L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

 

 

 

 

Il debutto di Rachmaninov

di Gustavo Gabriel Otero

Per la prima volta il scena al Teatro Colon di Buenos Aires Aleko e Francesca da Rimini di Rachmaninov. Convincente la parte musicale, diretta da Ira Levin, meno la messa in scena curata da Silviu Mettere Pircarete.

 

BUENOS AIRES, 21/05/2013 - Il Teatro Colón ha proposto, come première locale, due delle tre opere del compositore russo Sergej Rachmaninov: Aleko (1893) e Francesca da Rimini (1906). Questo dittico molto interessante che è stato reso al pubblico con ottime prestazioni musicali e una componente visiva controversa. Silviu Mettere Pircarete ha tentato di riempire lo spazio scenico di elementi comuni alle due opere, che però non ne hanno in realtà. I movimenti scenici risultavano blandi e puerili. Lo scenario di Helmut Stürmer è una struttura di metallo nero con delle passerelle. In Aleko rappresenta un interno in cui gli zingari sono raffigurati come membri di un circo ambulante. La struttura del capannone gitano persiste come inferno e Palazzo Malatesta per Paolo e Francesca. Responsabile per i costumi, Sturner, ha anche ideato abiti senza precise connotazioni temporali. Indubbiamente povera l'illuminazione di Henry Skelton e trascurabili i movimenti coreografici di Karel Vanek . L'orchestra, trascurando alcuni passaggi poco felici degli ottoni, ha svolto un lavoro encomiabile sotto la direzione di Ira Levin, che è stato in grado di portare a buon fine le due opere facendone emergere le qualità.

Sergei Leiferkus, cantando con grande nobiltà, bel timbro e interessante musicalità ha dato vita a due personaggi: Aleko e Lanceotto Malatesta. Irina Oknina (Zemfira e Francesca Malatesta) ha mostrato una voce omogenea, buon fraseggio e il giusto volume. Leonid Zakhozhaev era il giovane zingaro - amante di Zemfira - con voce potente e acuti sicuri in Aleko; un Dante corretto in Francesca da Rimini. Maxim Kuzmin-Karavaev è stato convincente come un vecchio zingaro prima e come Spirito di Virgilio poi. Hugh Smith, messo alla prova dalle esigenze di Paolo Malatesta, ha risposto sufficientemente, mentre Guadalupe Barrientos si è messa in evidenza nel breve ruolo della vecchia zingara in Aleko. Il coro diretto da Miguel Martinez ha contribuito alla eccellenza musicale della serata con la sua brillante partecipazione.

Buenos Aires, 21/05/2013. Teatro Colón. Serguei Rachmaninov: Aleko. Opera in un atto. Libretto di Vladimir Nemirovich-Danchenko, basato su I gitani, di Alexander Pushkin. Francesca da Rimini. Opera in un prologo, due atti e un epilogo. Libretto di Modest Ilich Chaikovski, basato sul Canto V dell'Inferno della Divina Commedia di Dante Alighieri. Teatro Colón. Silviu Purcarete,regia, Helmut Stürmer scene e costumi. Karel Vanek, coreografia. Rares Zaharia, drammaturgia. Jerry Skelton, luci. Sergei Leiferkus (Aleko e Lanciotto Malatesta), Irina Oknina (Zemfira e Francesca Malatesta), Leonid Zakhozhaev (Giovane gitano e Dante Alighieri), Maxim Kuzmin-Karavaev (Un vecchio e spirito di Virgilio), Hugh Smith (Paolo Malatesta) e Guadalupe Barrientos (Vecchia gitana). Orchestra e Coro del Teatro Colón. Maestro del coro: Miguel Martínez. Direzione musicale: Ira Levin.