L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

L’opera per i bambini, secondo i bambini

di Marlén Valiente Peregrín e Olmo Valiente Peregrín (con un piccolo aiuto del nonno Fernando Peregrín Gutiérrez)

Nel momento in cui, passo dopo passo, si prepara la ripartenza dei teatri, dei festival, delle sale da concerto, concentriamo l'attenzione sulle giovani generazioni in prospettiva internazionale. Fernando Peregrín ha accompagnato i nipoti al Teatro alla Scala di Milano e al Gran Teatro del Liceu de Barcelona per due spettacoli rossiniani dedicati ai più piccoli proprio poco prima della pandemia. Ora condivide con noi le impressioni di Marlén e Olmo, nei loro primi incontri con l'opera.

È ben noto che ci sono opere che non hanno bisogno di adattamento perché i bambini possano capire e divertirsi guardandole come un sono. Alcuni esempi notevoli sono Hänsel und Gretel, L’enfant et les sortilèges, Amahl and the Night Visitors e El retablo de Maese Pedro. Tutti, tranne la classica di Engelbert Humperdink, hanno una caratteristica comune: la loro durata è inferiore a sessanta minuti.

Dagli anni '80 in poi, c'è stata un'importante attività creativa di opere per bambini, principalmente in paesi con lingue germaniche (inglese e tedesco, in particolare). Citiamo come esempi La figlia del mago (1981), The adventures of Pinocchio (2007), Il piccolo principe (2003), The Firework-Maker Daughter (2013), Peter Pan (2013), Pollicino (1980) e Ronja Räubert Tochter ( 2015).

Queste opere sono generalmente composte per piccole compagnie private, spesso specializzate in tour e spettacoli per le scuole, e che sono principalmente finanziate da donazioni da parte di un pubblico colto e da parte di fondazioni filantropiche che assegnano fondi per la promozione delle arti. Una di queste compagnie più anziane con più recite annuali è la Opera for the Young (OFTY, 1970, a Madison, WI, Stati Uniti).

Dall'inizio di questo secolo, i grandi teatri pubblici che ricevono importanti sussidi dai governi centrali e regionali di ogni paese (cosa che si verifica in misura molto minore negli Stati Uniti, dove la sponsorizzazione proviene principalmente dal settore privato), si sono resi conto della necessità di rinnovare il pubblico amante del teatro lirico e hanno creato spettacoli speciali nelle loro stagioni per attirare gli spettatori più giovani, di solito dai 6 agli 8 anni o più. Si tratta di adattare le opere più popolari del grande repertorio lirico occidentale in modo che i bambini possano conoscere e divertirsi.

La concezione di questi adattamenti può variare, ma in generale, la durata di questi spettacoli è ridotta a circa 60-80 minuti e le arie più famose e attraenti per i bambini vengono conservate. La trama è di solito narrata in modo semplice e abbreviato, a volte da un attore che rappresenta lo stesso compositore.

In Germania e Austria è dove questi progetti per formare le generazioni future di amanti dell’opera sono maggiormente sviluppati. Quasi tutti i teatri d'opera delle capitali e delle province hanno già formato un repertorio di Oper für Kinder, che comprende principalmente Die Zauberflöte, Hänsel und Gretel, Die Entfürung aus dem Serail, Le nozze di Figaro. La bohème, Carmen e Peter und der Wolf (tutte Für Kinder e in tedesco).

Un altro progetto degno di nota in Germania è il Richard Wagner Für Kinder, un'iniziativa di Katharina Wagner, iniziata con Der Fliegende Höllader fúr Kinder (2009).

Quasi tutti i teatri lirici in Italia hanno già i loro programmi per ogni stagione di Opera per i bambini. È il caso del Teatro Massimo di Palermo, di Opera Lombardia, del Regio di Torino, del Teatro dell'Opera di Roma o del Maggio Musicale fiorentino.

Fra questi, c'è anche il progetto del Teatro alla Scala, Grandi Opere per Piccoli, iniziato nella stagione 2014/2015 con Cenerentola per i bambini. Visto il grande successo di questa iniziativa, è stata recentemente realizzata una nuova produzione: L’elisir d’amore per i bambini.

Penso che, in questa intensa attività per attirare i bambini nei teatri lirici, sia opportuno lasciare che i bambini raccontino a noi, adulti fan dell’opera, la loro visione di questi spettacoli pensati per loro.

In Spagna, il Liceu de Barcelona è stato in vantaggio rispetto agli altri teatri lirici e con il titolo di El petit Liceu ha creato un repertorio che include già titoli come El joven barbero de Sevilla, La pequeña flauta mágica, Guillermo Tell, e per questa stagione Romeo y Julieta en el mágico laberinto, tutte in versione catalana.

Ma è giunto il momento di dare la parola a Olmo e Marlén, rispettivamente 12 e 10 anni, per offrirci, con la loro visione dei bambini, la loro esperienza di El joven barbero de Sevilla al Liceu de Barcelona.

Per rendere le cose più facili per loro, il nonno, orgoglioso di vedere la terza generazione Peregrín di amanti dell'Opera, ha preparato un questionario le cui domande e risposte le riproduco di seguito (la revisione e modifica dei suoi commenti è stata il minimo necessario per una facile lettura)

(dicembre 2019)

Conoscevi già alcune arie o parti di questa opera buffa?

Olmo: No nonno, ma li ho trovati carini e i cantanti hanno cantato abbastanza bene in generale.

Marlén: No, ma mi è piaciuta la 'cancion' di Figaro. E' stata cantata con una voce molto chiara e comprensibile. Così chiara che la melodia è parsa ben intelligibile.

Quale musica ti è piaciuta di più, quella del Barbiere di Siviglia o quella di Cenerentola che hai visto a Milano, alla Scala? (se ricordi la musica di La cenerentola).

Olmo: Cenerentola mi è piaciuta molto, anche se non la ricordo molto bene, e invece non mi è piaciuto altrettanto El joven barbero de Sevilla.

Marlén: La 'cancion' di Figaro del Barbiere di Siviglia perché non ricordo molto della Cenerentola, tranne il sestetto, “Questo è un nodo avviluppato” che abbiamo ascoltato di nuovo ieri con la mamma.

Cosa hai pensato delle scenografie? Cosa ha attirato maggiormente la tua attenzione?

Olmo: Erano molto carine, ma penso che mancassero un po' di lucentezza e colore per renderle più allegri e assomigliare di più a Siviglia

Marlén: Erano un po 'noiose ma abbastanza funzionali. Ciò che ha attirato maggiormente la mia attenzione è stata la porta perché ci ha permesso di separare le diverse azioni.

Come hanno agito gli interpreti principali? Hai trovato qualche scena divertente? Hai trovato un'opera comica divertente?

Olmo: La recita è stata molto buona e ho pensato che fosse un'opera divertente. Non ricordo una scena specifica, ma ricordo le risate del pubblico e soprattutto era molto divertente.

Marlén: Bene, gli interpreti sono adattati ai loro ruoli e hanno trasmesso il loro amore per l'opera al pubblico. Sembrava divertente perché gli altri spettatori ridevano spesso. La cosa brutta è che non abbiamo capito nulla perché è stato cantato e sottotitolato soltanto in catalano.

Quale cantante ti è piaciuto di più?

Olmo: Personalmente mi è sembrato che Figaro fosse un po' sopra gli altri e mi è piaciuto molto come si è comportato

Marlén: Io, che conosco di più la musica di mio fratello, ho apprezzato la donna delle pulizie Berta e Don Bartolo, il medico.

Ti è piaciuto il suono dell'orchestra? E quello del coro?

Olmo: Il coro era molto buono e anche l'orchestra, inoltre ho pensato che fosse una delle cose migliori dell'opera

Marlén: L'orchestra ha prodotto un suono delicato e armonioso. Mi è davvero piaciuto che fossero tutti ragazzi molto giovani. Tuttavia, non ho ascoltato il coro nel finale.

Ti è piaciuto che tutto fosse in catalano e che le arie non fossero in italiano e che non ci fossero sopratitoli in castigliano? Hai capito bene dell'azione teatrale dell'opera?

Olmo: Ho capito le cose principali perché sto imparando il catalano, ma che non ci fosse uno schermo con sottotitoli in spagnolo era uno dei pochi difetti dell'opera.

Marlén: La verità è che non ho scoperto nulla perché era tutto in catalano. (E la stessa cosa è successa a Olmo e ai miei genitori). Se almeno avessimo potuto seguire la storia con i sottotitoli spagnoli, avremmo capito la storia.

[Nonno: due punti da notare qui. In primo luogo, che il Liceu ha una versione in castigliano da offrire quando “se hacen bolos” (rappesentazione di provincia informale e noncurante; detto così dallo stesso Liceu) per il resto della Spagna. E in secondo luogo, tenendo presente che il castigliano è la lingua materna di oltre il 52% della popolazione della Catalogna, mi pare che per considerazione a questa oltre la metà dei catalani avrebbe valsa la pena sopratitolare in castigliano]


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.