacra” di Sasha Waltz, che ha aperto l’ultima edizione del Festival: una creazione site-specific, ideata per l'occasione.

Visioni – RomaEuropaFestival Contatto

Un momento di condivisione, di dialogo, di scoperta, affrontato con cura e responsabilità, prima dei nuovi provvedimenti per fronteggiare l’emergenza sanitaria: questo è stata la 35ª edizione del Romaeuropa Festival che “Visioni” di Rai Cultura racconta con lo Speciale “Romaeuropa Festival. Contatto”, curato da Alessandra Greca, Emanuela Avallone, Andrea Di Consoli, Paola Mordiglia per la regia di Roberto Valdata. Nel segno di un filo conduttore riassunto in “Un ‘contatto’, un gesto per il presente”, lo Speciale propone una panoramica sulle esibizioni andate in scena quest’anno, attraverso il racconto di Fabrizio Grifasi, direttore generale e artistico della Fondazione Romaeuropa, e delle voci dei più importanti artisti in scena.

Dopo l’inaugurazione affidata a una creazione speciale di Sasha Waltz con i suoi danzatori, nella Cavea dell’Auditorium Parco della Musica, si succedono i grandi nomi del panorama musicale internazionale e italiano, dal concerto monografico di Bryce Dessner, ai “Talismani per tempi incerti” di Vasco Brondi, progetto nato e ideato come risposta alla pandemia, e la messa in scena di “Pierino e il Lupo” di Prokof’eve e “Pulcinella” di Igor Stravinskij, realizzata da Tonino Battista e Ascanio Celestini con la PMCE – Parco della Musica Contemporanea Ensemble.

Tra le novità dell’edizione 2020 anche i “Sulla paura”, programma di Lectures curato da Francesco Siciliano con Francesca D’Aloja, e – a confermare l’interesse del Festival verso il panorama internazionale - le esibizioni di Bashar Murkus e il duo Azkona & Toloza.

Tra gli artisti italiani degni di nota, invece, Virgilio Sieni in dialogo con il musicista Andrea Rabaudengo nel suo “Solo Goldberg Variations” ed Enzo Cosimi che con la prima assoluta di “Coefore Rock & Roll” trasforma in una debordante visione glam rock il mito di Oreste e gli spazi del Mattatoio di Roma.

Dialoge. Roma 2020 Terra Sacra

Sasha Waltz insieme alla sua straordinaria compagnia presenta uno speciale progetto all’aperto realizzato appositamente per l’opening della trentacinquesima edizione del Romaeuropa Festival 2020 alla Cavea dell'Auditorium Parco della Musica. Sull’orma dei suoi celebri “Dialoge” e confrontandosi artisticamente con le misure di sicurezza ancora in atto per fermare la pandemia, la coreografa tedesca dà vita a una performance rigorosa ma con una forte componente d’improvvisazione, a un dialogo tra il corpo, lo spazio, e questo nostro paradossale presente. Regia televisiva Claudia De Toma. progetto editoriale Felice Cappa. produttore esecutivo Serena Semprini. a cura di Giulia Morelli.

Regia e coreografia Sasha Waltz

Costumi Jasmin Lepore, Bernd Skodzig (Sacre)

Luci Martin Hauk

Drammaturgia Jochen Sandig

Danza e coreografia Ayaka Azechi, Blenard Azizaj, Jirí Bartovanec, Anne Brinon, Davide Camplani, Maria Marta Colusi, Juan Kruz Diaz de Garaio Esnaola, Davide Di Pretoro, Luc Dunberry, Yuya Fujinami, Tian Gao, Hwanhee Hwang, Annapa Marola Leso, Margaux Marielle -Tréhoüart, Sergiu Matis, Sean Nederlof, Virgis Puodziunas, Sasa Queliz, Zaratiana Randrianantenaina, Aladino Rivera Blanca, Stylianos Tsatsos, Orlando Rodriguez, Mata Sakka, Yael Schnell, Claudia de Serpa Soares, Wibke Storkan, Joelz Suárez

Ripetizione Antonio Ruz Jimenez

Tromba solista Marco Blaauw

Una produzione di Sasha Waltz & Guests

Rumori del '900

Prokof'ev e Zoltàn Kodàly con l'Orchestra Rai

ore 23:34

Sergej Prokof'ev - suite da L'amore delle tre melarance Direttore: Juraj Valcuha. Sergej Prokof'ev - Concerto per pianoforte e orchestra n. 3 in do maggiore op. 26 Direttore: Tugan Sokhiev Solista: Martha Argerich. Zoltàn Kodàly- Danze di Marosszék Direttore: Peter Eötvös -


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.