L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Una settimana con Donizetti

Donizetti buffo e serio, titoli celeberrimi come Lucia di Lammermoor e una prima visione Rai sono il filo conduttore di una settimana che vedrà anche appuntamenti con la danza in prima serata dalla Scala e concerti dal barocco alla musica dell'ultimo secolo. 

Domenica all’opera 

G. Puccini, La bohème

ore 10:00

È dedicata a Mirella Freni a un anno dalla scomparsa, avvenuta il 9 febbraio 2020, la tradizionale programmazione operistica della domenica mattina alle 10 che Rai Cultura propone sul suo canale Rai5. Nel mese di febbraio dunque, sono proposti quattro grandi spettacoli che hanno visto protagonista il grande soprano italiano in teatro o in televisione. 

Il terzo spettacolo, domenica 21 febbraio, vede Mirella Freni protagonista accanto a un altro grandissimo modenese: Luciano Pavarotti. È La bohème, andata in scena al Teatro Regio di Torino nel 1996 in occasione del centenario dell’opera di Puccini, che vide la luce proprio nel capoluogo piemontese. Lo spettacolo è firmato da Giuseppe Patroni Griffi, mentre la direzione musicale è affidata a Daniel Oren. Sul palco accanto ai due protagonisti anche Nicolai Ghiaurov, Lucio Gallo, Anna Rita Taliento e Pietro Spagnoli. La regia televisiva è di Ilio Catani.

L’ultima domenica, il 28 febbraio alle 10, è in compagnia del capolavoro di Gaetano Donizetti L’elisir d’amore, proposto nella storica edizione realizzata negli studi televisivi della Rai di Torino nel 1968. Nel cast, accanto a Mirella Freni, Sesto Bruscantini, Renzo Casellato, Enrico Dezan ed Elena Zilio. La direzione musicale è affidata a Mario Rossi, la regia è di Alessandro Brissoni, mentre le coreografie sono ideate da Susanna Egri. 

CONCERTO

Semyon Bychkov e Tom Borrow con Santa Cecilia (2020)

Ore 18:05

È il grande direttore russo Semyon Bychkov il protagonista del concerto dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia che Rai Cultura trasmette in prima Tv giovedì 18 febbraio alle 21.15 su Rai5. La serata si apre con il Concerto per pianoforte e orchestra n. 24 K 491 di Mozart, interpretato dal ventenne pianista israeliano Tom Borrow, salito recentemente e in maniera repentina alla ribalta internazionale, conquistando la curiosità della critica che lo ha acclamato come una delle future star del pianoforte. A seguire Bychkov, attuale Direttore Musicale della Czech Philharmonic, interpreta la Sinfonia n. 3 “Scozzese” scritta da Felix Mendelssohn-Bartholdy ispirato da un viaggio a Edimburgo intrapreso nel 1829, a vent’anni. Un primo abbozzo della sinfonia, risalente agli anni del soggiorno romano di Mendelssohn nel 1831, venne ripreso solo dieci anni dopo, e la partitura – rievocazione di quel viaggio giovanile – con dedica alla Regina Vittoria, fu completata nel 1842 ed eseguita a Londra sotto la direzione dell’autore.

Prima della prima

La bohème

ore 19:23

Al Teatro Petruzzelli di Bari un nuovo allestimento de "La Bohème" del regista Hugo De Ana. Un'affascinante messa in scena ispirata al grande cinema: dalla lunare magia dello Charlot di Charlie Chaplin alla triste allegria del mondo del circo di Federico Fellini. Sul podio Giampaolo Bisanti.

Lunedì 22 febbraio

OPERA

G. Donizetti, Il borgomastro di Sardaam

ore 10:00

Dal Teatro Sociale di Bergamo il Borgomastro di Saardam di Donizetti con la direzione musicale di Roberto Rizzi Brignoli e la regia di Davide Ferrario, al suo debutto nella lirica. Il cast vede affiancati Andrea Concetti, Giorgio Caoduro, Juan Francisco Gatell, Irina Dubrovskaya e Aya Wakizono.

CONCERTO

Inbal dirige De Falla e Respighi

ore 17:13

L'Orchestra sinfonica Nazionale della RAI diretta da Eliahu Inbal esegue: De Falla, Concerto Sinfonico "Il cappello a tre punte" e Respighi, "Pini di Roma" e "Fontane di Roma".

Martedì 23 febbraio

OPERA

G. Donizetti, Roberto Devereux

ore 10:00

Dal Teatro Carlo Felice di Genova Roberto Devereux di Donizetti nell'allestimento firmato da Alfonso Antoniozzi con la direzione musicale di Francesco Lanzillotta. Protagonisti sul palco Mariella Devia, Sonia Ganassi, Stefan Pop, Mansoo Kim, Alessandro Fantoni, Claudio Ottino, Matteo Armanino.

FILM-Opera/prosa

Zoroastro - Io, Giacomo Casanova

Dall’opera lirica di Jean Baptiste Rameau – Lettura dei testi di Giacomo Casanova: Galatea Ranzi

ore 17:36

Sinossi

“A Parigi, in quel 1751, il conte di Loz, ambasciatore del re di Polonia ed elettore di Sassonia, mi commissionò la traduzione italiana di un’opera francese che si prestasse a grandi trasformazioni e che potesse essere arricchita di balletti di soggetti identici. Scelsi Zoroastro di Louis de Cahusac”. L’attrice, imbellettata, da voce al punto di osservazione di Giacomo Casanova dal suo eremo di Dux, in Cecoslovacchia, dove oramai anziano da qualche anno sta ponendo mano alle sue memorie. L’interesse dell’avventuriero veneziano verso quel lavoro scaturisce nel contesto della Francia volta ad “illuminare la mente degli uomini” e che pose le basi alla Rivoluzione. La Theresia Youth Baroque Orchestra diretta da Claudio Astronio si rivela nella prima esecuzione moderna di una sequenza di pagine musicali strumentali e vocali tratte dalla prima versione di Zoroastre. Con l’introduzione della figura di Zoroastre in scena, de Cahusac e Rameau fecero compiere alla forma dell’opera francese una rivoluzione nella stessa forma del genere, mentre nella scelta del soggetto l’attenzione essi si rivolgono alla vita di Zoroastro che era stato riconosciuto come il fondatore di una religione capace di contrastare le tenebre e le forze del male a favore dell’affermazione della saggezza e della luce. Gli spazi neoclassici offerti dai recenti restauri del Teatro Galli di Rimini vengono disvelati dall’azione musicale, mentre il gesto coreografico – declinazione contemporanea delle funzioni della danza intese da de Chausac – collega, e unisce l’intrigo che nel 5° atto dell’opera segna la vittoria definitiva di Zoroastro, ossia della luce, sull’antagonista, cioè le tenebre. La rivoluzione è compiuta. Ma Casanova, con lo sguardo disincantato della piena maturità, sempre indirizzandosi al suo corrispondente, ne evidenzia con distacco e cinico realismo il fallimento: “Al ritorno della pace, tutti gli effetti de questa terribile rivoluzione spariranno, come dopo un furioso uragano noi vediamo la superficie del mare calmo, e il cielo stesso più sereno di quanto fosse prima dell’agitazione che sembrava sconvolgere la natura (…)” Tenebre, Oscurantismo e Luce, ciascuno di noi saprebbe identificarli nel proprio quotidiano e chiedersi se la vittoria dell’intelligenza sulla stupidità sia possibile.

Regia e drammaturgia: Gianni Di Capua

Produttore Esecutivo: Lucio Scarpa

Direttore della Fotografia: Giovanni Andreotta

Interpreti: Galatea Ranzi, Casanova | Martina Tardi, Amelita | Andre s Montilla Acurero, Zoroastro | Olivier De jean Abramano, Carlotta Plebs azione coreografica

Orchestra: Theresia Youth Baroque Orchestra diretta da Claudio Astronio.

Mercoledì 24 febbraio

OPERA

G. Donizetti, Don Pasquale

ore 10:00

Dal Teatro Alighieri di Ravenna Don Pasquale di Gaetano Donizetti con la regia di Andrea De Rosa e la direzione musicale di Riccardo Muti. Protagonista sul palco Claudio Desderi, nel ruolo del titolo. Accanto a lui Mario Cassi, Juan Francisco Gatell, Laura Giordano e Gabriele Spina. Regia tv di Gabriele Cazzola.

Prima della prima

Marino Faliero

ore 17:29

Marino Faliero ha aperto la sesta edizione del “Donizetti Opera” nel restaurato Teatro Donizetti di Bergamo. Orchestra e Coro sono sul palco, mentre l'azione scenica si svolge in platea in un intricato dedalo di passerelle e ponteggi. Dirige Riccardo Frizza, progetto creativo ricci/forte con la regia di Stefano Ricci.

OPERA

G. Donizetti Le convenienze e inconvenienze teatrali

Ore 21.15

Le Convenienze ed inconvenienze teatrali Prima Visione RAI Le convenienze ed inconvenienze teatrali  - Dall'Opera Nazionale di Lione il M° Lorenzo Viotti dirige Le Convenienze ed inconvenienze teatrali (Viva la Mamma!) una coproduzione con il Gran Teatro di Ginevra, il Teatro Regio di Torino e il Liceu di Barcelona. Tra gli interpreti:Laurent Naouri, Patrizia Ciofi, Charles Rice. Regia teatrale di Laurent Pelly. - con Regia teatrale e costumi Laurent Pelly; Scene Chantal Thomas ; Orchestra e Coro dell'Opéra de Lyon Direttore Lorenzo Viotti. Mamma Agata Laurent Naouri Daria, prima donna Patrizia Ciofi Procolo, suo marito Charles Rice

Giovedì 25 febbraio

OPERA

G. Donizetti, Lucia di Lammermoor

ore 10:00

Dal Teatro alla Scala Lucia di Lammermoor di Donizetti. Sul podio il M° Stefano Ranzani, nel cast Mariella Devia, Vincenzo La Scola, Renato Bruson, Carlo Colombara, Ernesto Gavazzi, Marco Berti, Floriana Sovilla. Regia teatrale e televisiva di Pier’Alli che firma anche le scene e i costumi.

CONCERTO

Donizetti, Verdi, Bellini con l'Orchestra Rai

ore 17:45

CONCERTO SINFONICO. GAETANO DONIZETTI: Maria di Rohan Sinfonia. VINCENZO BELLINI: Norma Sinfonia. GIUSEPPE VERDI Luisa Miller Sinfonia. Direttore Boncompagni e Orchestra Sinfonica di Roma della Rai.

DANZA

Grandi momenti di danza (2020)

ore 21.15

Una serata concepita dal nuovo Direttore del Corpo di Ballo scaligero Manuel Legris per mettere in risalto la versatilità stilistica e interpretativa dei danzatori della Scala e unire in un unico evento la sensibilità del Novecento e la creatività contemporanea alla storia del balletto. Protagonisti sono i primi ballerini, i solisti e gli artisti del Corpo di Ballo del Teatro alla Scala in un ricco programma che accosta brani classici ad estratti moderni, da La Sylphide di August Bournonville, al Corsaro nella coreografia dello stesso Legris, da Excelsior di Ugo Dell’Ara a Le Spectre de la rose di Fokin e Don Chisciotte di Nureyev, da Sentieri di Philippe Kratz a Progetto Händel di Mauro Bigonzetti.

Grandi Momenti di Danza

con i Primi ballerini, Solisti e artisti del Corpo di Ballo

del Teatro alla Scala

Direttore Manuel Legris

Orchestra del Teatro alla Scala

Direttore David Coleman

La Sylphide

dall’atto II

Coreografia August Bournonville

Musica Herman Severin Løvenskjold

Vittoria Valerio Nicola Del Freo

da Le Corsaire

Coreografia Manuel Legris

da Marius Petipa e altri

Musica Adolphe Adam e altri

Virna Toppi Marco Agostino

Antonella Albano Mattia Semperboni

Agnese Di Clemente Gaia Andreanò Linda Giubelli

e il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala

SENTieri

Trio

Coreografia Philippe Kratz

Musica Fryderyk Chopin

Alessandra Vassallo, Christian Fagetti, Andrea Risso

Excelsior

Passo a due dall’atto II

Coreografia Ugo Dell’Ara

Musica Romualdo Marenco

Martina Arduino Federico Fresi

Progetto Händel

Passo a due dall’atto II

Coreografia Mauro Bigonzetti

Musica Georg Friedrich Händel

Maria Celeste Losa Gabriele Corrado

Le Spectre de la rose

Coreografia Rudolf Nureyev

da Michail Fokin

Musica Carl Maria von Weber

Emanuela Montanari Claudio Coviello

Don Chisciotte

Grand Pas de deux,atto III

Coreografia Rudolf Nureyev

Musica Ludwig Minkus

Nicoletta Manni Timofej Andrijashenko

Gaia Andreanò

e il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala

Venerdì 26 febbraio

DANZA

Cristoforo Colombo

ore 10:00

Dal Teatro alla Scala Cristoforo Colombo. Balletto in tre atti sulle musiche di Gaetano Donizetti e le coreografie di Alberto Mendez, per la regia di Beppe Menegatti. Sul Podio il M° Armando Gatto, protagonisti sul palco Carla Fracci, Bryan Hewison e Maurizio Vanadia. Regia tv di Gianni Seyta-Casal. - di Beppe Menegatti 1992

CONCERTO

Concerto per il nuovo anno Honeck

ore 17:50

Dall'Auditorium Parco della Musica - l'ORCHESTRA DELL'ACCADEMIA NAZIONALE DI SANTA CECILIA esegue musiche di J.STRAUSS, CAJKOVSKIJ, BRAHMS, WEBER, BERLIOZ, PONCHIELLI, OFFENBACH.

Sabato 27 febbraio

Sabato classica

La Messa di Bach, conservatori in concerto PRIMA VISIONE ore 8:25 e ore 19:07

L’umano e il suo divino, Alessandrini dirige Monteverdi PRIMA VISIONE ore 9:25 e ore 20:01

Per lo spazio “Sabato classica” in onda sabato 27 febbraio su Rai5, Rai Cultura propone uno speciale che racconta la preparazione e l’esecuzione della “Messa in si min” di Bach eseguita a Roma nel novembre 2019. Quattordici conservatori e decine di studenti provenienti da varie città italiane hanno partecipato alla produzione. Regia Eva Pietroni e Claudio Rufa.

A seguire, viene proposto il concerto di Rinaldo Alessandrini che esegue musiche di Monteverdi. Il racconto propone anche un itinerario all’interno del Palazzo Ducale di Mantova alla ricerca dell’ambiente dove Monteverdi ha eseguito per la prima volta il suo Orfeo.
 

OPERA

G. Puccini, La bohème

ore 10:47

È dedicata a Mirella Freni a un anno dalla scomparsa, avvenuta il 9 febbraio 2020, la tradizionale programmazione operistica della domenica e del sabato mattina che Rai Cultura propone sul suo canale Rai5. Nel mese di febbraio dunque, sono proposti quattro grandi spettacoli che hanno visto protagonista il grande soprano italiano in teatro o in televisione. 

Il terzo spettacolovede Mirella Freni protagonista accanto a un altro grandissimo modenese: Luciano Pavarotti. È La bohème, andata in scena al Teatro Regio di Torino nel 1996 in occasione del centenario dell’opera di Puccini, che vide la luce proprio nel capoluogo piemontese. Lo spettacolo è firmato da Giuseppe Patroni Griffi, mentre la direzione musicale è affidata a Daniel Oren. Sul palco accanto ai due protagonisti anche Nicolai Ghiaurov, Lucio Gallo, Anna Rita Taliento e Pietro Spagnoli. La regia televisiva è di Ilio Catani.

 

Spazio “Contemporanea”

PRIMA VISIONE

Rumori del ‘900

Un programma dedicato alla musica moderna e contemporanea con una proposta di brani eseguiti dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai nei suoi vari concerti, dal 1994 a oggi. È la serie di Rai Cultura “Rumori del ‘900”, con la regia di Elisabetta Foti, che nell’appuntamento in onda sabato 27 febbraio alle 23.30 su Rai5, propone Igor Stravinskij, Oedipus Rex, opera-oratorio in due atti, per soli, coro maschile e orchestra, direttore Juraj Valčuha; Strauss/Schönberg, Rosen aus dem Süden, valzer op. 388.

 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.