L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Una storia seria

di Giuseppe Guggino

Gloria Staffieri

L’opera italiana

Dalle origini alle riforme del secolo dei Lumi (1590-1790)

447 pagine

Carocci editore, Roma, 2014

ISBN: 9788843071081

Compilare un compendio di “storia dell’opera” è impresa immane, rischiosa, centrifuga, se non altro per la vastità di filoni che si sarebbe costretti a seguire. Per i tipi di Carocci ci prova e ci riesce mirabilmente la bravissima Gloria Staffieri che, pur essendo studiosa particolarmente apprezzata nell’ambito del grand-opéra, dimostra d’essere in grado di dominare l’intero campo ad ampio spettro, con grande equilibrio e omogeneità di vedute.

Il tomo dato alle stampe copre la ricostruzione (peraltro molto accurata) della gestazione del genere, prima di quell’Orfeo monteverdiano del 1607, per arrestarsi ad un accenno alla trilogia Mozart-Da Ponte.

Tanti sono i pregi del profilo tracciato, intanto l’assenza di pedanterie, il giusto peso tra le varie componenti (libretto, drammaturgia, musica, aspetti organizzativi, aspetti di arte scenica e disposizioni scenografiche), l’approccio unitario che potrebbe essere un rischio ma che qui si rivela quale grande punto di forza grazie alla competenza della studiosa. Trovano giustamente spazio gli episodi che godono di una certa importanza storica alla quale non corrisponde un’altrettanta fortuna esecutiva in tempi moderni, sicché l’approfondimento della drammaturgia di Rospigliosi nelle stagioni barberiniane a Roma o la crucialità di Cavalli o di Pergolesi erodono non senza ragioni la preminenza che ci si aspetterebbe riservata agli Scarlatti e a Vivaldi.

La diversificazione del testo in un percorso fondamentale corredato da inserti in carattere più piccolo (caratterizzati da un maggior livello di approfondimento) configura il lavoro anche come manuale accademico a uso di studenti universitari; tuttavia l’originalità delle prospettive, la ricchissima e aggiornatissima bibliografia (e sitografia) lo rendono adatto ad uno spettro di fruizione piuttosto ampio.

La totale e intenzionale assenza di esempi musicali, preferendo a essi i rimandi a you tube, viceversa è indicativo di un arretramento cognitivo dei tempi moderni (non certo imputabile alla studiosa, che però vi si allinea); e questo costituisce uno dei due limiti della pubblicazione, mentre il secondo sta nella volontà di restringere a “l’opera italiana” il cono di visione in secoli nei quali il concetto di stato nazionale era tutt’altro che consolidato. In fondo a partire dall’800 una storia “italiana” dell’opera può avere senso, così come ce l’avrebbe una “tedesca”, “francese” e una per le opere in lingue slave, ma almeno dalla nascita al ‘700 la restrizione serve soltanto a evitare Haendel e la tregédie lyrique, con lo svantaggio di dover necessariamente accennare alle querelles francesi e alla riforma gluckiana.

Alla cura d’estensione si coniuga altrettanta cura editoriale, alla quale nulla può rimproverarsi se non, forse, l’assenza di un indice delle opere. Ed è la stessa cura che ci si attende di ritrovare nel secondo e ultimo volume in preparazione che da Rossini si arresterà al 1926 (quindi verosimilmente alla prima di Turandot) sperando che sortisca quanto prima, visto l’esito complessivamente felice della prima parte.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.