L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Una settimana con Goldoni

Lunedì 17 maggio

C. Goldoni, La buona madre

ore 15:45

Una vedova cerca di accasare i due figli con donne ricche: le cose non saranno così semplici e inganni ed equivoci scandiscono gli eventi della commedia goldoniana. Regia di Carlo Lodovici, con Lina Volonghi, Gianna Raffaelli, Donatella Ceccarello, Willy Moser, Marina Dolfin, Laura Carli, Maria Grazia Spina, Dario Mazzoli, Gino Cavalieri.

Martedì 18 maggio

C. Goldoni, La locandiera

ore 15:46

Mirandolina, locandiera, è il fulcro delle vicende che ruotano intorno alla sua locanda - e ai suoi clienti, tra i quali molti pretendenti - tra amori, intrighi e lazzi. Regia di Giancarlo Cobelli, con Carla Gravina, Giuseppe Sottile, Massimo Belli, Roberto Corcione, Antonio Francioni, Ennio Groggia, Arrigo Mozzo, Adriano Arrigo, Pino Micol, Wanda Benedetti, Angela Cavo.

Mercoledì 19 maggio

C. Goldoni, La bottega del caffé

ore 15:54

Durante il Carnevale veneziano tre coppie sono protagoniste di una commedia èirotecnica fatta di equivoci, scambi di identità e riavvicinamenti: la bottega del caffè di Rodolfo è l'osservatorio privilegiato di questa 'commedia umana'. Regia di Edmo Fenoglio con Renato De Carmine, Tino Buazzelli, Luciano Virgilio, Silvana Lombardo, Gipo Farassino, Silvana Lombardo, Barbara Nay, Marisa Bartoli, Leo Gavero, Marzio Margine, M. Brusa, Giulio Moretti, Edgard De Valle, Roberto Paoletti.

Giovedì 20 maggio

C. Goldoni, Gli amori inquieti

ore 15:39

Zelinda e Lindoro, fedeli servitori del nobile don Roberto, vivono un amore inquieto e tribolato fino al lieto epilogo, in cui i ruoli sociali si ribaltano. Regia di Augusto Zucchi con Giancarlo Zanetti, Rosa Maria Tavolucci, Alvise Battain, Andrea Giordana, Aldo Alori, Grazia Maria Spina, Laura Fo, Stefano Santospago, Enzo Turrin, Alessia Attina, Alessandra Riccobon (spinetta), Antonella Della Benedetta (flauto traverso), Flavio Bertagnoli (violino), Franco Ferriani (violoncello).

Venerdì 21 maggio

C. Goldoni, La famiglia dell'antiquario

ore 15:33

Un conte antiquario sposa il figlio ad una mercantessa generando equivoci, dissidi e piccole truffe all'interno della famiglia. Regia di Carlo Lodovici con Gianrico Tedeschi, Mario Bardella, Lia Zoppelli, Paola Mannoni, Ezio Busso, Donatella Ceccarello, Franco Scandurra, Gianny Musi, Gian Campi, Antonio Battistella, Michele Malaspina.

Sabato 22 maggio

L. Pirandello, Il piacere dell'onestà

Valerio Binasco affronta per la prima volta Luigi Pirandello proprio sulle tavole del palcoscenico del Teatro Carignano, dove “Il piacere dell’onestà “debuttò con successo il 27 novembre 1917 con la compagnia di Ruggero Ruggeri.

“Il piacere dell’onestà”, in onda sabato 22 maggio in prima serata su Rai5, è un testo spietato, che fin dal titolo pone l’accento sull’onestà, cardine di una presunta etica borghese e cuore pulsante del dramma. Il protagonista Angelo Baldovino, interpretato da Binasco che dirige anche l’allestimento, è la prima figura di antieroe del drammaturgo siciliano, un perdente, un relitto, ma soprattutto un uomo solo, che ha fatto dell’isolamento la personale difesa da una società che lo ha spinto ai margini. Ed è proprio per questa sua condizione di emarginato che viene scelto, per restituire onestà ad una giovane donna: Baldovino sposa una nobile signorina che è stata resa madre da un uomo ammogliato, in cambio del ripianamento dei debiti di gioco e della promessa di chiudere un occhio sulla relazione tra la ragazza e il padre del bambino. Il protagonista accetta la parte, ma fin da subito diventa ingombrante: in lui resiste una morale capace di opporsi a un concetto di onestà solo di facciata. Baldovino è appunto la ragione introdotta in una borghesia preda del sentimento e del perbenismo: è l’intelligenza chiamata a riportare l’ordine nel caos.

Valerio Binasco destruttura il dramma pirandelliano concentrando l’attenzione sui personaggi e sulla loro vita interiore che si riflette in una partitura drammaturgica densa e a tratti ipnotica: in un ambiente spoglio, dove il freddo di un accordo matrimoniale nato dalla vergogna di entrambe le parti si scioglie in un sentimento di rispetto che fa deragliare i presupposti inziali, si affacciano gli echi della drammaturgia nordica cara alle sue regie.

Il piacere dell'onestà di Luigi Pirandello, adattamento e regia Valerio Binasco, regia video Lucio Fiorentino Produzione Teatro Stabile di Torino – Teatro nazionale

Con Valerio Binasco – Angelo Baldovino; Giordana Faggiano – Agata Renni; Orietta Notari – La Signora Maddalena, sua Madre; Rosario Lisma – Il Marchese Fabio Colli; Lorenzo Frediani – Maurizio Setti, suo Cugino; Franco Ravera – Il Parroco

Scene e luci Nicolas Bovey, costumi Gianluca Falaschi, regista assistente Roberto Turchetta, assistente regia Giulia Odetto, assistente costumi Anna Missaglia.

Essere attori. Al lavoro con Luca Ronconi

Su Rai5 (canale 23) Franca Nuti

“Essere attori. Al lavoro con Luca Ronconi” è un ciclo di documentari in 10 interviste che coinvolgono gli attori che in periodi differenti, ma con continuità hanno lavorato con Luca Ronconi e sono stati interpreti di memorabili messe in scena. Protagonista della seconda puntata, in onda sabato 22 maggio alle 22.45 su Rai5, è Franca Nuti.

Il ciclo di documentari, costituito da interviste di 30 minuti ciascuna, è un progetto di Roberta Carlotto prodotto dal Centro Teatrale Santacristina ed è affidato alla cura di Anna Antonelli, Lorenzo Pavolini e Oliviero Ponte di Pino e al montaggio di Jacopo Quadri.


Registrati e ricevi gli aggiornamenti

Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.