L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Senza fiato

 di Carla Monni

Il noto musicista e compositore statunitense Terence Blanchard, con alle spalle oltre 30 album e 50 colonne sonore negli ultimi 25 anni o giù di lì – a partire da quelle composte per i film di Spike Lee, con il quale il trombettista di New Orleans vanta un lungo sodalizio – ha presentato al pubblico del Bologna Jazz Festival il suo ultimo disco Breathless, inciso per la Blue Note con l'E-Collective, una band elettrica in cui forte è il punto di incontro tra jazz, funk, R&B e fusion.

Bologna, 17 novembre 2015 – Prodotto nel maggio 2015 dall'etichetta discografica Blue Note, il trombettista Terence Blanchard e il suo collettivo – nato sotto la stella dei Jazz Messengers di Art Blakey, nei quali il trombettista sostituì proprio Wynton Marsalis, assumendo il ruolo di direttore musicale della band – presentano al pubblico del Bologna Jazz Festival l'album Breathless, un'esplorazione musicale ambiziosa, innovativa ed elettrizzante, che fonde jazz, funk, R&B e blues. Blanchard alla tromba, Charles Altura alla chitarra, Fabian Almazan al pianoforte, tastiera e synth, Donald Ramsey al basso elettrico e contrabbasso e Oscar Seaton alla batteria, in questo progetto archiviano per tredici brani lo stile hard bop, per tuffarsi nelle profonde acque blu del funk e della fusion, riecheggiando anche l'elettrico Miles Davis degli anni '70.

Il titolo dell'album ricorda le ultime parole del neroamericano Eric Garner, «I can't breath» (non riesco a respirare), pronunciate prima di essere soffocato a morte da alcuni membri della polizia newyorkese lo scorso anno. Ancora un album ispirato a una tragedia umana per il trombettista – il primo fu A Tale of God's Will (A Requiem for Katrina), composto in risposta all'uragano Katrina – in cui ci si sofferma sulla morte di uomini afroamericani per mano della polizia.

In Blanchard prendono vita rabbia, frustrazione e ansia che si trasformano in un moderno sound elettronico inzuppato dentro un jazz contemporaneo, arricchito anche da testi poetici sui diritti civili e la giustizia. Quella del trombettista è una protesta che evita comunque lo stridore ovvio, ma piuttosto si palesa grazie alla musica, parlata come nel suggestivo Talk to Me o in Breathless, in cui centrale è la frase «This land is my land, or so they say» (Questa terra è la mia terra, o così dicono), intonata dal figlio di Blanchard Oliver, concludendosi con la tromba che non trova pace e via di uscita, mentre la voce intona «We can’t breathe» (Non possiamo respirare).

Il disco pullula anche di melodie cantate (Shutting Down) o “urlate” strumentalmente come in See Me As I Am, in cui prevale l'improvvisazione equilibrata del leader sotto un groove decisamente lento e raccolto, dove determinanti sono gli stacchi della batteria di Seaton; brano che racconta l'ennesima storia di un neroamericano, Walter Scott, che inerme è stato colpito a morte nel Sud della Carolina mentre correva sfuggendo alle grinfie dell'ufficiale Michael Slager. Soldier è invece dominato dalle tastiere di Almazan, su cui si muove tutta la potenza e l'energia della tromba di Blanchard e un beat funk disegnato dalle linee di basso incalzanti e ripetitive di Ramsey e i riff taglienti e sincopati della chitarra di Altura.

Non mancano inoltre brani decisamente rilassati come Samadhi che pone l'accento sulla passione del trombettista per la meditazione o piuttosto impetuosi come il futuristico Cosmic Warrior circondato da un'atmosfera heavy metal. E ancora Confident Selflessness che pone l'accento sulla band nel suo insieme, brano di ispirazione buddista.

Il disco si fa portatore di un messaggio, tramite di una lotta per i diritti civili, tema ancora attuale che Blanchard rivendica con la propria musica, una musica che trascina lo spettatore lasciandolo “senza fiato”, e che – a prescindere dalla sua bellezza e creatività – fa discutere. Il trombettista «used to be one of those idealistic people that think that discussions will change culture».


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.