L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Per la dignità del lavoro

Riceviamo e volentieri condividiamo l'appello di Assolirica per il sostegno ai lavoratori del settore e per la dignità delle professioni dello spettacolo dal vivo.

Assolirica , l’Associazione di categoria che rappresenta la grande maggioranza degli Artisti lirici italiani - intendendo con questi cantanti lirici, direttori d’orchestra, registi, scenografi, costumisti, e in generale i liberi professionisti connessi alla rappresentazione dell’opera lirica, desidera formulare un doveroso appello su un problema che temiamo non sia stato capito appieno e pertanto non ancora affrontato. Fin dall’inizio della grande emergenza Covid, infatti il nostro settore non ha potuto ottenere alcuno dai sussidi messi in campo in maniera davvero copiosa dal governo. In realtà, per essere più precisi ed onesti, ha beneficiato dei bonus lavoratori dello spettacolo forse il 5 % degli appartenenti al nostro settore di P.IVA dello spettacolo. L’altro 95 % ne è stato escluso per una serie di paletti incrociati assai restrittivi sul reddito, che denotano da parte del normatore una scarsa conoscenza della atipicità dei nostri contratti, e per l’impossibilità per molti di raggiungere le giornate minime contributive, a causa sia dell’intermittenza del nostro lavoro sia del suo carattere internazionale. Infatti buona parte dei nostri contratti, saltuari e non continuativi, si svolgono anche all’estero, ma le relative trattenute previdenziali non vengono riconosciute dall’Inps.

NON vogliamo in alcun modo discutere le decisioni prese nell ’ultimo DPCM. Crediamo assolutamente alla necessità delle misure prese, anche se colpiscono duramente la nostra categoria, che, teniamo a specificare, non è quella dei dipendenti delle Fondazioni Lirico-Sinfoniche, ma quella dei liberi professionisti a partita IVA . I solisti, gli interpreti, i team creativi però sono coloro senza i quali gli spettacoli non andrebbero mai in scena.

NON vogliamo in questa sede neppure lanciare appelli sulla funzione del teatro e della cultura per una società civile. Ne sono stati fatti già molti e da parte di professionisti di fama internazionale, per cui sarebbe inutile e sterile ripeterlo,

MA non possiamo non notare come, risposta data dal presidente del Consiglio Conte al Maestro Muti, si sottolinei che sottoscrizione al DPCM del 25 ottobre, sia avvenuta solo “dopo le verifiche fatte presso il Ministero dell’Economia e con la Ragioneria generale dello Stato” atte a garantire la possibilità”…di erogare agli operatori economici e ai lavoratori colpiti dalle nuove norme ristori immediati e misure di sostegno”.

E qui sta il punto che ci preme sottolineare. Non vorremmo che si ripetesse ciò che è già avvenuto da marzo in poi: noi, che non siamo operatori economici e neppure lavoratori subordinati, rischiamo, per l’ennesima volta, di essere l’unica categoria totalmente esclusa da forme di sussidio o ristoro, pur essendo la nostra una categoria di professionisti di altissima specializzazione. I nostri contratti perduti infatti non sono quasi mai stati riposizionati, non sono state riconosciute, neppure in maniera figurativa, le giornate contributive che ci avrebbero consentito almeno di non perdere totalmente un anno di contributi. Ma soprattutto, essendo noi lavoratori intermittenti, sia per la specificità intrinseca del lavoro, che per i ritardi clamorosi, anche di due anni, con cui in Italia vengono saldate le nostre competenze, ci ritroviamo ora a reddito zero, sia che avessimo come previsione di guadagno 20.000 € sia che ne avessimo 100.000€. A zero siamo e a zero rischiamo di rimanere, inventandoci ognuno, per quel che si può, un altro lavoro, avendo come tutti la necessità di pagare mutui, affitti, bollette o spese universitarie per i figli.

Noi che siamo coloro senza i quali un’opera lirica NON può andare in scena, e siamo anche quelli per cui l’Opera lirica è stata scritta, saremo gli unici a non essere riconosciuti ed inseriti nei ristori di cui si parla in questi giorni.

Non vogliamo assolutamente che si scateni una guerra tra poveri, ma vorremmo ancora ricordare che tutti i lavoratori subordinati nel nostro settore, sono stati, in una maniera o nell ’altra, garantiti in questi mesi. Noi no. Forse perché siamo considerati dei ricchi privilegiati (e non neghiamo che forse il 5 % di noi ha redditi davvero importanti), ma la stragrande maggioranza vive del proprio lavoro saltuario in maniera del tutto analoga agli altri lavoratori, anzi spesso con ricavi annuali inferiori ai dipendenti delle Fondazioni Liriche sinfoniche, giustamente tenute in vita dal Suo Governo, come bene irrinunciabile in un paese, l’Italia, che è patria della Lirica nel mondo.

Tutto ciò per augurarci di cuore che in questa nuova terribile crisi che sta modificando le nostre vite, ci sia spazio per riconoscere anche a gli artisti lirici una dignità ed un posto tra coloro che dovranno essere aiutati e sostenuti. A marzo abbiamo ben compreso come si sia lavorato nell’emergenza e come certe inevitabili contraddizioni si siano potute verificare. Ora però il proseguire sulla stessa strada non sarebbe più comprensibile e danneggerebbe per sempre l’intero settore della cultura musicale d’eccellenza italiana.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brescia.
Registrazione n. 1/2015 del 26/01/2015
© 2015 L'ape musicale. Tutti i diritti riservati

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy

RECENSIONI  INTERVISTE NEWS 

TV RADIO e STREMING

VIDEO  TERZA PAGINA CORSI e CONCORSI 

CONTATTI

 

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.