L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Plaisir d'amor

di Roberta Pedrotti

Si j'ai aimé

musiche di Berlioz, Bordes, Dubois, Duparc, Godard, Guilmant, Martini, Massenet, Pierné, Saint-Saëns, Vierne

Sandrine Piau, soprano

Julien Chauvin, primo violino e direttore

Le concert de la loge

registrazione effettuata neò marzo 2018 a Metz

CD Alpha Classics - Palazzetto Bru Zane, Alpha 445, 2019

La mélodie francese, come il Lied tedesco o la romanza italiana, richiama subito l'intimità del salotto, il pubblico raccolto intorno al cantante con uno strumento o piccolo ensemble. Certo, esistono arie da concerto, cantate, cicli liederistici di respiro sinfonico e hanno fra le loro punte di diamante capolavori di Mahler o Richard Strauss. Meno noto è questo sviluppo nella mélodie francese, se si eccettua forse Berlioz con le sue Nuit d'été. Ci sono, però, anche pagine di Saint-Saëns, Massenet, Godard, Duparc – giusto per fare qualche nome – che meritano d'esser conosciute e rispolverate.

Per fortuna, il Palazzetto Bru Zane non solo promuove e sostiene progetti di ricerca e riscoperta d'alto profilo nell'ambito della musica francese, ma sa anche intercettare la sensibilità di alcuni dei migliori interpreti per un programma scandito da ricordi, desideri e seduzioni amorose, fra pagine vocali o esclusivamente strumentali.

È il caso di Sandrine Piau, nata alle porte di Parigi, nota soprattutto nell'ambito barocco, ma da sempre appassionata della musica cameristica fra XIX e XX secolo. I due retaggi si combinano in una lettura di grande finezza d'articolazione, fluida, precisa, disinvoltamente agile in ogni profilo melodico, ben valorizzato dal tombro chiaro e dalla delicatezza dell'emissione; soprattutto un'interpretazione pensata nella parola, sempre chiarissima, franca nell'intenzione, eloquente nell'espressione. Così la mélodie, passando dal salotto al concerto, mantiene il suo carattere peculiare di cameo poetico intonato.

È il caso del Concert de la loge diretto da Julien Chauvin, che restituisce la straordinaria libertà espressiva di questa scrittura con suggestive sonorità d'epoca. Quello che è il rapporto fra voce e strumento nella liederistica più intima non muta di carattere, ma scopre nuove dimensioni timbriche, piani sonori e corrispondenti livelli semantici. Il lavoro di Berlioz sull'orchestrazione, distillato in un organico ridotto, non appare come una cattedrale nel deserto, ma si colloca in un ricco panorama in cui anche Saint-Saëns e Massenet elaborano soluzioni preziose cesellando miniature fuori dalla magniloquenza e dal pathos estremo del teatro e dell'oratorio, in cui nondimeno i vari Godard, Pierné, Dubois, Vierne, Duparc, Guilmant animano un panorama vivacissimo, raccogliendo, elaborando, rilanciando idee e stimoli. Occhieggiano sfumature impressioniste, profili novecenteschi, richiami al classico esplicitati nell'orchestrazione di Plaisir d'amour di Martini (1741-1816) curata da Berlioz. Il fascino indelebile dell'ariette all'ancienne sposa l'invenzione fantastica nata dalla romanticismo e destinata a fiorire, fruttare e gettar semi per diversi sentieri futuri.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.