L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

 

 

 

la grotta di trofonio

Aria di gioventù

 di Gustavo Gabriel Otero

La grotta di Trofonio di Salieri coinvolge un pubblico variegato nella stagione della Ópera de Cámara del Teatro Colón.

lee en español

Buenos Aires, 30/04/2017 - La Ópera de Cámara del Teatro Colón è nata nel 1967; istituita ufficialmente nel 1969 ha ripreso, dopo diversi anni, la sua attività nel 2002 con la produzione dell'Occasione fa il ladro di Rossini. Nel 2004 si sono cominciate a realizzare tournée all'interno del Paese presentando diversi titoli. Un nuovo periodo di discontinuità a preceduto la riapertura nel 2016.

I principi fondamentali della Ópera de Cámara sono coinvolgere nuovo e diverso pubblico, promuovere giovani artisti. 

Le compagnie di canto hanno come punto di forza l'omogeneità, la gioventù e la versatilità scenica. A sua volta, rivolgendosi ad ambiti diversi non legati necessariamente all'opera, si verifica un gradito rinnovamento del pubblico. 

Per questa produzione della Grotta di Trofonio di Salieri, Diego Cosin, regista, ha impostato un'estetica tributaria del teatro comico, attuando un'ottima gestione delle dinamiche teatrali, una perfetta caratterizzazione dei personaggi e un risultato visivo accattivante. La scena, con vaghe allusioni alla Grecia anticaa, di Gastón Joubert è risultata perfetta, mentre le proiezioni di Natalio Ríos sono state cornice cangiante, chiara e intelligente. Dell'abituale qualità le luci di Rubén Conde, mentre i costumi di Isabel Guai si sono distinti per spirito arguto e coesione con l'estetica generale; discorso a parte meritano le acconciature, di eccellente fattura.

Martín Sotelo ha diretto con mano sicura, ottenendo dall'orchestra un buon risultato e adeguata coerenza stilistica.

Il cast ancora una volta si è distinto per omogeneità, e, se dobbiamo citare qualcuno in particolare, potrebbe essere (Dori) per la qualità e la sicurezza musicale come per la disinvoltura scenica.

Trinidad Goyeneche (Ofelia) si è disimpegnata con aplomb, Walter Schwarz ha dato autorevolezza al padre delle due innamorate (Aristone), Luciano Miotto è stato un potente Trofonio, mentre Josué Miranda (Artemidoro) e Mariano Fernández Bustinza (Plistene) hanno dimostrato vocalità ben timbrate e fraseggio espressivo nel caratterizzare i due amanti. 

Crédito Fotográfico: Máximo Parpagnoli. Gentileza Ópera de Cámara del Teatro Colón.