L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Hrůša e Khachatryan per Brahms, Brunello con Bach

Torna sul podio dell'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia Jakub Hrůša, Direttore principale dei Bamberger Symphoniker e presenza costante nei cartelloni delle maggiori orchestre mondiali, come i Berliner Philharmoniker, la Chicago Symphony Orchestra e la Royal Concertgebouw Orchestra. Il concerto, registrato all'inizio di giugno all'Auditorium Parco della Musica di Roma, è proposto da Rai Cultura in prima tv giovedì 15 luglio alle 21.15 su Rai5 , e vede in programma il Concerto per violino di Brahms e la Sinfonia n. 8 di Dvořák. Solista d’eccezione per il capolavoro di Brahms Sergey Khachatryan: nato a Yerevan, in Armenia, ha vinto il primo premio al Concorso Internazionale Jean Sibelius di Helsinki nel 2000, diventando il più giovane vincitore nella storia del concorso. Nel 2005 ha ottenuto il primo premio al Concorso Queen Elisabeth di Bruxelles. 

È il Concerto per violino di Brahms, tra i più eseguiti e popolari della storia della musica, ad aprire la serata. Composto nell'estate del 1878 in Carinzia - dove il compositore amava soggiornare - per Joseph Joachim, uno dei massimi virtuosi del suo tempo, fu inizialmente accolto tiepidamente perché non incentrato solo sul virtuosismo violinistico (che è comunque presente), ma sull’equilibrio tra solista e orchestra. È caratterizzato da una esuberanza di melodie e da una radiosa amabilità di tono, tipica della fase immediatamente successiva all'impegno drammatico e formale della Prima Sinfonia del 1876.
Segue l’Ottava Sinfonia di Dvořák, eseguita per la prima volta a Praga nel 1889, ma che ottenne la massima diffusione a Londra, dove circolò verso la fine del secolo ottenendo consensi anche superiori alla più celebre Nona Sinfonia “dal Nuovo Mondo”.

Il Maestro Mario Brunello ha voluto affrontare il repertorio violinistico di Johann Sebastian Bach con una nuova lettura al violoncello piccolo delle sontuose Sonate e Partite per violino solo. Nel docufilm “Chaconne supra a sciara”, in onda giovedì 15 luglio alle 22.45 in prima visione su Rai5, la Ciaccona in re minore, universalmente conosciuta come capolavoro ineguagliato del repertorio per strumento solo, risuona nel paesaggio lunare del vulcano Etna in un’esecuzione di impressionante impatto sonoro. Una “scalata” alla musica di Bach dal versante nord, alla ricerca di nuove vie e nuovi suoni inascoltati. 

 


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.