L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Guelfi, ghibellini e storie del Nuovo Mondo

Soggetto donna. Donne e politica


RaiStoria ore 13:00

Uno speciale che ripercorre il processo attraverso cui le donne acquistano un peso anche nella vita politica: le fabbriche in cui lavorano durante la guerra, la partecipazione alla Resistenza, il primo voto del 1946 e la partecipazione ai lavori per la stesura della Costituzione della Repubblica.

Passato e presente


Rai3 ore 13:15 e RaiStoria ore 20:30

La classificazione in guelfi e ghibellini nasce in Germania nel XII secolo, all’epoca dell’elezione del successore di Enrico V sul trono del Sacro Romano Impero. Indica la distinzione tra la fazione dei sostenitori del papa (guelfi), da una parte, e quella dei sostenitori dell’imperatore (ghibellini) dall’altra. La contrapposizione rimarrà anche in seguito, ma gli schieramenti si cristallizzeranno sul diverso modo di intendere i rapporti con la Chiesa di Roma e di gestire l’autonomia germanica. I Guelfi e i Ghibellini sono al centro di “Passato e Presente”, in onda giovedì 8 aprile alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. In studio, ospite di Paolo Mieli, la professoressa Chiara Mercuri. La dinamica tra guelfi e ghibellini si sviluppa anche nell’Italia dei comuni, dove si innesta in situazioni di conflitto locale per la gestione del potere, che culminano in feroci scontri. Sebbene con tratti autonomi, la distinzione originaria tra un partito favorevole all’Imperatore e l’altro a sostegno del potere temporale del Pontefice sopravvive.

Passato e presente

RaiStoria ore 14:20

Emanuele Filiberto d'Aosta: il duca invitto. Emanuele Filiberto di Savoia nasce a Genova il 13 gennaio 1869. Riceve l'educazione tipica di casa Savoia, austera e mili tare. E' alto, bello, atletico. Più che alla cultura si dedica all'arte di piacere, con la quale si eccelle nel 'bel mondo' ottocentesco. Nel 1890, alla morte del padre Amedeo, diventa il secondo Duca d'Aosta. Conduce Paolo Mieli Un programma di Alessandra Bisegna, Sara Chiaretti, Paolo Mieli Con la consulenza di Cristoforo Gorno Produttore esecutivo Valentina Tassini Regia di Davide Frasnelli

L'Italia in guerra. I carri armati nel deserto


RaiStoria ore 15:00
di Massimo Sani (1983) - Un servizio sulla guerra in Libia tra Italia e Inghilterra e la battaglia. di Tobruch.

Festa Barocca, Impero barocco


RaiStoria ore 16:00

di Folco Quilici (1982) - Il grande patrimonio di uno stile e di un'epoca in una serie in sei puntate, con la consulenza artistica di Paolo Portoghesi e Luca Quattrocchi. Premio della Critica televisiva Italiana (1983).

a.C.d.C. - La Venaria Reale


RaiStoria ore 17:00

La Venaria Reale un edificio in cui sembra che il tempo non sia mai trascorso ma che in realta' ha conosciuto una lunga fase di abbandono e ha rischiato addirittura di scomparire, per poi rinascere.

#maestri


RaiStoria ore 17:50

Rai3 e Rai Storia, #maestri dal 5 al 9 aprile

È l'Italia, bellezza! Bizantina, araba, normanna: viaggio nell'isola degli "interscambi culturali"


RaiStoria ore 18:30

Romana, bizantina, araba, normanna: sono tante le anime della Sicilia, almeno quanto i popoli che vi si sono avvicendati. Civiltà diverse i cui stili artistici ed architettonici si sono sovrapposti e poi assimilati vicendevolmente, dando vita a un esempio unico al mondo di "interscambio culturale". È la formula che l'Unesco ha adottato per dare riconoscimento a quei luoghi che testimoniano, attraverso il proprio patrimonio storico e culturale, gli incontri felici tra genti di provenienze diverse. Uno di questi incontri fortunati si può apprezzare alla Villa Romana del casale a Piazza Armerina, nella provincia di Enna. Questa straordinaria area archeologica mostra, meglio di qualunque altra, l'armonioso connubio tra la civiltà romana e quella nordafricana del IV secolo. È il secolo di Costantino, la Sicilia era il granaio dell'impero e la villa emersa durante gli scavi ci regala un perfetto esempio di tenuta agricola romana dell'epoca. La villa si trova sulla strada che collegava Roma con le province africane e i preziosi mosaici, alcuni giunti quasi intatti fino a noi, mostrano evidenti influenze delle maestranze tunisine e maghrebine che presero parte alla sua costruzione. Il viaggio di Francesca tra le bellezze della Sicilia si sposta poi a Palermo. Panormos per i Greci, Panormus per i Romani, Balaarm per gli Arabi, Balermus per i Normanni. Sono stati proprio questi ultimi, in solo mezzo secolo di presenza, a scrivere le pagine più belle e originali dell'architettura medievale siciliana, riunendo l'oriente greco, l'occidente latino e l'arte islamica.

Viva la storia Lavarsi


RaiStoria ore 18:50

Di Alessia Crocini e Maurizio Carta. Regia di Michele Imperio -V. Pag.526 TLV - Il mondo si potrebbe dividere in due categorie: da una parte i razionali amanti della doccia, dall'altra i romantici sostenitori della vasca da bagno. Ma com'è cambiato nei secoli il rapporto tral'uomo e la pulizia? In questa puntata di Viva la Storia, grazie alle domande degli studenti di scuole medie e superiori di Torino, Roma e Napoli, scopriremo il rapporto tra un antico romano e le terme, la grande scoperta di un medico ungherese nella Vienna di metà ottocento, le abitudini igieniche di un uomo medioevale, lo stretto rapporto tra l'acqua e le religioni.

a.C.d.C. Amsterdam, Londra, New York. Seconda puntata. Tre città alla conquista del mondo


RaiStoria ore 21:10

Da Nuova Amsterdam a New York: il villaggio anglo-olandese sull’isola di Manhattan è fin dalle origini un nuovo modello di città. Lo racconta “a.C.d.C.” in onda giovedì 8 aprile alle 21.10 su Rai Storia, con l’introduzione del professor Alessandro Barbero. La città oggi conosciuta come New York è nata come Nuova Amsterdam, un piccolo centro per scambi commerciali fondato dall’olandese Compagnia delle Indie Occidentali. I coloni si stabiliscono su un’isola che le tribù native chiamano “Mannahatta” e che in futuro diventerà Manhattan. Il fiorente commercio con gli indiani non tarda a suscitare l’interesse dell’Inghilterra, che in breve prende il controllo dell’insediamento, permettendo però – e questa è una novità assoluta che caratterizzerà lo spirito stesso di New York – ai coloni olandesi di restare e mantenere la loro efficientissima rete commerciale. In Europa, Amsterdam è una potenza commerciale consolidata, mentre Londra deve affrontare nel 1666 uno spaventoso incendio che la ridurrà in cenere e la farà rinascere con una nuova configurazione urbanistica.

a.C.d.C. La Caprichosa


RaiStoria ore 22:10

Cristoforo Colombo ottiene i finanziamenti per una nuova spedizione, la quarta, ma rimarrà bloccato in Giamaica, a corto di provviste. A Cuba, il governatore Nicolás de Ovando fa piazza pulita degli ultimi indios rimasti sull’isola, mentre Amerigo Vespucci è il primo italiano a rendersi conto che le terre scoperte non sono le Indie, ma un nuovo continente che prenderà il nome da lui. Personaggi e avvenimenti al centro del nuovo appuntamento con “Conquistadores”, in onda giovedì 8 aprile alle 22.10 su Rai Storia. Dopo la morte della Regina Isabella, il Re Ferdinando d’Aragona manda uomini valorosi a conquistare quelle nuove terre e tra questi c’è lo spietato Alonso de Ojeda che approda sulla Baia del Calamaro, un’area abitata da indios belligeranti. Dopo alcuni mesi, il governatore de la Hispaniola, manda un vascello a localizzare e prestare soccorso a Ojeda e ai suoi uomini. Su quel vascello viaggia Vasco Núñez de Balboa. La visione della serie è adatta al solo pubblico adulto.

Storie della TV. Gino Bramieri


RaiStoria ore 23:00

di Roberto Fagiolo produttore esecutivo Alessandra Conforti - A venticinque anni dalla scomparsa, il racconto della vita artistica (in gran parte svolta in televisione) di un attore comico e brillante. Il suo formidabile dimagrimento, avvenuto sotto gli occhi dei telespettatori, non altera la sua carica comica, portata in numerosi programmi televisivi, da 'L'amico del giaguaro' a 'Tigre contro tigre'.


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.