L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Indice articoli

La Biblioteca

La conquista di Alessandria, soprattutto, rende quasi inevitabile per la condottiera il riferimento a Cleopatra, e altrettanto inevitabile per Roma l'esercizio retorico, di segno inverso, sul rinnovarsi dell'insidia orientale. E la nuova guerra in Egitto contro la nuova Cleopatra compie ciò che una tradizione aveva malamente attribuito ai soldati di Giulio Cesare: la rovina della Biblioteca. Come Luciano Canfora ha inequivocabilmente argomentato (La biblioteca scomparsa, Sellerio 1986), infatti, non fu la Biblioteca ad andare in fiamme nel 48/47 a. C., bensì un magazzino attiguo al porto, che fra le sue merci contava anche rotoli di papiro e testi destinati all'esportazione. Viceversa è attestato che la guerra fra Aureliano e Zenobia (Ammiano Marcellino, Storie, XXII, 16, 15) devastò l'intero quartiere del Bruchion, ove si trovava la Biblioteca. Il testo latino fa, però, riferimento solo a contese e rivolte conclusesi sotto Aureliano, senza citare esplicitamente l'impresa palmirena: “Sed Alexandria ipsa non sensim, ut aliae urbes, sed inter initia prima aucta per spatiosos ambitus, internisque seditionibus diu aspere fatigata, ad ultimum multis post annis Aureliano imperium agente, civilibus iurgiis ad certamina interneciva prolapsis dirutisque moenibus amisit regionis maximam partem, quae Bruchion appellabatur, diuturnum praestantium hominum domicilium.”

Fra una sovrana poliglotta accompagnata da un consigliere soprannominato “biblioteca vivente”, desiderosa di farsi riconoscere come erede dei Tolomei e imperatrice d'Oriente e un militare di modeste origini che rinsaldò il suo potere e quello dell'impero essenzialmente con la forza delle armi e delle fortificazioni, sembrerebbe perfino scontato supporre chi possa aver usato una qualche cura verso i templi del sapere alessandrino, magari anche trasferendo testi – originali o copie – in patria, e chi abbia messo a ferro e fuoco la città con l'unica preoccupazione di estirpare il pericolo secessionista.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brescia.
Registrazione n. 1/2015 del 26/01/2015
© 2015 L'ape musicale. Tutti i diritti riservati

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy

RECENSIONI  INTERVISTE NEWS 

TV RADIO e STREMING

VIDEO  TERZA PAGINA CORSI e CONCORSI 

CONTATTI

 

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.