L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

.

 

 

 

 

Puccini in salute

di Francesco Lora

Con l’aggiunta del Tabarro a Firenze, è finalmente completato il Trittico secondo Denis Krief, già avviato a Cagliari e Lucca. Eccellente la concertazione di Valerio Galli e notevole, in particolare, l’apporto interpretativo di Maria José Siri e Anna Maria Chiuri.

FIRENZE, 15 novembre 2019 – Il trittico di Puccini secondo la lettura teatrale di Denis Krief – artefice su tutti i fronti, come del resto è suo solito: regìa, scene, costumi e luci – è un allestimento curiosamente nato a poco a poco, dal secondo al terzo fino al primo atto unico che compongono l’intero lavoro. Suor Angelica è andata in scena nel marzo 2018 al Teatro Lirico di Cagliari, disgregata dal resto del trittico e giustapposta in dittico a Turandot di Busoni; nell’ottobre successivo, il Teatro del Giglio di Lucca ha lasciato Busoni in Sardegna e ha promosso un Gianni Schicchi che prendesse la mano sinistra di Suor Angelica; il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino ha infine completato il percorso, unendosi alla coproduzione e aggiungendo in testa a tutto il mancante Tabarro: le quattro applauditissime recite del 15-23 novembre valgono molte informazioni.

Informazioni sullo stato di salute del teatro. Allestire Il trittico, con le sue tre ore di musica densa, la sua quarantina di personaggi e le sue drammaturgie complementari, significa uno sforzo importante e dimostra qui più di un merito: l’intraprendenza artistica (assistere ai tre atti insieme è un privilegio), la capacità organizzativa (allestirli con alto esito non avviene per caso), la responsabilità educativa (il pubblico riceve un impegnato atto culturale) e l’investimento economico (virtuoso, vista la progressiva cordata di tre teatri). Sala piena e partecipe, benché Il trittico non sia popolare quanto La bohème, e in barba alla grave crisi di pubblico – dunque superata – che ha afflitto il MMF negli ultimi lustri; la nuova sovrintendenza sappia tenerne conto, allorché annuncia il rincaro dei biglietti e la priorità al turismo internazionale: ricordi che il teatro ha appena ritrovato la città.

Alla maniera di Krief, si può fare uno spettacolo completo anche con un dispendio limitato: lo stesso impianto scenico diviene l’orizzontale scafo del battello nel Tabarro, la verticale muratura del monastero in Suor Angelica e l’affaccio dell’abitazione su Firenze in Gianni Schicchi. Non c’è bisogno che i costumi caratterizzino con prepotenza i personaggi – Il trittico implica, del resto, il livellamento delle suore nelle loro tonache – se la messinscena riceve valore da un semplice ma caparbio lavoro con gli attori. L’orecchio, poi, ammira quanto e più dell’occhio: specialista pucciniano, il concertatore Valerio Galli conosce sì la vividezza di passo drammatico e tinte strumentali del repertorio verista, ma sa pure esaltarvi, senza calligrafismi, le preziosità fraseologiche e le opalescenze orchestrali, ossia il debito di Puccini alla Francia non solo naturalista ma anche impressionista e simbolista.

Tanto importante e smaltata nel canto quanto comunicativa e genuina nel porgere, Maria José Siri domina lo spettacolo come Giorgetta e Suor Angelica. Nel Tabarro la affiancano il protervo Michele di Franco Vassallo, lo spavaldo Luigi di Angelo Villari e la vulcanica Frugola di Anna Maria Chiuri, che passa poi nei due atti successivi come granitica Zia Principessa e sorniona Zita: un capolavoro di camaleontismo attoriale attraverso una vocalità invariabilmente sontuosa e inconfondibile. Opinabilità nel solo Gianni Schicchi sugli interpreti delle prime parti: il protagonista Bruno De Simone è infatti sì una sapiente macchina comica, ma il suo bacino d’elezione sarebbe l’opera napoletana del Settecento, mentre Dave Monaco e Francesca Longari, come Rinuccio e Lauretta, recano sì la freschezza giovanile, ma forse non ancora spalle forti per le rispettive, perigliose romanze.


 

Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal