L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Un nuovo modo di fare musica

La stagione sinfonica dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini alle prese con le sfide tecnologiche

La musica non si ferma, e allo stesso tempo si ripensa, sperimenta, si adatta alle sfide dei nostri tempi: prima fra tutte la visione mediatizzata dei concerti, attraverso lo streaming.

L’Orchestra Sinfonica G. Rossini, dopo la chiusura dei teatri, ha scelto di continuare la sua attività con il preciso obiettivo di far lavorare gli artisti e le maestranze, sposando appieno l’idea di “The art is work”. Un concetto che ha ispirato anche la campagna di sensibilizzazione che, dallo scorso ottobre, si è diffusa sui social, proprio per affermare che l’arte non è un semplice passatempo, ma un lavoro a tutti gli effetti.

La decisione dell’Orchestra Rossini è stata resa possibile dall’unione d’intenti e dalla rinnovata collaborazione con i due teatri di riferimento: il Teatro Rossini di Pesaro e il Teatro della Fortuna di Fano. Dinnanzi all’impossibilità di portare avanti i valori propri dell’orchestra, l’aspetto emozionale della musica, la fisicità del suono, la performance che si consuma in un luogo e in un tempo ben preciso alla presenza di pubblico ed esecutori, ci si è dovuti confrontare con l’unico mezzo disponibile: lo streaming.

Un potente strumento tecnologico che ha costretto l’orchestra a ripensarsi, non solo nella sua relazione con il pubblico, ma anche nel processo di costruzione di una stagione sinfonica.

“Lo spettatore che oggi si trova ad assistere ad un concerto da uno schermo, che sia da 5 o da 40 pollici, pretende ancor più di vivere un’esperienza sonora di qualità - spiega il presidente dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini, Saul Salucci -; per questo abbiamo deciso di orientare le scelte artistiche facendoci guidare proprio dal suono e dalla parte del repertorio che più lo esalta”. In questo contesto gioca una parte fondamentale l’ingegnere del suono. “E’ diventato il ‘dodicesimo uomo in campo’ - scherza Salucci - gli abbiamo affidato il nostro lavoro, facendolo entrare di fatto nell’organico orchestrale”.

Alle esigenze puramente tecniche, si aggiunge la volontà di collaborare con direttori e solisti, in grado di interpretare al meglio questo concetto. Francesco D’Orazio, violinista brillante e versatile con la capacità di spaziare dalle sonorità barocche alla musica contemporanea; una giovane bacchetta come Nikolas Nägele che ha già debuttato al Rossini Opera Festival; Giovanni Gnocchi, rappresentante sommo del violoncello, con cui la Rossini ha costruito un programma che vuole tracciare un’esperienza sonora importante per violoncello solista; e poi andarsi a misurare, in un secondo concerto, con Haydn, il padre della sinfonia. A concludere una stagione ricca di spunti e di rimandi la consolidata direzione del direttore artistico dell’OSR, il maestro Daniele Agiman.

Ogni concerto è introdotto da Tracce di…, a cura di Maria Chiara Mazzi e Paolo Rosetti, rispettivamente la referente musicologica e il segretario artistico di OSR. Una guida all’ascolto che rappresenta anche un modo per andare a stabilire un nuovo rapporto con il pubblico, in un foyer virtuale dove ci si incontra prima del concerto.

Una parte della stagione Sinfonica 3.0 Atto I è già disponibile sul canale YouTube dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini, mentre il programma dei concerti prosegue in streaming fino ad aprile.

Teatro Rossini di Pesaro - online su YouTube

AMADEUS

Il genio in viaggio

W. A. Mozart, Concerto per violino n. 3 in sol maggiore, K 216

W. A. Mozart, Sinfonia n. 14 in la maggiore, K 114

Francesco D’Orazio, direttore e violino solista

Orchestra Sinfonica G. Rossini

Teatro della Fortuna di Fano - online su YouTube

OUVERTURE DI CARNEVALE

I. Stravinskij, Pulcinella, Suite da concerto

J. Mariotti, Fantasia gregoriana

E. Elgar, Serenata per archi Op. 20

Nikolas Nägele, direttore

Pietro Conversano, attore

J. Mariotti, violoncello solo

Orchestra Sinfonica G. Rossini

Teatro Rossini di Pesaro - 26 febbraio 2021 h 20.30

GIOVANNI GNOCCHI

Per la Settimana Rossiniana

G. Rossini, Une larme, thème et variations da Péchés du vieillesse, IX/10

P. I. Čajkovskij, Nocturne, trascrizione per violoncello e orchestra da op. 19

P. I. Čajkovskij, Andante cantabile, adattamento per violoncello e orchestra da op.11

G. Sollima, Violoncelles, vibrez!

Giovanni Gnocchi, violoncello solista concertatore

Luca Bacelli, violoncello solista

Orchestra Sinfonica G. Rossini

Teatro Rossini di Pesaro - 10 marzo 2021 h 20.30

OMAGGIO AL GIAPPONE

Nel 10° anniversario del terremoto e tsunami

R. Ortolani, Fratello Sole, Sorella Luna

F. Schubert, Sinfonia n. 5 in si bemolle maggiore D. 485

Noris Borgogelli, direttore

Solisti dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini

Teatro della Fortuna di Fano - 14 marzo 2021 - h 21:00

NAPOLEONE 1821-2021

L. van Beethoven, Settimino in mi bemolle maggiore, op. 20

Orchestra Sinfonica G. Rossini, formazione cameristica

Teatro Rossini di Pesaro - 21 marzo 2021 h 20.30

GIOVANNI GNOCCHI

Haydn, il padre della sinfonia

J. Haydn, Concerto n. 1 in do maggiore per violoncello e orchestra, Hob VIIb/1

J. Haydn, Sinfonia n. 39 in sol minore "Il mare turbato", Hob I/39

Giovanni Gnocchi, violoncello solista e concertatore

Orchestra Sinfonica G. Rossini

Teatro della Fortuna di Fano - 28 marzo 2021 - h 21:00

Il genio in viaggio - Verso Parigi

Progetto Mozart e Concorso Bigonzi

W. A. Mozart, Concerto per violino n. 5 "Türkish" in la maggiore, K 219

W. A. Mozart, Sinfonia n. 31 "Parigi" in re maggiore, K 297

Alessandro Di Giacomo, violino (premiato Concorso Bigonzi 2019)

Daniele Agiman, direttore

Orchestra Sinfonica G. Rossini

Teatro della Fortuna di Fano - 10 aprile 2021 - h 21:00

Il genio in viaggio - Viaggi austriaci

Progetto Mozart

W. A. Mozart, Porgi amor qualche ristoro da “Le Nozze di Figaro”, K 492

W. A. Mozart, Sinfonia n. 36 in do maggiore "Sinfonia di Linz", K 425

W. A. Mozart, Bella mia fiamma... Resta o cara, Recitativo ed aria per soprano ed orchestra, K 528

W. A. Mozart, Come scoglio immoto resta da “Così fan tutte”, K 588

Marta Torbidoni, soprano

Daniele Agiman, direttore

Orchestra Sinfonica G. Rossini


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.