L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Indice articoli

Rai Storia fra le stelle

Sabato 10 aprile [leggi anche domenica 11 aprile]

Passato e Presente

Alan Turing, il matematico che sconfisse Hitler

sabato ore 9:00 e 14:20

Storie della Tv. Storie del sabato sera

sabato ore 09:45

di Stefano di Gioacchino produttore esecutivo Alessandra Conforti - Momento clou del palinsesto televisivo, il sabato sera è cambiato nel corso del tempo, ma moltissimi programmi della storia della televisione sono legati alla sacralità e alla solennità di quello spazio. Dal Musichiere a Canzonissima, da Studio Uno a Teatro 10, dai Fantastico alle Serate d onore, quattro decenni di un appuntamento serale tutto italiano.

Il segno delle donne. Ondina Valla interpretata da Eleonora Giovanardi

sabato ore 10:40

Inizia in questo modo la favola di Ondina, che, in pieno regime fascista, si discosta dai classici ruoli femminili del tempo e inizia il suo percorso di successi nell'atletica leggera. Fino ad arrivare a Berlino: è il 1936 e all'Olympiastadion si celebra l'XI edizione delle Olimpiadi moderne. Sono Olimpiadi celebrate fastosamente, organizzate alla perfezione, nonché immortalate dalla regista Leni Riefenstahl nel celebre film "Olympia". Le aspettative del pubblico italiano, che sostiene fieramente la Valla, non vengono deluse. Ondina, infatti, stabilisce il primato del mondo nella gara degli 80 metri ostacoli vincendo la semifinale e arriva prima al traguardo della finale, in una gara serratissima in cui è necessario il fotofinish per decretare l'ordine di arrivo delle prime quattro atlete. In quell'occasione, Ondina si impone anche sulla sua collega e rivale di sempre, Claudia Testoni, che arriva quarta. La vittoria della Valla alle Olimpiadi di Berlino del '36 è un evento storico per lo sport femminile azzurro: è il primo oro olimpico conquistato da una donna italiana.

IViaggio in Italia: Piemonte

sabato ore 12:00

Piemontesi di penna e pennello

Soggetto Donna. Donne degli anni '60

sabato ore 13:00 

La puntata vuole fotografare il ruolo della donna all'interno della famiglia degli anni '60. Le donne hanno fatto molti passi verso l'emancipazione, votano, sono rappresentate, lavorano ma rimangono sempre il sesso debole all'interno del rapporto di coppia e anche da un punto di vista giuridico all'interno dell'istituto del matrimonio.

L'Italia in guerra. Ultimo messaggio da Capo Matapan

sabato ore 15:00

Di Massimo Sani (1985) . - La sconfitta italiana di Capo Matapan contro la flotta inglese durante la seconda guerra mondiale.

Festa barocca. Il barocco degli estremi

sabato ore 16:00
di Folco Quilici (1982) - Il grande patrimonio di uno stile e di un'epoca in una serie in sei puntate, con la consulenza artistica di Paolo Portoghesi e Luca Quattrocchi. Premio della Critica televisiva Italiana (1983).

La nipote Sabella (film)

ore 17:00
Una clausola testamentaria promette un terreno agli sposi che daranno per primi un'erede femmina alla famiglia Renzullo. Sequel del fortunato "La nonna Sabella"

Leonilde Iotti detta Nilde

sabato ore 18:30

Figura di primo piano dell'Italia repubblicana, parlamentare del Pci per cinquantatré anni e, soprattutto, prima donna presidente della Camera dei deputati. Ma non si può non raccontare Nilde Iotti senza parlare del suo sodalizio privato e politico con Palmiro Togliatti, leader del Partito Comunista Italiano, che conosce in Parlamento ai tempi della Costituente. Un rapporto che la segna in modo duplice: da una parte, viene riconosciuta come la "donna del capo", e per questo dileggiata dentro e fuori il Partito Comunista; dall'altra, questo rapporto le consente di apprendere molto e maturare una sua concezione politica orientata in particolare alle battaglie dei diritti civili, a cominciare dall'approvazione della legge per il divorzio.

Viva la Storia. Costruire

sabato ore 19:30 domenica ore 12:00

Di Alessia Crocini e Maurizio Carta. Regia di Michele Imperio -v.pag.526 TLV - In questa puntata dedicata al Costruire le domande dei ragazzi ci aiuteranno a svelare il mistero di un bizzarro castello dell'Italia meridionale; ci porteranno in Germania per ripercorrere la storia del muro che ha diviso in mondo in due per 28 anni; ci faranno conoscere la vita di un muratore dell'antica Roma e ci illustreranno le abitazioni dei nostri antenati, quando non esistevano i palazzi e si poteva ancora sfuggire alle riunioni condominiali..

Passato e Presente

sabato ore 20:30 e domenica ore 9:00 e 14:20

Con le sue imprese e i suoi fallimenti, Umberto Nobile ha scritto alcune delle pagine più avvincenti e controverse della storia dell’aeronautica e dell’esplorazione italiana. Pagine ripercorse dalla professoressa Isabella Insolvibile e da Paolo Mieli a “Passato e presente” in onda sabato 10 aprile alle 20.30 su Rai Storia. Esattamente 95 anni fa, il 10 aprile 1926, il primo volo sul Polo Nord col dirigibile Norge, da lui progettato, ne fa una celebrità che il regime fascista sfrutta a proprio vantaggio. La seconda impresa al Polo, invece, si conclude tragicamente. I forti venti spingono il dirigibile Italia a schiantarsi contro il pack e poi lo trascinano via, con a bordo ancora 6 membri dell’equipaggio, che non verranno mai più ritrovati. Anche molti dei tentativi di soccorso per salvare i superstiti rimasti sul ghiaccio, dentro la famosa “tenda rossa”, hanno esito mortale. Nobile si salva, ma, perso il favore di Mussolini, diventa oggetto delle indagini di una commissione d’inchiesta che, nel 1929, lo dichiara colpevole dell’accaduto. Nobile lascia l’Aeronautica e si trasferisce prima in Unione Sovietica e poi negli Stati Uniti, dove insegna ingegneria. Rientrato in Italia dopo la guerra, diventa deputato nelle file del Pci e continua a battersi per ottenere il ribaltamento delle accuse a suo carico, soprattutto la più odiosa: quella di aver abbandonato i suoi uomini sul ghiaccio, salvandosi per primo.

I nuovi mostri (film)

ore 21:10

Quindici anni dopo 'I mostri', Dino Risi, stavolta affiancato da Monicelli e Scola, realizza una nuova commedia satirica, in quattordici brevi episodi.

Seconda patria

sabato ore 22:45 e domenica ore 10:35

Di Paolo Quaregna - Il cammino della famiglia Stea dalla provincia di Bari fino al Grande Nord canadese; dapprima minatori in Belgio nell'immediato Dopoguerra, fino al lavoro nelle miniere di ferro di Schefferville. I ritratti di nove ''migranti economici'' e dei loro figli, che hanno saputo adattarsi ad una nuova vita conservando la propria italianità.


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.