L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Ecco le voci per Sarro

Per la prima volta in oltre vent'anni di attività, l'associazione Barocco Europeo con il coordinamento artistica di Donatella Busetto ha deciso di strutturare le selezioni per a sua produzione operistica come un vero e proprio concorso. Una decisione presa come reazione e atto di fiducia per il futuro dopo che l'emergenza sanitaria aveva congelato il progetto appena delineato per L'impresario delle Canarie di Domenico Sarro. Si aspetta qualche mese, ci si organizza, si raccoglie la giuria, ed ecco che tutto, anche a pandemia non ancora scongiurata, fila liscio nel “giardino della Serenissima”, Sacile, provincia di Pordenone.

Ovvio, non è possibile effetturare una scelta in base ai video, tuttavia la preselezione a distanza per un concorso a ruolo in cui tutti i concorrenti erano tenuti a presentare le medesime arie è stata funzionale alla necessaria scrematura per concentrarsi su una rosa di finalisti ascoltati dal vivo prima nei brani solistici, poi in due tornate di duetti: prima coppie annunciate dalla commissione con anticipo per permettere di provare con agio, poi nuovi assortimenti per testare prontezza teatrale, capacità di collaborazione e improvvisazione, eventuali abbinamenti più o meno efficaci. Non si tratta, infatti, solo di scegliere le voci migliori, ma le voci ritenute più adatte all'intermezzo di Sarro e meglio assortite fra loro. Insomma, considerare sia la qualità del singolo sia la potenzialità del cast. L'intermezzo è il genere più indicato per progetti di questo genere, avendo esigenze musicali sceniche e d'organico limitate, ma richiede, per funzionare, una perfetta tenuta della commedia e non può essere sottovalutato.

Martina Barreca, Matilde Lazzaroni e Marta Pacifici, Paolo Leonardi, Niccolò Porcedda e Michele Soldo sono stati i finalisti convocati per l'ultima prova, selezionati da Sara Mingardo, Vivica Genaux, Monica Bacelli, Gianluca Capuano (Direttore d’orchestra – Musiciens du Prince Monaco), Giulio Prandi (Direttore d’orchestra – Centro di Musica Antica della Fondazione Ghislieri), Alberto Triola (Direttore Artistico Festival della Valle D’Itria – Sovrintendente e Direttore Artistico della Fondazione Arturo Toscanini di Parma), Gianni Tangucci (Direttore Accademia Maggio Musicale Fiorentino), Alessandro Malcangi (Società dei Concerti-Trieste), Cesare Scarton (Regista, Roma), Eva Hribernik (Regista, Lubiana), Danilo Boaretto (Critico musicale, Direttore responsabile OperaClick), Roberta Pedrotti (Critico musicale, Direttrice di L’Ape musicale), Donatela Buratti (Tàlea comunicazione), Matteo Macinanti(Musicologo, Caporedattore Quinte Parallele), Alberto Massarotto (Il Giornale della Musica), Giovanni Sgaria(Arcana- Outhere), Andrea Dandolo (Direttore Artistico Stradivarius Dischi), Anton Giulio Priolo(TREETONE Productions).

La commissione convocata per l’individuazione dei due cantanti nella giornata del 27 giugno a Sacile, composta da Sara Mingardo, Umberto Chiummo, Gianni Tangucci (Coordinatore Accademia del Maggio Musicale Fiorentino), Cesare Scarton (Regista), Eva Hribernik (Regista), Giulio Prandi (Direttore d'orchestra), Roberta Pedrotti  (L'Ape Musicale) e Daniela Goldoni (OperaClick), ha ritenuto che tutti i cantanti finalisti potessero avere, ciascuno con le proprie peculiarità, le carte in regola per interpretare L'impresario delle Canarie sulla scena e ha scelto infine Martina Barreca e Niccolò Porcedda come protagonisti dello spettacolo che avrà luogo a Sacile (Teatro Zancanaro) il 30 agosto, Trieste (Sala Bartoli, Ridotto del Rossetti) e Radovljica (Sala barocca del Palazzo) il 16 e il 17 ottobre.

L'impresario delle Canarie sarà realizzato in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Venezia.


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.