L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

La memoria di Aharon Appelfeld

Il 3 gennaio 2018 scompariva a Gerusalemme Aharon Appelfeld, il grande scrittore israeliano che, nei suoi romanzi, ha tenuto in vita il mondo ebraico perduto nell'Olocausto. Poco più che bambino fu deportato in un campo di concentramento ucraino con la famiglia. Il ricordo dello sparo che uccise la madre avrebbe acceso in lui, ormai salvo dopo la fuga avventurosa in Israele, la fiamma del talento che ne ha fatto il grande scrittore tradotto e premiato in tutto il mondo. Il documentario “Aharon Appelfeld. Kaddish per i bambini”, in onda lunedì 18 gennaio alle 21.15 su Rai5, racconta i dubbi e le certezze di un uomo che ha coltivato la memoria: “Il cuore - dice - ha dimenticato molto, luoghi, date, nomi. Malgrado ciò, quei giorni sono qui, nel mio profondo. Ogni volta che piove, fa freddo o soffia il vento, torno nel ghetto, nel campo di concentramento o nel bosco dove mi ero nascosto. A quanto pare la memoria ha radici profonde nel corpo. A volte basta l’odore del fieno che marcisce o il grido di un uccello per trascinarmi lontano e dentro di me”. Nei suoi racconti e romanzi, i sopravvissuti, i bambini e i contadini della terra dove, prima della follia nazista, si parlava yiddish tornano in vita per condividere gioie e miserie in un grande affresco pervaso di nostalgia. Per rendere omaggio a quelle anime scomparse, Aharon Appelfeld ha lavorato fino agli ultimi giorni di vita, combattendo per loro la dura battaglia contro l'oblio.


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.