L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Jakub Hrůša dirige l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia

martedì 1° giugno alle 18.40 su Rai1 e mercoledì 2 giugno alle 21:15 su Rai5

Celebra il 75° anniversario della Repubblica italiana il concerto che Rai Cultura trasmette dal Cortile d’Onore del Palazzo del Quirinale in diretta su Rai1 martedì 1° giugno alle 18.25, e in replica mercoledì 2 giugno alle 21.15 su Rai5. Protagonista l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretta da Jakub Hrůša – già sul podio dell’Orchestra di Santa Cecilia in numerosi concerti di successo delle scorse stagioni – uno dei giovani direttori più acclamati della scena internazionale. Ospite d’eccezione l’étoile del Teatro alla Scala Roberto Bolle, che con la prima ballerina Virna Toppi danzerà un passo a due su musiche di Antonio Vivaldi. 
Direttore Principale della Bamberg Symphony e Direttore Ospite Principale della Philharmonia Orchestra e della Czech Philharmonic, Hrůša è ospite regolare di orchestre e festival di tutto il mondo. Presidente dell’International Martinů Circle, ha ricevuto nel 2015 il Premio Sir Charles Mackerras.

Il programma prevede una selezione di pagine che omaggiano l’Italia: dal vivace finale della Sinfonia n. 4 in la maggiore op. 90 di Felix Mendelssohn-Bartholdy, detta “Italiana”, intitolato “Saltarello”, a rievocare la cadenza della danza romana e la solarità italiana, all’Ouverture del Carnevale romano op. 9 scritto tra il 1943 e il 1944 da Hector Berlioz, caratterizzato anch’esso da un esuberante ritmo “all’italiana”. Si prosegue con i quattro Scherzi appartenenti alla suite Soirées musicales op. 9 di Benjamin Britten – Marcia, Canzonetta, Tirolese e Tarantella – di ispirazione rossiniana, con richiami folkloristici, risonanze dialettali e ritmi cadenzati. E ancora il terzo movimento La battaglia di Ponte Milvio, tratto dal poema sinfonico Gli affreschi di Piero della Francesca, scritto dal compositore ceco Bohuslav Martinu nel 1955, dopo avere ammirato il ciclo di affreschi conservati nella basilica di San Francesco ad Arezzo. Chiudono il concerto il valzer Rose del Sud, di cui Johann Strauss II dedicò la versione per pianoforte a Umberto I di Savoia, e il Capriccio italiano in la maggiore op. 45 che Pëtr Il’ič Čajkovskij iniziò a comporre durante la sua permanenza a Roma, nel gennaio 1880, e che concluse poi al suo ritorno a San Pietroburgo nel maggio dello stesso anno.

Il concerto è presentato da Nadia Zicoschi e Stefano Catucci. La regia televisiva è di Alessandra De Sanctis.


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.