L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

 

 

 

larissa wissel

Aspettando la stagione d'opera

Rabbia e follia

Sabato 20 maggio 2017 ore 18.00

Salone delle Scenografie

Sabato 20 maggio 2017, alle ore 18.00, la Fondazione del Teatro Grande organizza, nel Salone delle Scenografie, il terzo e conclusivo appuntamento della rassegna Aspettando la Stagione d’Opera, che avrà per tema Rabbia e Follia.

La proposta del Teatro Grande è ideata allo scopo sia di anticipare i temi del cartellone d’opera 2017, tradizionalmente organizzato nei mesi autunnali, da ottobre a dicembre, che di investire nel talento di giovani artisti che faranno parte dei cast del cartellone 2017.

Dopo il successo dei precedenti appuntamenti che hanno incontrato un alto gradimento da parte del pubblico, la rassegna prosegue all’insegna del tema sentimentale, affrontato nelle sue più diverse declinazioni. Per questa occasione il Maestro Alessandro Trebeschi accompagnerà al pianoforte il baritono Matteo Jin e il soprano Larissa Alice Wissel. La storia artistica di quest’ultima è strettamente legata al Teatro Grande poichè la Wissel ha debuttato in pubblico proprio durante una delle prime edizioni della Festa dell’Opera: da quel momento è iniziato il suo successo che oggi raggiunge alcuni tra i più importanti Teatri italiani.

Gli artisti saranno impegnati in un programma che affronterà i sentimenti più estremi dell’opera, come delirio e collera, ira e pazzia, presentati in un crescendo che vedrà susseguirsi pagini celebri del panorama lirico. Nel ricco programma del 20 maggio saranno proposti anche brani tratti dal Rigoletto di Giuseppe Verdi, uno dei titoli del cartellone 2017.

I biglietti sono in vendita presso la Biglietteria del Teatro Grande esui siti teatrogrande.it e vivaticket.it. Gli orari di apertura della Biglietteria del Teatro Grande sono i consueti: dal martedì al venerdì dalle 13.30 alle 19.00 e il sabato dalle 15.30 alle 19.00.

L’accesso al Salone delle Scenografie è previsto da via Paganora 19. 

INFORMAZIONI DI BIGLIETTERIA

BIGLIETTI   

POSTO UNICO INTERO 15,00 euro | INTERO TGC** 13,00 euro |  RIDOTTO* 10,00 euro | RIDOTTO TGC** 8,50 euro

---------------------------

* riservato agli under30 e agli over65 - ** riservato ai possessori della TeatroGrandeCard

RABBIA E FOLLIA

Sabato 20 maggio 2017 ore 18.00
Salone delle Scenografie

 

ARTISTI

Larissa Alice Wissel – soprano

Matteo Jin – baritono

Alessandro Trebeschi– pianista

PROGRAMMA 

Wolfgang Amadeus Mozart da Idomeneo  "Tutte nel cor vi sento"
Gaetano Donizetti da Lucia di Lammermoor "Cruda, funesta smania"
Vincenzo Bellini da Il Pirata  "Oh! S’io potessi… Col sorriso d’innocenza…Oh, sole! Ti vela"

Giuseppe Verdi da Nabucco  "Dio di Giuda"
Franz Liszt Reminiscenze da Lucia di LammermoorS 397
Ambroise Thomas da Hamlet  "À vos yeux, mes amis"
Giuseppe Verdi da Un ballo in maschera  "Eri tu che macchiavi quell’anima"
Maurice Ravel  Jeux d’eau
Wolfgang Amadeus Mozart  "Misera, dove son!… Ah! Non son io che parlo", K 369
Giuseppe Verdi da Rigoletto "Cortigiani, vil razza dannata"
Giuseppe Verdi da Rigoletto  "Tutte le feste al tempio… Sì, vendetta"

 

LARISSA ALICE WISSEL

Soprano lirico leggero, inizia all’étà di sei anni lo studio del violino e del pianoforte a Las Palmas di Gran Canaria. Riceve le prime lezioni di canto dal Prof. Helmut Lips a Stoccarda. A tredici anni ottiene a Berlino la borsa di studio per giovani talenti de Julius Stern Institut ed entra nella Universität der Künste come giovane studentessa di canto lirico sotto la guida del Prof. Rudolf Riemer, approfondendo il repertorio Liederistico con i maestri Herbert Kaliga e Maria Ehrke-Urbanovic. Nella Hochschule für Musik Hans Eisler entra nella classe di violino di Prof. Eberhard Feltz. In Italia inizia i suoi studi di canto lirico con Alessandra Althoff Pugliese; successivamente frequenta i corsi di perfezionamento al Mozarteum di Salisburgo e delle Masterclass con Bernadette Manca di Nissa. Ha all’ attivo molti recital in Italia e Europa, anche con repertorio cameristico e sacro, tra i quali una tournée della Petite Messe Solenelle di G. Rossini con il Teatro di Cagliari nel luglio 2013. Nel 2014 vince il concorso Aslico a Como come esordiente e al concorso di Rheinsberg a Berlino tra 450 partecipanti risulta vincitrice del ruolo della Regina della Notte nella produzione de Il Flauto magico. Debutta nel ruolo di Maga Batticuore nell’opera contemporanea Arcibaldo Sonivari a Pordenone. A Napoli è vincitrice della IV edizione del concorso internazionale Santa Chiara, ottenendo il primo premio e il premio della giuria popolare. Attualmente studia con il M.°Fernando Cordeiro Opa a Bologna. Larissa Alice Wissel è cresciuta con il tedesco, francese e spagnolo come madrelingua. Parla inoltre italiano e inglese e ha conoscenze della lingua norvegese. Tra i suoi impegni recenti e futuri: Il Re pastore, Orfeo ed Euridice, Don Pasquale a Trieste, I Racconti di Hoffmann nel Circuito As.Li.Co e La Bohème a Macerata e, sempre nel circuito As.Li.Co., La Vedova allegra a Cagliari, Zenobia in Palmira a Napoli.

MATTEO JIN

 

Nasce a Cheonan in Corea del Sud nel 1987. Si diploma in Canto Lirico al Seoul Arts High School. Trasferitosi in Italia, studia Canto Lirico al Conservatorio di Musica “Giuseppe Verdi” di Milano, dove si e’ diplomato con il massimo dei voti. In Italia è stato vincitore dei seguenti premi: Premio Giulotto di Pavia, Città di Asti, Città di Brescia, Spiros Argiris, Porana Lirica, Moncalvo in Canto, F.P.Tosti in Franciacorta, Salice d’oro, Martini-Mantova, Rinaldo Pelizzoni, Premio delle Arti, Riccardo Zandonai ed OMEGA. Ha collaborato con Maestri e artisti del calibro di Paolo Olmi, Enrico Zucca, Riccardo Serenelli, Giuliano Carella, Roberto Gianola, Francesco Medda, Ambrogio Maestri. Ha cantato in importanti teatri italiani, tra cui il Teatro Fraschini di Pavia, il Teatro Tullio Serafin di Cavarzere, il Teatro Alfieri di Asti, il Teatro Impavidi di Sarzana, il Teatro Persiani di Recanati, il Teatro Feronia di Recanati, il Teatro Alessandro Bonci di Cesena, il Teatro Diego Fabbri di Forli, il Teatro Francesco Cilea di Reggio Calabria. Ha interpretato Leporello in Don Giovanni, Figaro nel Barbiere di Siviglia, Belcore e Dulcamara in Elisir D’amore, Lord Enrico Ashton in Lucia di Lammermoor, Giorgio Germont nella Traviata, il Conte di Luna in Trovatore, Rodrigo in Don Carlos, Rigoletto in Rigoletto, Amonasro in Aida, Falstaff in Falstaff, Sharpless in Madama Butterfly, Marcello e Schaunard in Bohème e Tonio in Pagliacci. Ha lavorato con varie orchestre per il “Festival Sinfonico Massa”, il “Gala Verdiano a Savignone”, il “Festival lago di Como” e il “Festival sinfonico di Massa”.

 

ALESSANDRO TREBESCHI

Si diploma sotto la guida del M° Giacomo Bellini presso il Conservatorio “L. Campiani” di Mantova ed è stato allievo dei Maestri Rinaldo Rossi, Cristiano Burato e Piernarciso Masi. Si perfeziona anche con A. Ciccolini e C. Martinez-Mehner, oltre ad altri importanti maestri. Tra i risultati più importanti, nel 2009 ha ottenuto una medaglia d’onore al “Maria Canals” di Barcellona e il quarto premio al “European Piano Competition” tenutasi a Le Havre durante la quale si è esibito insieme alla Warsaw Symphonic Orchestra, diretta da Peter Csaba. Inoltre è risultato semifinalista al “Premio Iturbi” di Valencia nel 2010. Si è esibito in diversi Paesi: Polonia (European Representative Palace a Cracovia), Moldavia (Organ Hall a Kishinev), Macedonia (Sala del conservatorio di Skopje, Bitola Festival), Germania (Kawai Hall a Krefeld), Austria (museo Haydn a Eisenstadt), Francia (Ouistreham, Parigi), Germania (Düsseldorf), Norvegia, Giordania e altri. È attualmente direttore artistico e didattico dell’Accademia “A.Vivaldi” di Carpenedolo (BS), per la quale cura anche l’organizzazione di una stagione concertistica. Da pianista accompagnatore collabora con la Fondazione del Teatro Grande di Brescia e si è esibito presso il Teatro del “Maggio Musicale Fiorentino” a Firenze e il Teatro Comunale di Bologna, partecipando alla preparazione di opere musicali sotto la direzione di Zubin Mehta, Enrico Maria Sardelli, Michele Mariotti ed altri.