L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Storia di città, computer, sport e tv

Soggetto donna. Donne degli anni '50


RaiStoria ore 13:00

di Giuseppe Giannotti produttore esecutivo Sara Mariani - Nella puntata di oggi, un breve documentario prodotto dalla presidenza del Consiglio "Donne del sud oggi" datato 1965 racconta i problemi della donna meridionale per l'inserimento in una società in evoluzione. Un altro fenomeno che caratterizza quegli anni è il forte movimento migratorio che vede migliaia di uomini, specie al sud, lasciare le proprie famiglie per cercare fortuna al nord o all'estero (Due volte donna, 1969).

Passato e presente


Rai3 ore 13:15 e RaiStoria ore 20:30

Brillante matematico, solitario, anticonformista, con un senso graffiante dell'umorismo, Alan Turing è uno dei principali artefici della vittoria degli Alleati sul nazismo. Nel 1943 i crittografi inglesi sviluppano le idee di Turing e, con l'elettronica, se ne servono per svelare i piani segreti della Germania. Conduce Paolo Mieli Un programma di Alessandra Bisegna, Sara Chiaretti, Paolo Mieli Con la consulenza di Cristoforo Gorno Produttore esecutivo Valentina Tassini Regia di Davide Frasnelli

Passato e presente

RaiStoria ore 14:20

La classificazione in guelfi e ghibellini nasce in Germania nel XII secolo, all’epoca dell’elezione del successore di Enrico V sul trono del Sacro Romano Impero. Indica la distinzione tra la fazione dei sostenitori del papa (guelfi), da una parte, e quella dei sostenitori dell’imperatore (ghibellini) dall’altra. La contrapposizione rimarrà anche in seguito, ma gli schieramenti si cristallizzeranno sul diverso modo di intendere i rapporti con la Chiesa di Roma e di gestire l’autonomia germanica. I Guelfi e i Ghibellini sono al centro di “Passato e Presente”, in onda giovedì 8 aprile alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. In studio, ospite di Paolo Mieli, la professoressa Chiara Mercuri. La dinamica tra guelfi e ghibellini si sviluppa anche nell’Italia dei comuni, dove si innesta in situazioni di conflitto locale per la gestione del potere, che culminano in feroci scontri. Sebbene con tratti autonomi, la distinzione originaria tra un partito favorevole all’Imperatore e l’altro a sostegno del potere temporale del Pontefice sopravvive.

L'Italia in guerra. Sui monti della Grecia


RaiStoria ore 15:00
di Massimo Sani (1983) - Le guerre coloniali fasciste del 1940-42 in Grecia e Albania.

Festa Barocca, Barocco e brume


RaiStoria ore 16:00

di Folco Quilici (1982 - Il grande patrimonio di uno stile e di un'epoca in una serie in sei puntate, con la consulenza artistica di Paolo Portoghesi e Luca Quattrocchi. Premio della Critica televisiva Italiana (1983).

Storia delle nostre città. Pisa


RaiStoria ore 16:55

Di Mario Paloschi e Gianluca Potenziani.Regia di Francesco Di Giorgio. Di Mario Paloschi, Marco Pisoni e Gianluca Potenziani. Regia di Francesco Di Giorgio. - È impossibile guardare Pisa senza gridare al miracolo. Sarà per via di quella Torre Pendente che sta su senza neanche sapere come o per quella scenografica piazza talmente bella da esser stata chiamata Piazza dei Miracoli. Pisa, la città dove ovunque si respira l'antica gloria di una città che per secoli si è contesa con Genova, Venezia e Amalfi il ruolo di Repubblica Marinara più prestigiosa.

#maestri


RaiStoria ore 17:50

Rai3 e Rai Storia, #maestri dal 5 al 9 aprile

Documentari d'autore Il suono della voce


RaiStoria ore 18:30

Regia di Emanuela Giordano - Lisbona, Tunisi, Algeri, Parigi, Beirut, San Paolo e Rio de Janeiro sono gli approdi di un viaggio nella musica del mondo guidato dalla cantautrice Tosca e la sua piccola orchestra. Una speciale indagine per capire cosa ci accumuna, rende amici, curiosi e complici, al di là delle distanze fisiche e geografiche.

Viva la storia Studiare


RaiStoria ore 19:40

Di Alessia Crocini e Maurizio Carta. Regia di Michele Imperio -V. Pag.526 TLV - I ragazzi di tre scuole di Torino, Roma e Napoli, insieme a storici, antropologi ed esperti, ripercorrono alcuni importanti temi storici.

Storie della tv Storie del sabato sera


RaiStoria ore 21:10

di Stefano di Gioacchino produttore esecutivo Alessandra Conforti - Momento clou del palinsesto televisivo, il sabato sera è cambiato nel corso del tempo, ma moltissimi programmi della storia della televisione sono legati alla sacralità e alla solennità di quello spazio. Dal Musichiere a Canzonissima, da Studio Uno a Teatro 10, dai Fantastico alle Serate d onore, quattro decenni di un appuntamento serale tutto italiano.

Ondina Valla interpretata da Eleonora Giovanardi. Il segno delle donne


RaiStoria ore 22:10

Inizia in questo modo la favola di Ondina, che, in pieno regime fascista, si discosta dai classici ruoli femminili del tempo e inizia il suo percorso di successi nell'atletica leggera. Fino ad arrivare a Berlino: è il 1936 e all'Olympiastadion si celebra l'XI edizione delle Olimpiadi moderne. Sono Olimpiadi celebrate fastosamente, organizzate alla perfezione, nonché immortalate dalla regista Leni Riefenstahl nel celebre film "Olympia". Le aspettative del pubblico italiano, che sostiene fieramente la Valla, non vengono deluse. Ondina, infatti, stabilisce il primato del mondo nella gara degli 80 metri ostacoli vincendo la semifinale e arriva prima al traguardo della finale, in una gara serratissima in cui è necessario il fotofinish per decretare l'ordine di arrivo delle prime quattro atlete. In quell'occasione, Ondina si impone anche sulla sua collega e rivale di sempre, Claudia Testoni, che arriva quarta. La vittoria della Valla alle Olimpiadi di Berlino del '36 è un evento storico per lo sport femminile azzurro: è il primo oro olimpico conquistato da una donna italiana.

Storia delle nostre città. Pisa


RaiStoria ore 23:00

Di Mario Paloschi e Gianluca Potenziani.Regia di Francesco Di Giorgio. Di Mario Paloschi, Marco Pisoni e Gianluca Potenziani. Regia di Francesco Di Giorgio. - È impossibile guardare Pisa senza gridare al miracolo. Sarà per via di quella Torre Pendente che sta su senza neanche sapere come o per quella scenografica piazza talmente bella da esser stata chiamata Piazza dei Miracoli. Pisa, la città dove ovunque si respira l'antica gloria di una città che per secoli si è contesa con Genova, Venezia e Amalfi il ruolo di Repubblica Marinara più prestigiosa.


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.