L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

 

 

 

diana damrau, nicolas teste

Gli antichi splendori

 di Gustavo Gabriel Otero

Il recital di Diana Damrau, affiancata più che degnamente dal marito Nicolas Testé, riporta per una sera il Colón ai tempi in cui gli artisti internazionali erano di casa a Buenos Aires.

en español

BUENOS AIRES, 27 aprile 2017 - Il pubblico del Teatro Colón è avido di quegli artisti internazionali che fino a qualche anno fa erano di casa a Buenos Aires. Va da sé, dunque, la magnifica accoglienza riservata a questo concerto che ha segnato il debutto locale del soprano tedesco Diana Damrau insieme con il marito, il basso baritono Nicolás Testé.

Il recital era compreso nel ciclo, per lo più sinfonico, in abbonamento della Orquesta Filarmónica de Buenos Aires e la partecipazione dei professori è stata di livello adeguato, considerando che non si tratta di un organico avvezzo ad accompagnare cantanti. Sicuramente la bacchetta avvezza al repertorio lirico del maestro Mario Perusso è stata la chiave per questa soddisfacente prestazione. fue la clave de la muy solvente prestación musical.

La combinazione della voce sopranile con quella più grave maschile non è molto comune nei recital operistici. Si è optato, dunque, per diversi brani solistici e un solo duetto per concludere: quello da Porgy and Bess, di Gershwin. Ad ogni modo il programma è risultato accattivante, diversificato e con pezzi poco consueti. 

Dopo la sinfonia della Gazza ladra, Damrau ha fatto il suo ingresso salutata da un'ovazione già prima di emettere una sola nota. Lampante dimostrazione dell'eco dei successi della sua luminosa carriera. Per tutta risposta è giunta "Una voce poco fa" dal barbiere rossiniano con acuti notevoli, simpatia, spontaneità e qualche passo di danza.  Il suo secondo brano, "Nobles Seigneurs", assolo del paggio Urbain di Les Huguenots di Meyerbeer (concepito per soprano e solo in seguito adattato per contralto con l'inserimento di un'altra aria, "Non, vous n'avez jamais, je gage") è stato reso da Diana Damrau con buona dizione e perfette colorature.

Il basso barítono francese Nicolás Testé non è stato assolutamente una mera spalla per il soprano, guadagnando un meritato riconoscimento nel corso della serata, benché fosse evidente che la Diva era Damrau - con quattro cambi d'abito: rosso, nero, azzurro e ancora rosso - e Testé un artista assai pregevole

Nicolás Testé da una corretta Calunnia del Barbiere è passato a Les Huguenots con "Pif, Paf" con eleganza e stile, ma è stato con "Elle ne m'aime pas" del Don Carlos - forse per la prima volta presentato nell'originale francese nella sala del Colón - che ha toccato il suo momento migliore per interpretazione, sicurezza, accenti commuoventi. 

Nella seconda parte Testé ha completato una tavolozza ben assortita di personaggi con l'aria del Duca d'Arcos "Di sposo di padre" da Salvator Rosa di Antonio Carlos Gomes, e "Si, morir ella de'" di Alvise Badoero, da La Gioconda di Ponchielli, sempre cantate con precisione, stile e buon gusto.

Il programma è stato completato dai ballabili della Nuit de Walpurgis da Faust di Gounod, dal Baccanal di Samson et Dalila di Saint-Saëns e dall'ouverture di Candide, di Leonard Bernstein, tutte pagine in cui la Orquesta Filarmónica de Buenos Aires  ha offerto buone prestazioni, benché qualche sfasamento non sia mancato.

Diana Damrau con il suo grande carisma scenico ha interpretato anche un'esemplare "Amour, ranime mon courage", da Roméo et Juliette di Gounod, che ha chiuso la prima parte. Una sentita "Ombre légère" da Dinorah di Giacomo Meyerbeer e una travolgente "Ah, rendetemi la speme... Vien diletto" dai Puritani di Bellini, un altro apice della serata in cui ha conferito a Elvira accenti commuoventi ascendendo senza sforzo alle note sovracute.

Con "Bess you is my woman now" da Porgy and Bess di Gershwin i solisti hanno suggellato il recital e di fronte all'insistenza del pubblico hanno intonato ancora un'aria a tesa e un altro duetto: "O mio babbino caro" e "Vecchia zimarra" di Puccini e Somewhere da West Side Story di Leonard Bernstein.

Con le ovazioni di una sala pressoché esaurita si è chiusa una serata in cui il Colón è tornato agli antichi splendori offrendo sul suo palcoscenico la presenza di uno dei soprani più eclatanti del panorama attuale: Diana Damrau affiancata da un efficacissimo Nicolás Testé.