L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

.

 

 

 

 

Indice articoli

Le voci delle Stagioni

 di Gustavo Gabriel Otero

 Si impongono ottime voci nell'oratorio di Haydn al Teatro Colon diretto in maniera poco convincente da Carmen Moral.

en español

BUENOS AIRES, 2 novembre 2018 - Nella stagione operistica del Teatro Colón è stato inserito l'oratorio  Le stagioni (Die Jahreszeiten) di Haydn, presentato con correttezza in un'edizione che poneva in rislato le voci soliste rispetto a una bacchetta poco ispirata.

Il soprano Daniela Tabernig (Hanna) ha dipanato la sua splendida vocalità lirica, la sottigliezza della sua tavolozza di chiaroscuri espressivi e la sua pura linea di canto, nonché la giusta potenza e una squisita presenza scenica.

Il baritono Hernán Iturralde (Simón) ha interpretato la sua parte con aplomb, bel timbro, immacolata dizione, perfetta intenzione nell'accento.

Il tenore Carlos Ullán (Lucas), specialista in questo repertorio, si è messo in luce per la partecipazione e l'omogeneità fra i registri.

Il Coro Stabile ha svolto un buon lavoro, per quanto si potesse desiderare un po' più di adesione stilistica.

La direttrice peruviana Carmen Moral ha offerto una lettura basilare della partitura, con una gestualità imprecisa che si realizza in un'esecuzione piatta e con varie sfasature.

In questo contesto l'orchestra ha risposta onestamente e merita una menzione l'impegno al cembalo di Manuel De Olaso.

foto Arnaldo Colombaroli

Teatro Colón. Joseph Haydn: Die Jahreszeiten (Le stagioni). Oratorio in quattro parti. Testo di Gottfried van Zwieten dal poema Les saisons di James Thomson. Solisti: Daniela Tabernig (Hanna), Carlos Ullán (Lucas), Hernán Iturralde (Simón). Orchestra e Coro stabili del Teatro Colón. Maestro del Coro: Miguel Fabián Martínez. Direzione musicale: Carmen Moral.


 

Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal