L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Opera e prosa con Michieletto in prima serata

Sabato Classica

Roma Festival Barocco - F. Gasparini

ore 08:00

Prima Visione RAI: Concerto di musica barocca su brani di Francesco Gasparini, per organico barocco di archi, tiorba/liuto, cembalo e oboe. Voci: Michele Gasbarro, Gaetano Manfredi, Paolo Perrone, Filippo Mineccia. - 2019

Vivaldi, Corelli, Rossini

ore 08:55 e 18:52

Dall'Accademia Filarmonica Romana i Solisti Veneti diretti da Claudio Scimone eseguono: concerto in re maggiore op.6 n.1 di Antonio Vivaldi, concerto in sol minore RV 577 di Arcangelo Corelli e Sonata a quattro n.6 in re maggiore di Gioachino Rossini. - 1998

OPERA

Piccinni, La Cecchina ossia la buona figliola

10:28 

Storica edizione del dramma giocoso di Carlo Goldoni La Cecchina ossia la buona figliola musicato da Niccolò Piccinni. Con Mirella Freni, Sesto Bruscantini, Werner Hollweg, Rita Talarico, Valeria Mariconda, Gloria Trillo, Bianca Maria Casoni. Direzione musicale di Franco Caracciolo, regia di Virginio Puecher. - 1969

OPERA e PROSA

SERATA DAMIANO MICHIELETTO

Ore 19.50 DIRETTA Salome

Ore 21.45 circa Čechov, Atti unici PRIMA ASSOLUTA

RAI5: DUE SPETTACOLI IN PRIMA ASSOLUTA FIRMATI DA DAMIANO MICHIELETTO

Salome di Strauss in diretta dalla Scala con Zubin Mehta sul podio,

La domanda di matrimonio e L’orso di Čechov prodotti con il Teatro Stabile del Veneto

Una serata di grande opera e prosa con due spettacoli in prima assoluta firmati da Damiano Michieletto. Sabato 20 febbraio, a partire dalle 19.50 su Rai5 e dalle 20.00 su Radio3, Rai Cultura popone la Salome di Richard Strauss con il Maestro Riccardo Chailly sul podio, registrata al Teatro alla Scala di Milano, e a seguire due celebri atti unici di Anton Čechov, “La domanda di matrimonio” e “L’orso”, realizzati con il Teatro Stabile del Veneto al Teatro Goldoni di Venezia, dalle 21.45 circa.

Il nuovo allestimento di Salome del Teatro alla Scala, affidato a Michieletto, avrebbe dovuto andare in scena nel marzo 2020: le prove erano già avanzate quando, il 23 febbraio, l’attività dei teatri è stata interrotta dalla prima ordinanza di contenimento della pandemia. A un anno di distanza lo spettacolo arriva sulla scena del teatro milanese, prima nuova produzione scaligera dopo il lockdown. Sul podio il Direttore musicale del Teatro alla Scala Riccardo Chailly, già previsto nella produzione originale del 2020, che sostituisce l'indisposto Zubin Mehta e che realizza così la sua prima collaborazione, a lungo progettata, con Michieletto. Lo spettacolo è stato registrato il 18 e 19 febbraio e viene trasmesso con l'introduzione di Stefania Battistini e la regia televisiva di Arnalda Canali.

«Ho voluto rappresentare la dinastia di Erode come l’emblema di una crudele tragedia familiare – dice Michieletto – Salome è orfana del padre, ammazzato da sua madre Erodiade che ne ha sposato il fratello. La ragazza è descritta da Oscar Wilde, nel testo su cui Strauss si basa per la sua opera, come una colomba, pallida, con manine bianche e piccoli piedi: è un’adolescente traumatizzata dall’ambiente familiare violento e malato che è la corte di Erode, al quale viene offerta dalla stessa madre. In questo incubo familiare compare Giovanni il Battista, che rappresenta la voce della verità, quella che fa emergere il passato di violenza e sangue. È confinato in una cisterna descritta come una tomba, di cui è pericoloso sollevare il coperchio. Jochanaan è come un’epifania: viene a squarciare il velo sotto il quale venivano nascosti i segreti della dinastia di Erode». Lo spettacolo di Damiano Michieletto si avvale delle scene di Paolo Fantin, dei costumi di Carla Teti, delle luci di Alessandro Carletti e della coreografia di Thomas Wilhelm. La regia televisiva è di Arnalda Canali. In scena nei panni della protagonista Elena Stikhina al debutto scaligero, insieme a Wolfgang Koch come Iochanaan, Gerhard Siegel come Herodes e Linda Watson come Herodias.

Alle 21.45 circa si prosegue con uno spettacolo di prosa proposto in prima visione assoluta, realizzato con il Teatro Stabile del Veneto e registrato lo scorso dicembre al Teatro Goldoni di Venezia. Michieletto propone un suo personale adattamento drammaturgico di due celebri atti unici cechoviani: “La domanda di matrimonio” e “L’orso”, che il regista raccorda in modo singolare, creando un unico racconto in cui personaggi, dall’apparenza granitica, rivelano in circostanze improbabili tutte le loro più segrete fragilità. Anche in questo caso lo spettacolo di Damiano Michieletto si avvale delle scene di Paolo Fantin, dei costumi di Carla Teti e delle luci di Alessandro Carletti. La regia televisiva è di Daniela Vismara. In scena Giancarlo Previati, Petra Valentini, Edoardo Sorgente, Andrea Pennacchi e Nicola Stravalaci che interpreta il ruolo del servo, a cui è affidato il compito di traghettare l'azione da un atto unico all'altro.

Spazio “Contemporanea”

PRIMA VISIONE

Rumori del ‘900

ore 23:00

Un programma dedicato alla musica moderna e contemporanea con una proposta di brani eseguiti dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai nei suoi vari concerti, dal 1994 a oggi. È la serie di Rai Cultura “Rumori del ‘900”, con la regia di Elisabetta Foti, che nell’appuntamento in onda sabato 20 febbraio alle 23.00 su Rai5, propone Bertold Hummel, Concerto per percussioni e orchestra op. 70, direttore John Neschling, solista Peter Sadlo; Sándor Veress, Hommage à Paul Klee, fantasia per due pianoforti e orchestra d'archi, direttore Pascal Rophé, solista Louis Lortie e Hélène Mercier.


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.