L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

.

 

 

 

 

Chiusura dell'anno Toscaniniano

Sabato 24 marzo 2018 – ore 20.30 Turno Azzurro

                                                                           

YUGA COHLER Direttore

                                                                                                        

Felix Mendelssohn Sogno di una notte di mezza estate, Ouverture

Alberto Ginastera Variaciones concertantes

Robert Schumann Sinfonia No. 1

                                                                                                              

Vincitore del Premio dell’Orchestra “Paolo Vero” al 10. Concorso Internazionale di Direzione d’Orchestra “Arturo Toscanini”, il giovane statunitense Yuga Cohler ha l'onore di chiudere le Celebrazioni toscaniniane con un programma volto a valorizzare tutte le qualità dell'orchestra.

IL PROGRAMMA

Un clima fiabesco e incantato pare incorniciare il programma di questo concerto, dalla féerie dell'ouverture alle musiche di scena che Mendelssohn scrisse nel 1826 ispirato al Sogno di una notte di mezz'estate di Shakespeare, alla prima sinfonia -  detta, significativamente, La primavera - di Schumann, che in uno dei rari momenti di serenità veniva ispirato proprio dalle nozze con l'amata Clara Wieck (1841). Fra le vicende delle quattro coppie protagoniste della commedia shakesperiana e quelle reali dei due musicisti tedeschi, s'incardinano le variazioni concertanti (1953) di Ginastera, che sviluppano il tema iniziale in una sorta di fantasmagoria timbrica e idiomatica  passando da uno strumento solista all'altro.

GLI AUTORI

Felix Mendelssohn nasce ad Amburgo il 3 febbraio 1809. La famiglia, d'origine ebraica, gli consente fin dalla più tenera età di coltivare il talento musicale fra i più raffinati stimoli culturali. Cresciuto senza un'educazione religiosa, viene battezzato nella fede calvinista all'età di sette anni. Pianista, direttore e compositore ammirato per le sue qualità musicali e intellettuali fu , nel 1829, fautore di un'esecuzione della passione secondo Matteo di Bach che rappresenta uno degli eventi musicali più significativi del XIX secolo e determinò un rinnovato interesse verso l'opera del Kantor di Lipsia. Nella stessa città, ad appena trentotto anni, Mendelssohn si spegne, in seguito a problemi cardiaci culminati in un  ictus, il 4 novembre 1847.

Alberto Ginastera nasce a Buenos Aires l'11 aprile 1916. Studiò e visse nel suo paese, se si esclude un periodo statunitense per perfezionarsi con Aaron Copland,  finché nel 1968 la dittatura militare non lo spinse a trasferirsi prima negli USa, poi in Europa, dove morirà, a Ginevra, il 25 giugno 1983. Autore di musica sinfonica e cameristica, di balletti e opere liriche, prestò una particolare attenzione ai linguaggi tradizionali e popolari, esercitando la sua influenza, ben radicata nell'opera di Stravinskij Bartok e De Falla come delle avanguardie novecentesche, anche nel Rock progressive.

Robert Schumann nasce a Zwickau, in Sassonia, l'8 giugno 1810. Oltre che pianista e compositore fu anche critico musicale molto attivo e acuto, fra i fondatori della rivista Neue Zeitschrift für Musik. La sua sensibilità intellettuale trovò nella moglie Clara, anch'ella pianista e compositrice, l'anima gemella ideale, che tuttavia non seppe sottrarlo a frequenti crisi depressive, che culminarono nel tentativo di suicidio gettandosi nelle acque del Reno nel 1854, gesto in seguito al quale fu internato a Bonn, dove si spense il 29 luglio 1956.

 

GLI INTERPRETI

Yuga Cohler, nato vicino a Boston nel 1990, ha vinto lo scorso ottobre il Premio dell’Orchestra “Paolo Vero” al 10° Concorso Internazionale di Direzione d’Orchestra “Arturo Toscanini” ma l’assegnazione del riconoscimento attribuito dalla Filarmonica Toscanini e dedicato al musicista bolognese prematuramente scomparso non è stato che l’ultimo dei suoi successi. Yuga è infatti laureato summa cum laude in Computer Science ad Harvard ed è stato il più giovane diplomato del Corso di direzione d’orchestra della Juilliard School di New York, dove ha studiato con Alan Gilbert e James Ross grazie al sostegno della Bruno Walter Memorial Scholarship. Ha già diretto orchestre come la Tokyo Philharmonic, Baltimore Symphony, Danish National Symphony e, come cover conductor, la Los Angeles Philharmonic. Si è meritato inoltre la Career Assistance Award della Solti Foundation US, la Ansbacher Fellowship della American Austrian Foundation, il Charles Schiff Conducting Award della Juilliard e il David McCord Prize della Harvard University.

 

INFO e BIGLIETTI 

→ Acquista i biglietti

 

Questo contenuto è realizzato in partnership con la Fondazione Arturo Toscanini di Parma


 

Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal