L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

.

 

 

 

 

Due per tutti

Sabato 7 aprile 2018 – ore 20.30 Turno Azzurro

                                                                           

NIR KABARETTI Direttore

MIHAELA COSTEA Violino

DIANA CAHANESCU Violoncello

                                                                                                        

Pëtr Il’ič Čajkovskij Romeo e Giulietta ouverture-fantasia in si minore (da Shakespeare)

Cristian Carrara Machpelah dialogo per violino, violoncello e orchestra

Antonín Dvořák Sinfonia n. 8 in sol maggiore Inglese

                                                                                                              

Per l'ultimo appuntamento con il ciclo Tutti per uno di questa edizione di Nuove Atmosfere, un percorso suggestivo fra l'Est Europa e la tradizione ebraica, con la bacchetta di Nir Kabaretti, gli archi di Mihaela Costea e Diana Cahanescu in pagine di Čajkovskij, Dvořák e del contemporaneo Cristian Carrara.

IL PROGRAMMA

Fra il primo capolavoro sinfonico di Čajkovskij, dedicato al dramma shakespeariano riletto con impeto drammatico e colorismo slavo, e l'affascinante serenità radicata nella tradizione boema dell'ottava sinfonia di Dvořák si colloca il brano del 2015 di Cristian Carrara, un virtuosistico dialogo strumentale intitolato Machpelah, termine che in ebraico indica il “doppio” e La Grotta delle Tombe Doppie, detta, appunto, Machpelah, è il nome di quella che noi chiamiamo la Tomba dei Patriarchi di Hebron, dove, secondo la tradizione, si trovano le tombe di Abramo e Sara, Isacco e Rebecca, Giacobbe e Lea.

GLI AUTORI

Pëtr Il’ič Čajkovskij nasce a Votkinsk, in Russia, il 7 maggio 1840.  Talento precoce, ardente ammiratore di Mozart, si contrappone al Gruppo dei Cinque, profondamente radicato nella tradizione slava, per la sua posizione definita filooccidentale. Autore di opere (fra cui Evgenij Onegin e Pikovaja Dama), balletti (Lo Schiaccianoci, La bella addormentata nel bosco, Il lago dei cigni fra i più celebri), sinfonie, concerti e musica da camera, è fra i compositori più significativi del XIX secolo e della storia della musica russa. Tormentato da crisi depressive, forse anche a causa della sua omosessualità invano celata con uno sfortunato matrimonio, morì  il 6 novembre 1893, ufficialmente per colera, anche se si è adombrata la possibilità di un suicidio.

Cristian Carrara nasce a Pordenone il 28 gennaio 1977. Uno dei più apprezzati compositori italiani della sua generazione, Collabora con artisti tra cui direttori d'orchestra come Matthieu Mantanus, John Neschling, Flavio Emilio Scogna, Meir Wellber, Paolo Olmi, Michalis Economou, Jan Latham Koenig, Lior Shambadal e solisti come Alda Caiello, Roberto Abbondanza, Roberto Prosseda, Floraleda Sacchi, Francesco D'Orazio, Francesca Dego e Stefano Montanari. Oltre che alla composizione, rivolge il suo impegno alla divulgazion; è stato inoltre fondatore e portavoce del Forum Nazionale Giovani.

Antonín Dvořák nasce a Nelahozeves, in Boemia, l'8 settembre 1841. All'attenzione per le radici musicali slave unì i modelli di Beethoven e Brahms, tutte influenze che permeano la sua produzione sinfonica, cameristica e teatrale. Dal 1892 al 1895 diresse il Conservatorio di New York e l'incontro con l'eclettico ambiente americano e con le sue tradizioni musicali fu fonte di ulteriori ispirazioni, non solo per la celeberrima Nona Sinfonia "Dal Nuovo Mondo". Tornato in patria, dirige il Conservatorio di Praga dal 1901 fino al 1904, anno della morte.

GLI INTERPRETI

Nir Kabaretti si è affermato con crescente prestigio a livello internazionale, con una vasta esperienza nel repertorio sinfonico ed operistico. La sua esperienza operistica include produzioni al Maggio Musicale Fiorentino (Die Entführung aus dem Serail, Il Trovatore, Macbeth, Gianni Schicchi, Il Viaggio a Reims), al Teatro Real di Madrid (La Cenerentola, Die Walküre), alla Israeli Opera (Fidelio, Manon Lescaut ), all' Opéra de Lausanne (Il Cappello di Paglia di Firenze, Die Fledermaus) e al New National Theatre in Tokyo (Il Barbiere di Siviglia). Nel 2000 dirige Il diario di Anna Frank di Fried (produzione ospite della Staatsoper di Vienna) al Bregenz Festival ed all' Expo 2000 di Hannover. Nel 2005 è scelto per guidare la prima tournée del Teatro San Carlo di Napoli in Giappone, dirigendo il Trovatore, con Fiorenza Cedolins e Salvatore Licitra a Kyoto e Tokyo. Nelle passate stagioni ha diretto Falstaff al Théâtre Municipal de Lausanne, Lo Schiaccianoci al Teatro dell’Opera di Roma, Nabucco ad Avenches, Fidelio a New York, Lo Schiaccianoci al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino a Firenze ed è stato protagonista in concerto al Teatro Petruzzelli di Bari, ha quindi diretto concerti al Théâtre du Capitole di Toulouse

Mihaela Costea, primo violino di spalla della Filarmonica Toscanini, è anche una solista di grande valore musicale, che abbina grandi capacità virtuosistiche a una rilevantissima tecnica individuale affermata in numerose occasioni.

Diana Cahanescu, primo violoncello della Filarmonica Toscanini, si esibisce anche in ensemble da camera, fra cui la rara combinazione di due violoncelli in duo con Massimo Tannoia, in un raffinato repertorio.

 

INFO e BIGLIETTI 

→ Acquista i biglietti

 

Questo contenuto è realizzato in partnership con la Fondazione Arturo Toscanini di Parma

Mihaela Costea, primo violino di spalla della Filarmonica Toscanini, è anche una solista di grande valore musicale, che abbina grandi capacità virtuosistiche a una rilevantissima tecnica individuale affermata in numerose occasioni.


 

Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal