L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Lo splendore di Theodora

di Ramón Jacques

La tournée per i quarant'anni dell'English Concert dall'Europa approda agli Stati Uniti e fa tappa a Costa Mesa, in California, con la splendida Theodora di Händel. L'oratorio, presentato in versione integrale, ha avuto protagonisti d'eccezione Dorothea Röschmann, David Daniels, Sarah Connolly e Kurth Streit.

Costa Mesa, 27 gennaio 2014 - The English Concert, orchestra britannica celebrata come una delle migliori nel campo della musica antica, celebra i suoi quarant'anni dalla nascita (fu fondata nel 1973 dal direttore e clavicembalista Trevor Pinnock) e lo fa con un tour in Nordamerica ed Europa dell'oratorio Theodora (HWV 68) di Händel, con un ottimo cast e nella sua versione integrale di quasi quattro ore di durata. Il tour ha incluso una tappa nella moderna sala di concerti Renée y Henry Segerstrom Concert Hall di Costa Mesa, (Orange County, California) nell'ambito della stagione della Philarmonic Society.

Theodora è poco rappresentata oggi, nonostante sia un capolavoro per la varietà di arie, lo sviluppo drammatico dei personaggi e i sentimenti che esprimono.

In alcuni casi l'oratorio è stato rappresentato come un'opera, e la versione più nota è quella di qualche anno fa del Festival di Glyndebourne, creata da Peter Sellars.

In questo caso l'esecuzione in forma oratoriale ha avuto drammaticità e forza con indimenticabili momenti musicali, come quelli regalatici da Dorothea Röschmann, una incisiva Theodora, dalla robusta voce brillante purezza vocale e una pronuncia chiarissima, con cui ha commosso l'auditorio nelle sue arie, fra cui “Oh, that I on wings could rise”, o nel duetto con Didymus, il controtenore David Daniels, il quale ha esibito eloquenza e profondità dando colore e fluidità al suo canto.

Il mezzosoprano Sarah Connolly ha sedotto tutti in ogni suo intervento, con la sua voce scura, impeccabile tecnica ed eleganza del fraseggio, dando un senso a ogni frase e aria del personaggio di Irene. Il tenore Kurt Streit ha conferito esperienza e autorità a Septimius, e il basso Neal Davis nonostante un canto non particolarmente raffinato, ha dato a sua volta l'autorità e credibilità necessarie a un personaggio come il governatore di Antiochia, Valens.

Harry Bicket, dirigendo dal cembalo, ha estratto tutto lo splendore musicale dalla partitura con un ensemble compatto che ha sottolineatoil dipanarsi della vicenda e degli affetti. Significativo e ottimo l'apporto del coro, The Choir of Trinity Wall Street.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brescia.
Registrazione n. 1/2015 del 26/01/2015
© 2015 L'ape musicale. Tutti i diritti riservati

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy

RECENSIONI  INTERVISTE NEWS 

TV RADIO e STREMING

VIDEO  TERZA PAGINA CORSI e CONCORSI 

CONTATTI

 

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.